Gatti vip, i gatti delle star e celebrità

Cosa c’è di meglio di tornare a casa alla sera dopo una giornata stressante e trovare il nostro micio morbido e affettuoso ad accoglierci e a scioglierci da tutte le tensioni con una bella dose di coccole sul divano?

Devono saperlo anche le star, oltre a noi comuni mortali, dato che molti nomi noti hanno deciso di far entrare un coinquilino peloso nelle loro case. Nomi che infatti si associano a caratteri e personalità decisamente “felini”.

Tra quelli nazionali, grandi amanti dei gatti sono Anna Falchi, Giusy Ferreri e Paola Barale, quest’ultima tanto da dichiarare che “il gatto è come un amante, il cane un parente” e tatuarsi due mici stilizzati sul braccio e un altro sulla schiena.

Un’altra appassionata di gatti nostrana è la nota conduttrice Lycia Colò, che, nonostante ami tutti gli animali in genere, ha un particolare affetto per i baffuti amici. Nel 2007 ha pubblicato un libro scritto in memoria proprio della sua amata micia Pupina (Cuore di gatta), alla quale ne è seguito poi anche un secondo (L’ottava vita. I nostri animali vivono per sempre).

 

micio-parisSulla scena internazionale, volti noti immortalati insieme ai gatti sono Ke$ha, con il suo gatto siamese Mr. Peeps, la “gattona” Dita von Tesse, con il suo Aleister, David Bowie, tanto da aver intitolato una sua canzone “Cat people”, e l’ereditiera Paris Hilton, che forse stanca del suo ormai famoso chihuahua è stata immortalata anche con un gatto “da passeggio”.

 

Non poteva mancare in questa lista Katy Perry, una vera e propria gattara con i suoi Krusty, Kitty Purry e Morrissey, che possono contare sulla presenza di un addestratore che cura anche la loro salute psicologica.

 

Il gatto probabilmente più coccolato resta però la siamese bianca dello stilista Karl Lagerfeld, Choupette, che ha ispirato allo stilista una nuova collezione di make up chiamata proprio con il suo nome, e di cui ha fatto pure da testimonial. Le foto l’avranno ritratta sicuramente in perfetta forma, dato che la micia, al pari di una vera vip in carne e ossa, ha a sua disposizione un’estetista, un cuoco e due colf.

 

Anche il comico Steve Martin è un amante dei felini. Parlando del suo gatto, ha dichiarato, ovviamente alla sua maniera: “Gli ho fatto il bagno l’altro giorno…è rimasto seduto tranquillo, gli è piaciuto…certo, mi è rimasto un po’ di pelo sulla lingua, ma non importa…”.

 

Estimatori di gatti del passato sono stati Marlon Brando, Marylin Monroe, che oltre ai vari cani aveva anche un gatto persiano di nome Mitsou, e anche l’avventuroso scrittore Ernest Hemingway, tanto che la sua casa a Key West in Florida è diventata una colonia ufficiale per gatti dopo la sua morte.

 

gatto_larry-kanG-U1020625636361osG-330x185@LaStampa.itNon possiamo concludere senza prima citare anche Larry, il gatto scelto in un rifugio per andare a vivere a Downing Street, residenza del primo ministro inglese. Il povero gatto però, diversamente dai suoi colleghi adottati dagli altri vip, si deve guadagnare vitto e alloggio soprintendendo alla caccia di eventuali topi nella prestigiosa casa. Ruolo che ricopre alla perfezione, tanto da meritarsi il titolo di “Capo cacciatore di topi del governo”, coniato appositamente come riconoscimento per i più bravi felini che hanno ricoperto questo ruolo. La sua attività è così di interesse nel mondo inglese che è stata a lui dedicata una striscia settimanale sul Sunday Expressdal profilo Instagram di Choupette  e  e addirittura una pagina personale su Wikipedia, con tanto di data precisa in cui è stata catturata la prima preda. Gatto con licenza di uccidere.

 

E tu cosa ne pensi? Sono o non sono i gatti i veri vip?

Vota questo articolo:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *