La salute del gatto

Antibiotico per gatti, tutto quello che c’è da sapere

Gli antibiotici per gatti sono comunemente prescritti per la cura dei gatti con l’intento di aiutare il micio ad eliminare infezioni. Tuttavia, gli antibiotici devono essere scelti e prescritti in modo responsabile a causa della crescente prevalenza di infezioni batteriche multiresistenti o antibiotico resistenti negli animali da compagnia e della preoccupazione per l’uso eccessivo e improprio degli antibiotici.

Sebbene la scelta dell’antibiotico dovrebbe idealmente essere basata su colture e test di sensibilità, questo è spesso poco pratico in situazioni cliniche e i veterinari si trovano spesso a prescrivere antibiotici per gatti a largo spettro basandosi sugli organismi che più probabilmente si trovano nell’infezione. La terapia empirica con antibiotici ad ampio spettro per gatti dovrebbe essere limitata alle infezioni gravi o a quelle che non sono sensibili agli antibiotici a spettro ristretto.

Inoltre molti proprietari nella cura dei loro animali spesso praticano il “fai da te”, utilizzando antibiotici per gatti senza ricetta veterinaria o somministrando antibiotici ad uso umano al loro gatto. Inutile dire che queste pratiche sono spesso molto dannose per la salute del gatto.

Cosa sono gli antibiotici per gatti

Gli antibiotici sono un importante medicinale usato per trattare le infezioni batteriche sia nell’uomo che negli animali. Gli antibiotici agiscono uccidendo i batteri e impedendone la diffusione. Gli antibiotici per gatti possono presentarsi come compresse, in forma liquida, gocce, crema o un’iniezione.
Gli antibiotici in generale stanno lentamente perdendo la loro efficacia, questa è detta “resistenza agli antibiotici”. Quindi bisogna valutare molto bene quando e per che cosa somministrare un antibiotico, e soprattutto utilizzarlo quando è davvero necessario.

Quando dare un antibiotico al gatto

I veterinari prescriveranno antibiotici per il tuo gatto se gli è stata diagnosticata un’infezione batterica che pensano sia improbabile che si risolva da sola o se pensano che potrebbe diffondersi ad altri animali. Senza trattamento, le infezioni batteriche possono diventare più gravi e portare a complicazioni.

I veterinari cercano di limitare il più possibile la prescrizione di antibiotici a causa della già citata diffusione della resistenza agli antibiotici. In passato sono stati usati eccessivamente gli antibiotici e quindi i batteri hanno iniziato ad adattarsi e sono diventati più forti, rendendo più difficile ucciderli con gli antibiotici esistenti. In futuro questo può diventare un problema perché potrebbero diventare meno efficaci un sacco di antibiotici e il trattamento delle infezioni batteriche diventerà più difficile.

Il tuo veterinario quindi deve valutare attentamente se il tuo gatto ha bisogno o meno di un antibiotico e di quale ha bisogno.

Come somministrare l’antibiotico al gatto

Gli antibiotici possono presentarsi in diverse forme, quindi sarà il tuo veterinario a dirti quando e come dare l’antibiotico al gatto. E’ importante anche completare il ciclo di assunzione di antibiotico, per non limitarne l’efficacia e dover inutilmente ripartire.

Gli antibiotici possono presentarsi come compresso o essere liquidi, i spray o in gocca. Per somministrarli al micio se sono in formato pillola ti rimando all’articolo “Come dare la pillola al gatto” che ti consiglia le varie mosse che si possono fare.

Le compresse e le capsule mal deglutite possono depositarsi nell’esofago dei gatti in seguito all’ingestione; nel peggiore dei casi questo può provocare una grave esofagite e formazione di stenosi, ma anche se non irritante, il gatto avvertirà un disagio quando si verifica una deglutizione incompleta di una compressa o capsula.

Pertanto la somministrazione di compresse o capsule deve essere sempre seguita da cibo (se appropriato) o acqua per incoraggiare la deglutizione completa; applicare una piccola quantità di burro sul naso per incoraggiare il gatto a leccare e deglutire può essere molto efficace.

Si possono anche provare gli appositi “spara pillole” oppure bocconcini morbidi in cui nascondere le compresse e farmaci orali e alcuni antibiotici possono essere schiacciati e somministrati nel cibo o nell’acqua, sebbene bisogna sempre prima informarsi che ciò non influisca sull’efficacia.

Se il tuo veterinario lo ritiene opportuno, può anche utilizzare antibiotici liquidi e iniettarli con iniezioni o tramite flebo. In alcuni casi, il tuo veterinario potrebbe fissare un altro appuntamento con te e il tuo gatto per un’altra dose di antibiotico.

Se dimentichi di dare al tuo gatto i suoi antibiotici, dagli la dose non appena te ne ricordi e poi continua il corso normale della terapia. Ma se è quasi il momento della dose successiva, salta gli antibiotici dimenticati e non raddoppiare mai per compensare la dose dimenticata. Contatta il tuo veterinario per ulteriori consigli.

Se per sbaglio dai al tuo gatto più antibiotici di quanto ti ha detto il tuo veterinario, il tuo gatto potrebbe non stare bene. Sebbene sia raro che una seconda dose di antibiotici causi danni gravi, è meglio prevenire che curare, quindi parla con il tuo veterinario.

Tipi di antibiotici per gatti

Gli antibiotici possono essere suddivisi in “agenti dipendenti dal tempo” (ad es. Penicilline, cefalosporine) e “agenti dipendenti dalla concentrazione” (ad es. Fluorochinoloni, metronidazolo) in base al metodo di uccisione batterica che usano.

Gli antibiotici tempo-dipendenti devono essere mantenuti al di sopra della concentrazione minima inibitoria (MIC) per tutto l’intervallo di dosaggio e quindi è estremamente importante somministrare gli antibiotici agli intervalli di dosaggio precisi indicati, ad esempio ogni otto ore.

Gli antibiotici concentrazione-dipendenti hanno un’azione che dipende dal picco di concentrazione di antibiotico raggiunto, quindi non dipendono da un intervallo di tempo rigoroso.

Ecco alcuni tra i principali antibiotici per gatti più spesso utilizzati

Gentamicina
Utilizzato principalmente per infezioni batteriche generali, la gentamicina è un iniettabile e comunemente usato per cani e gatti. È disponibile su prescrizione e approvato dalla FDA. È uno degli antibiotici più utilizzati per gli animali domestici.

Tuttavia, sebbene la gentamicina sia efficace contro un’ampia gamma di batteri, non usarla se il tuo gatto ha la febbre o è disidratato.

Convenia
Convenia è stato il primo e, a suo tempo, l’unico antibiotico monodose per cani e gatti. È un antibiotico a lungo termine, il che significa che una dose dovrebbe funzionare per 14 giorni.

Ora, la convenia è particolarmente utilizzata per le infezioni della pelle che possono anche portare a graffi e morsi. È ancora comunemente usato, anche se con tutti gli antibiotici di dieci anni o più, abbiamo scoperto che possono emergere alcuni effetti collaterali piuttosto gravi e fatali se i proprietari non sono cauti. In definitiva, prima di procedere, sappi che tecnicamente rimane nel corpo del gatto per due mesi o più e che una volta nel loro sistema, non c’è modo di eliminarlo se non aspettando. Quindi questo potrebbe influire sull’uso con altri farmaci.

Enrofloxacina
Potresti conoscere l’enrofloxacina con un nome diverso, baytril. Tratta la maggior parte delle infezioni batteriche interne, ma è anche comunemente noto per il suo trattamento delle infezioni del tratto urinario. L’enrofloxacina è un antibiotico fluorochinolonico.

La buona notizia dell’enrofloxacina è che è un farmaco molto sicuro da usare in generale. Tuttavia, come con tutti i farmaci in tutti gli esseri viventi, può interagire con altri farmaci, quindi tienilo presente.

Amoxicillina
Sebbene l’amoxicillina sia un antibiotico comunemente usato anche sulle persone, cambia il suo utilizzo sul gatto. In realtà ci sono diversi farmaci che utilizziamo sugli esseri umani che si possono utilizzare sugli animali, ma in modo diverso perché gli animali hanno una struttura diversa, un peso diverso, ecc

Innanzitutto, simile all’enrofloxacina, l’antibiotico per gatti amoxicillina è un farmaco comunemente usato per trattare le infezioni del tratto urinario e le infezioni gastrointestinali negli animali. Se inizi a somministrare amoxicillina al tuo amico felino e iniziano a svilupparsi sintomi come vomito e diarrea, contatta immediatamente il tuo veterinario perché questo è un pessimo segno. Poiché questo farmaco è utilizzato spesso per problemi digestivi, dovrebbe migliorare le cose, quindi i segni di peggioramento potrebbero essere un indicatore di una condizione sottostante. In caso contrario, l’amoxicillina è un buon farmaco e un punto di riferimento comune in questi tipi di casi. Un esempio di antibiotico per gatti con Amoxicillina è l’Augmentin, un altro è Synulox.

Clindamicina
La clindamicina è un farmaco utilizzato per trattare la pelle e altre infezioni batteriche, nonché infezioni dentali e ossee. E’ usato per trattare la toxoplasmosi, ma è anche la scelta migliore per il trattamento delle infezioni batteriche nella pelle, nella bocca o nelle ossa del gatto. È usato per trattare i gattini perché è molto ben tollerato e ad azione relativamente rapida .

Tratta anche le infezioni dei tessuti molli, come contusioni, stiramenti, distorsioni, nonché qualsiasi altro problema correlato ai muscoli (questo non include l’artrite). Nello specifico, le infezioni muscolari e ossee sono le specialità della clindamicina.

Antibiotici naturali
Ci sono parecchi rimedi antibiotici a base di erbe che si possono usare anche con i gatti. Alcuni di loro, come la menta e la liquirizia, sono cose che conosciamo abbastanza e che noi (umani) usiamo per i trattamenti a base di erbe. Nei gatti ad esempio, erbe come l’achillea sono utili per le ferite e ad esempio la camomilla è ottima per i dolori digestivi.

Tieni presente che mentre alcune persone preferiscono utilizzare trattamenti naturali prima di entrare in uno studio medico, dovresti essere più cauto con i gatti. I rimedi naturali per gli animali domestici sono ancora qualcosa di nuovo e vengono ricercati sempre di più con il passare del tempo. Ma non abbiamo tante informazioni al riguardo come ne abbiamo per gli umani, quindi il veterinario dovrebbe davvero essere la tua prima mossa se ritieni che qualcosa di brutto o urgente stia accadendo con il tuo amico felino.

Ecco altri antibiotici per gatti utilizzati:

  • Cephalexin — La cefalexina è un altro antibiotico ad ampio raggio che è popolare per l’uso nei gatti perché in genere produce effetti collaterali minimi. È usato per trattare infezioni del tratto urinario, infezioni batteriche della pelle e dei tessuti molli, infezioni delle ossa e infezioni del tratto respiratorio.
  • Metronidazolo: il metronidazolo è un antibiotico di riferimento per il trattamento dei gatti con malattia parodontale, sebbene sia efficace anche contro le infezioni gastrointestinali.

Tieni sempre presente che un antibiotico, specie se a largo spettro, oltre che uccidere i batteri che causano l’infezione, uccide anche batteri utili per l’organismo, ad esempio quelli che vivono nello stomaco e nell’intestino del gatto e contribuiscono ad un delicato equilibrio che influisce su molti aspetti della salute del gatto, come per noi umani. Quindi consulta sempre il veterinario in caso di infezioni o prima di pensare a dare un antibiotico al tuo gatto e non sottovalutare mai la cosa.

Leggi anche

Elisa Bertoldi
Condividi

Articoli recenti

Borsa primordiale gatto: il perché della pancia molle e penzolante

Il nostro gatto non può nemmeno essere accusato di avere la pancia molle e di… Leggi di più

25 Ottobre 2021

Gattini teneri, foto e come godersi un gattino piccolo

Purtroppo i micetti crescono molto in fretta e facciamo presto a passare dall'avere a che… Leggi di più

22 Ottobre 2021

Gatti e zucchine, possono mangiarle?

In questo articolo risponderemo alla domanda "i gatti possono mangiare le zucchine?" e vedremo anche… Leggi di più

21 Ottobre 2021