,

Gatti selvatici: il Caracal

Avete mai sentito parlare del Caracal? È uno splendido gattone selvatico il cui nome (syahgosh, in turco) significa “orecchio nero”. Questa è infatti la caratteristica fisica più evidente di questo felino di media grandezza:  le orecchie, scure, di un colore diverso da quello del manto rossastro. Presso altre culture, infatti, il Caracal è chiamato rooikat, proprio a significare il colore della sua pelliccia.

E’ proprio la particolarità del suo manto a farne un felino molto apprezzato nel mondo dei naturalisti: esso è più scuro sul dorso, mentre pancia e fianchi arrivano ad essere quasi bianchi. Completano il quadro –cromatico- molto suggestivo, le striature sotto gli occhi, che ne sottolineano lo sguardo intenso, la macchia nera sul muso e le orecchie. Enormi, più grandi rispetto a qualsiasi altro felino, le orecchie del Caracal appaiono un po’ buffe, per via della loro lunghezza, la forma appuntita e i ciuffi di peli neri che ne vengono fuori, che possono raggiungere gli 8 centimetri di lunghezza.

In compenso la testa è minuta, l’altezza varia dai 43 ai 50 centimetri mentre il peso può raggiungere i 20 chilogrammi. Gli avvistamenti dei Caracal sono molto recenti: i naturalisti ne registrano le prime tracce intorno agli anni Sessanta in Africa, a sud della Nigeria, ma è possibile trovare esemplari di questi gatti selvatici anche  Asia, Pakistan, Iran, Iraq, Turkestan, Turkmenistan e Arabia Saudita dove tuttavia il Caracal presenta un manto che varia per colore e striature.

Particolarmente ghiotto di galline, gazzelle, serpenti e piccole pecore, il Caracal è un vero predatore: azzanna le sue prede al collo, cogliendole sempre di sorpresa né si spaventa se le dimensioni della vittima sono molto maggiori delle sue, vi si avventa con la stessa determinazione.

Tutto il suo corpo gli viene in aiuto in questa impresa: le zampe tarchiate e solide, il dorso piatto, la coda e le orecchie (le sue antenne) estremamente lunghi e sensibili ad ogni minima ricezione. Rispetto ai comuni gatti di casa il Caracal raggiunge la maturità sessuale abbastanza tardi, intorno ai due anni, e anche la sua vita è molto lunga: può arrivare fino ai 20 anni.  Durante ogni gestazione la femmina del Caracal porta in grembo un paio di cuccioli che una volta nati verranno allevati nelle tane di solito di facoceri e porcospini che la mamma troverà libere.

Nonostante non siano ricche di prede, il Caracal ama muoversi nelle zone molto secche, aride, ma anche nei luoghi boscosi; il suo temperamento è molto aggressivo, solitario, e in presenza dell’uomo, spesso attacca anche lui. Per rifugiarsi da predatori, o semplicemente per allontanarsi da chi lo disturba, il Caracal preferisce solitamente gli alberi alle tane: qui spesso cattura il suo cibo preferito, gli uccelli, che di solito abbatte con una sola, decisa zampata, e può ripetere questa operazione anche quattro-cinque volte consecutivamente.

Ritenuto un animale aggressivo dai naturalisti il Caracal è tuttavia animale assai carismatico al punto da essere adorato dall’uomo sin dall’antichità, e da esso addomesticato, così  come dimostrano le raffigurazioni risalenti all’antico Egitto e alla Persia.

Gatti selvatici: il Caracal
5 (100%) 3 votes

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *