Gatto Ragamuffin

Origini della razza

Il gatto Ragamuffin è nato da un distaccamento di alcuni allevatori, avvenuto nel 1994, dalle pratiche di allevamento del gatto Ragdoll attuate da Anne Baker.

Infatti gli allevatori del gatto Ragamuffin vollero mettere in evidenza il carattere dolce ed affettuoso di questi gatti, però incrociando anche con Persiani, Himalayani e gatti di casa.

La razza, quindi molto recente, è riconosciuta solo dal WCF, dal 2009.

Il gatto è del tutto simile al Ragdoll sia caratterialmente che come standard.

E’ un gatto molto dolce, affettuoso ed attaccato al suo umano, ama abbandonarsi tra le sue braccia per ricevere le coccole.

Standard di razza del Gatto Ragamuffin (RGM):

Codice EMS: RGM
Associazioni che riconoscono la razza: WCF

  • Descrizione generale
    Aspetto generale: Il RagaMuffin è un gatto di grandi dimensioni, dalla struttura ossea e muscolare robusta, dagli occhi espressivi e dal carattere dolce ed affettuoso.
    Taglia: Grande.
  • Testa
    Forma: A forma di largo cuneo smussato, leggermente arrotondato.
    Il muso è arrotondato, più corto che lungo, piuttosto ampio. Il portabaffi è pieno.
    Fronte :Larga, appena arrotondata
    Guance: Piene e ben sviluppate.
    Naso: Dovrebbe presentare un leggero avvallamento nella terza parte superiore.
    Mento: Forte e arrotondato.
  • Orecchie
    Forma Di media grandezza, con punte lievemente arrotondate, in armonia con la testa. Moderatamente dotate di pelo.
    Piazzamento Poste molto laterali ma dritte, con una leggera inclinazione in avanti.
  • Occhi
    Forma: Grandi e ovali; l’angolo esterno dell’occhio deve essere alla stessa altezza della base dell’orecchio.
    Colore Intenso. Un colore più chiaro è ammesso nelle varietà diluite.
    Sono ammesse tutte le colorazioni degli occhi, inclusi gli occhi impari.
  • Collo
    Corto e possente.
  • Corpo
    Struttura Corpo lungo e muscoloso, con struttura ossea da media a forte.
    La zona pettorale è ampia e ben sviluppata. Più possente e muscolosa nel posteriore. Il gatto adulto ha le spalle e il posteriore di larghezza uguale.
  • Zampe
    Di media lunghezza dalla ossatura da media a forte. Le zampe posteriori sono leggermente più alte di quelle anteriori, dando alla linea della schiena l’aspetto di un’impercettibile inclinazione in avanti.
    Piedi Grandi, arrotondati e compatti, con ciuffi di pelo (‘tuft’) fra le dita
  • Coda
    Lunga, di media ampiezza alla base, si assottiglia gradualmente verso l’estremità, in giusto rapporto con le proporzioni corporee. Deve essere ben fornita di un folto pelo.
  • Ragamuffin

    Ragamuffin

    Mantello
    Struttura Di media lunghezza, densa, dalla tessitura soffice e serica, aderente al corpo. Il mantello segue i movimenti del corpo.
    Più lungo nella zona del collo, incornicia la testa, dando l’impressione di un bavaglio.
    Più corto sul muso, aumenta di lunghezza iniziando dalla parte superiore del capo, scendendo poi alle spalle ed alla zona dorsale. Da medio a lungo sui fianchi, sulla parte addominale e sulla zona posteriore del corpo. Da corto a medio sulle zampe anteriori.

  • Colore
    Sono ammesse tutte le varietà di colore, con o senza bianco, ad eccezione dei point. Il grado di simmetria dei disegni e delle macchie di bianco non ha tuttavia importanza. Il tartufo e i polpastrelli possono essere di qualsiasi colore e in qualsiasi combinazione di colore e non devono sono necessariamente legati al colore del pelo.
  • Osservazioni
    Le femmine sono sensibilmente più piccole dei maschi.
    Si deve tener conto dello sviluppo delle guance nei maschi adulti
    Lo sviluppo di questa razza è lento

Libri utili sul gatto Ragamuffin

Prezzo del gatto Ragamuffin

Il costo di questo splendido gatto può variare dai 700 ai 1000€

Scopri gli allevamenti di gatti Ragamuffin

Scopri il Ragdoll, la razza da cui ha origine il Ragamuffin

Da leggere dopo:

Gatto Ragamuffin | Caratteristiche, prezzi e allevamenti
5 (100%) 3 votes

Potrebbe interessarti:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *