News e curiosità sui gatti

Paura dei gatti, ecco come superare questa fobia

Conosciuta sia come gattofobia che ailurofobia, la paura dei gatti non è comune come la paura dei cani, tuttavia, la paura dei gatti può avere effetti profondi sulla vita quotidiana delle persone, rendendo impossibile visitare gli amici che amano i gatti e costringersi a limitare le loro attività quotidiane. Se una persona soffre della fobia dei gatti sarà molto difficile che accetti di convivere con un gatto, mettendo in pericolo anche le sue relazioni con le persone. Ecco quali sono le possibili cause della paura dei gatti e come riuscire poco a poco a superare l’ailurofobia.

Cosa vuol dire avere paura dei gatti

La fobia dei gatti una paura anormale e persistente dei gatti che produce un’indebita reazione di ansia anche se i malati si rendono conto che la loro paura è irrazionale. Chi soffre di questa fobia può temere non solo il graffio o il morso di un gatto, ma anche la “il potere malvagio” dei gatti rappresentato nel folklore e in opere letterarie come “Il gatto nero” di Edgar Allen Poe.

La paura dei gatti è chiamata “ailurofobia“, una parola derivata dal greco “ailouros” (gatto) e “phobos” (paura). Ortografia alternativa: “Aelurophobia”, “elurophobia”. La parola greca “ailourous” ci ha anche dato la parola inglese “Ailuroidea”, un termine zoologico per un gruppo di animali carnivori tra cui gatti, iene e zibetti. E’ chiamata comunemente anche “Gattofobia”.

Cause della paura dei gatti

Le persone di solito hanno paura dei gatti per due motivi: hanno paura del danno fisico che possono causare, o associano i gatti al male.

Anche se può essere difficile ricordarlo quando si coccola un gattino piccolo, i gatti sono anche, per natura, predatori. I gatti domestici addomesticati conservano molti degli stessi istinti di base di leoni, tigri, pantere e altri grandi felini. Coloro che sono stati morsi o graffiati da un gatto in passato possono essere maggiormente a rischio di sviluppare una fobia dei gatti.

Alcune persone non hanno paura dei gatti che vivono in una casa, che sono domestici, in particolare quelli che sono stati castrati, ma sono terrorizzati dai gatti sconosciuti che incontrano all’aperto. Alcuni temono solo i gatti maschi, che percepiscono come più minacciosi delle femmine. Tuttavia, altri hanno paura di tutti i gatti e gattini, indipendentemente dalle circostanze, perché hanno assistito o vissuto personalmente un evento negativo con uno di loro.

Nel corso della storia, i gatti sono stati alternativamente venerati e insultati a causa dei loro “presunti poteri soprannaturali” e della loro connessione con il demonio. Nell’antico Egitto, i gatti erano adorati come divinità. Si credeva che fossero sotto la speciale protezione di Bastet, dea della fertilità e della luna. I gatti deceduti venivano spesso mummificati e sepolti nei grandi cimiteri. Uccidere un gatto, intenzionalmente o accidentalmente, era spesso un reato capitale.

Forse nessuna epoca è così strettamente legata alla denigrazione dei gatti come la caccia alle streghe del XVII secolo sia in Europa che nelle colonie americane. A partire dal Medioevo, i gatti erano spesso visti come servi delle streghe, messaggeri notturni in grado di eseguire gli ordini della strega. Al tempo dei Processi alle streghe di Salem nel 1692 e nel 1693, si credeva che i gatti fossero il tramite delle streghe con il diavolo stesso.

Oggi, la paura dei gatti come messaggeri del male è tipicamente radicata in una fobia basata sulla religione. In alcuni casi, la paura del male è un segno di pensiero disordinato, ma i terapeuti moderni sono attenti a prendere in considerazione le credenze religiose dei clienti prima di fare una diagnosi.

A POSTO CON LO SHOPPING PER IL TUO GATTO?


La cosa importante a cui fare attenzione è che una fobia è una cosa seria: la persona che ha paura dei gatti non deve essere presa in giro e non deve essere obbligata ad avvicinarsi al suo oggetto di fobia improvvisamente, altrimenti potrebbe rimanere ancora più traumatizzata. Le fobia vanno trattate con attenzione e con un supporto medico.

Come le persone esprimono la loro paura dei gatti

In alcune persone, la paura dei gatti è così forte che si attiva anche quando si pensa a un gatto o gattino o si sente un gatto che fa le fusa. Quando sorge la paura, è possibile una varietà di reazioni. Una delle possibili reazioni è una risposta “combatti o fuggi“: la persona correrà rapidamente nella direzione opposta. Altri possono avere un attacco di panico. Anche l’evitamento è comune, in tal caso la persona farà assolutamente tutto il possibile per non incrociare un gatto, sia nella vita reale che, nei casi più estremi, in TV.

Come superare la paura dei gatti

Come con la maggior parte delle altre fobie, di solito sono necessarie sessioni di psicoterapia e consulenza. Un terapista può aiutare a capire la causa principale della fobia, aiutare a mettere la paura in prospettiva e quindi aiutarti a pianificare i passaggi e il trattamento per superarla. Può sembrare un approccio semplice, ma può essere abbastanza difficile da fare da solo.

La grande notizia per la maggior parte delle fobie degli animali, inclusa la paura dei gatti, è che queste sono curabili. La maggior parte dei casi lievi di ailurofobia può essere superata con poche sessioni di terapia.

Una terapia comune è l’esposizione graduale ai gatti. A piccoli passi, una persona può abituarsi ai gatti. Ad esempio, le persone con la fobia dei gatti possono esercitarsi prima a guardare le foto di gatti, poi a guardare video e film con gatti, poi possono toccare materiale simile a un gatto, giocare con un gatto giocattolo e infine tenere in mano l’oggetto reale. Questi passaggi dovrebbero essere messi in atto in contesti controllati e confortevoli con molto supporto, sia dal terapeuta che dai familiari o dagli amici.

Affinché la desensibilizzazione graduale sia efficace, è importante che il fobico rimanga nella situazione e la pratichi molte volte. Ciò può essere utile nel ridurre l’uso di strategie di evitamento dei gatti, aumentare la propria sicurezza e prendere confidenza con i gatti.

Durante questo processo, vengono spesso utilizzate tecniche di rilassamento e visualizzazione. Aiutano anche a riformulare la mentalità della persona e a razionalizzare metodicamente la sua paura. In alcuni casi può essere utile anche l’ipnoterapia.

Bisogna anche reimparare a pensare in modo diverso ai gatti. Ci sono molti metodi per farlo: bisogna identificare pensieri, convinzioni e previsioni ansiose e sostituirli con altri più realistici. Queste strategie possono essere utilizzate insieme alla terapia dell’esposizione per superare la paura dei gatti.

E tu hai mai conosciuto una persona che soffre di fobia dei gatti? Come ti sei comportato? che cosa è successo? Sei hai domande o suggerimenti scrivimi pure nei commenti!

Elisa Bertoldi
Condividi

Articoli recenti

Il gatto sulla neve: ai gatti piace?

Ricordo il mio gatto Oscar, che ora non c'è più, alla sua prima nevicata: è… Leggi di più

13 Gennaio 2022

Gengivite gatto: cure, rimedi e terapia

Le malattie dei denti e delle gengive sono comuni nei gatti e comprendono gengiviti, stomatiti… Leggi di più

2 Dicembre 2021

Le Stregatte creative in aiuto ai mici

Quando donne e creatività si uniscono i risultati non possono che essere meravigliosi. C'è uno… Leggi di più

1 Dicembre 2021