,

La rogna nel gatto: cos’è, sintomi e cura

Rogna del gatto

La rogna del gatto  è una delle patologie dermatologiche più frequenti che un gatto, specialmente se gira per conto proprio e viene in contatto con gli altri gatti, può prendere. In questo articolo cercheremo di fare chiarezza sui vari tipi di rogna del gatto, i sintomi, la terapia per sconfiggere la rogna, e capire se è contagiosa per l’uomo, o per il cane, se convive con il gatto.

Che cos’è la rogna nel gatto

La rogna è una malattia parassitaria, causata da alcune specie di acari, che vivono esclusivamente fuori dall’organismo (sulla pelle) e può essere talmente fastidiosa per un gatto che il sintomo principale, il prurito, può portarlo addirittura a scorticarsi da solo per cercare di risolvere il problema.

Nel gatto non esiste, però, un solo tipo di rogna ma ne esiste più di uno, e le rogne prendono nomi diversi e si curano, anche, in modi diversi (con farmaci diversi in base alla rogna).

Per evitare di fare confusione distinguiamo (e diamo un nome) ai principali tipi di rogna del gatto:

  • Rogna sarcoptica o scabbia nel gatto

    La rogna sarcoptica del gatto, detta anche scabbia, non è molto comune nel gatto ma si trova soprattutto nel cane.
    E’ altamente contagiosa e non è stagionale, per cui nel caso un animale o una persona la avesse bisogna stare molto attenti: gli acari (Sarcoptes scabiei) scavano gallerie nella pelle e il prurito è insopportabile.

  • Rogna otodectica o rogna auricolare del gatto

    La rogna otodectica, detta anche rogna auricolare del gatto perché di solito colpisce l’orecchio (causando peraltro l’otite esterna) colpisce tanto i cani quanto i gatti (ma più i gatti), specialmente quelli delle colonie.
    Il gatto presenta un cerume scuro che esce dall’orecchio, color fondo di caffè.
    Il prurito può non esserci affatto come essere intensissimo, e la conseguenza più comune è l’infezione batterica che si sviluppa dove gli acari (Otodectes cynotis) hanno proliferato.

  • Rogna notoedrica o scabbia felina

    La rogna notoedrica del gatto è detta anche scabbia felina (questo giusto perché così i veterinari intelligenti non vogliono creare confusione con la scabbia, con la rogna sarcoptica… sono due cose diverse) e colpisce soprattutto i gatti, specialmente i randagi.
    Causata da Notoedres cati, inizia dall’orecchio, dal padiglione (non dall’interno) e poi colpisce testa, collo e le altre parti del corpo; è molto pruriginosa, e di solito le zone interessate si ricoprono di croste a causa del grattamento del gatto.

  • Rogna demodectica o rogna rossa

    La rogna demodectica del gatto è causata da un acaro diverso dagli altri, che vive nel bulbo pilifero, e se prolifera troppo fa cadere il pelo a grandi chiazze.
    E’ rara nel gatto, ed esiste anche nel cane, ma i Demodex sono diversi tra loro (Demodex canis, Demodex cati) per cui se è presente nel gatto, non è contagiosa per il cane.
    E’ detta anche rogna rossa perché cade il pelo e rimangono delle grandi aree arrossate.

La rogna del gatto è contagiosa per l’uomo?

Per la rogna del gatto il contagio all’uomo è diverso in base a quello che è l’acaro che l’ha causata.

Infatti l’unico tipo di rogna che colpisce l’uomo con lesioni importanti è la scabbia, che però è meno grave rispetto al gatto, e di solito scompare nel giro di un paio di settimane.

In ogni caso, specialmente per i bambini, dato che questo tipo di rogna si trasmette all’uomo, è bene evitare di toccare il gatto, fin quando il problema non sarà stato risolto.

Gli altri tipi di rogna felina, invece, non sono contagiosi per l’uomo (se non la notoedrica, ma veramente poco) perché gli acari non ci colpiscono.

Discorso diverso invece, come in parte abbiamo già visto, per il cane: nella rogna del gatto il contagio del cane è molto comune e per alcune rogne, come la scabbia e la rogna otodectica, il cane è molto più sensibile rispetto al gatto e i due animali vanno assolutamente allontanati se scoprissimo che il gatto soffre di questo problema.

Come si manifesta la rogna nel gatto: sintomi

Nella rogna del gatto, i sintomi principali sono il prurito e la presenza di croste sulla pelle del gatto.

Gli acari, infatti, con distribuzione preferenziale (otodectes nell’orecchio, notoedres sulla testa, demodex sul dorso e sulle zampe, sarcoptes un po’ dappertutto) iniziano a nutrirsi della pelle del gatto e in alcuni casi ci scavano dentro delle gallerie, dove depongono le uova.

Possiamo immaginare ciò che questo significa per il gatto, che si gratta, ma non riesce a raggiungere gli acari e a volte arriva anche a ferirsi; esce così il sangue, che diventa scuro, e da qui arrivano le croste, che però non rimuovono l’acaro.

Se la localizzazione degli acari della rogna è dentro le orecchie, ci sono piccole perdite di sangue che fanno diventare scuro il cerume, come abbiamo detto prima.

Di solito i proprietari portano il gatto dal veterinario a questo punto, perché non è un bello spettacolo vedere il gatto prendersela con il suo stesso corpo, e saltare improvvisamente mentre dorme, per via del prurito.

In questo articolo ti ho parlato delle possibili cause di prurito nel gatto.

Quindi, riassumendo, i sintomi della rogna del gatto sono:

  • prurito insistente
  • presenza di croste nelle orecchie
  • perdita di pelo
  • cerume scuro nell’orecchio del gatto

Come si cura la rogna del gatto: terapia e farmaci

Nella rogna del gatto, la terapia la fa il veterinario, con specifici farmaci antiparassitari, dopo averla diagnosticata in modo piuttosto semplice, ovvero con un raschiato cutaneo visto al microscopio.

Si vedono gli acari che si muovono, e non ci sono dubbi che il problema sia la rogna, anche se a volte la terapia si fa nonostante gli acari non si vedano, se i sintomi sono quelli (perché potrebbero non esser stati “beccati” con il raschiato).

In questi casi, meglio lasciar perdere le cure naturali per la rogna del gatto: lo fareste soffrire e basta.

Ci vuole il veterinario, i farmaci e la terapia giusta, con una serie di principi attivi (amitraz, fipronil, avermectine, milbemicine), che tra l’altro sono prodotti che si usano anche contro parassiti che non sono acari,che vengono forniti come shampoo, pomate, creme e comunque prodotti per l’applicazione locale.

Ma sono farmaci a tutti gli effetti, e si comprano in farmacia con la ricetta, non nei negozi di animali: vanno dati per un po’ di tempo, magari in concomitanza agli antibiotici (se c’è anche infezione batterica) e il recupero è lento e piuttosto lungo, per questo tipo di problema.

Se, poi, al gatto capitasse la forma generalizzata di rogna, anche un po’ di Acqua Santa non guasterebbe: è in assoluto la cosa peggiore che possa succedere.

Immagini della rogna del gatto

Se volete capire se le lesioni del vostro gatto possano essere ricondotte alla rogna (o alla forma di scabbia del gatto), ecco alcune immagini a cui potete fare riferimento:

ogna otodectica o auricolare del gatto

Otodectes cynotis è la causa della rogna otodectica o auricolare del gatto.

 

Rogna notoedrica del gatto

Questa è la rogna notoedrica, che colpisce il viso.

 

Rogna sarcoptica o scabbia del gatto

La rogna sarcoptica, o scabbia, può colpire qualunque parte del corpo; qui colpisce il viso, e il gatto si è scorticato.

 

Scabbia nel cane

Nel cane la scabbia è più grave rispetto al gatto.

 

Scabbia nell'uomo

Nell’uomo invece la situazione con la scabbia è più tranquilla.

 

Rogna demodectica del gatto

La rogna demodectica è diversa dalle altre, infatti cade il pelo.

Conclusioni

La rogna del gatto è in assoluto una delle patologie più fastidiose alle quali il gatto possa andare incontro.

E’ pesante, è difficile da curare (dipende dai casi), il gatto non deve incontrare altri animali ma soprattutto altri gatti, perché molto contagiosa, e le terapie sono molto lunghe.

Per il contagio, naturalmente, tutto dipende da quanto il gatto va in giro: se sta sempre a casa sarà praticamente impossibile che possa prenderla, mentre se va in giro mi raccomando di dare le fialette, quelle per pulci e zecche: non sono risolutive, quello no, ma hanno un certo grado di prevenzione anche per la rogna del gatto.

Se hai domande e dubbi relativi alla rogna nel gatto, o alla scabbia, o al contagio con uomo o cane, scrivile nei commenti, sarò lieto di rispondere al più presto.

La rogna nel gatto: cos’è, sintomi e cura
4.33 (86.67%) 3 votes

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *