Test: che animale sei. Giochiamo con la personalità

che animale sei test personalita

Dimmi chi accarezzi, ti dirò chi sei: la psicologia sociale delle persone gatto, cane (e tartaruga). Cominciamo subito con un piccolo quiz per capire che animale sei: quale delle descrizioni di seguito si adatta meglio a te?

(1) Preferisci passare il tempo da solo piuttosto che con gli altri

(2) Sei spesso pronto per esplorare nuove cose o idee

(3) Le persone spesso dicono che è facile andare d’accordo con te

(4) Ami assolutamente le attività all’aria aperta che consumano energia.

La tua personalità potrebbe essere questa: se pensi che (1) e (2) si applichino meglio a te stesso, probabilmente sei una “persona gatto” (cioè una persona che ama i gatti). Ma se ti immagini meglio nella descrizione (3) e (4), è più probabile che tu sia una “persona cane”. Almeno, secondo la cultura popolare. Internet è invaso da infiniti dibattiti, vignette dispregiative e siti Web molto seri e entusiasti degli animali domestici, che discutono ferocemente la domanda fondamentale: chi sono i migliori, cani (persone) o gatti (persone)?

E’ opinione diffusa che essere un cane o un gatto, come persona, riveli molto del tuo io interiore. Ecco perché non è raro utilizzare questa categorizzazione come un modo per valutare se andresti d’accordo con un nuovo compagno di stanza, collega di lavoro o partner romantico. Questo argomento di cultura popolare ha raccolto una certa attenzione anche in ambito scientifico. Consideriamo alcuni aspetti di questo argomento.

La lunga diatriba tra amanti dei cani e amanti dei gatti

In uno studio recente, Gosling et al. (2010) hanno chiesto ai loro partecipanti di compilare il Big Five Inventory, una scala di personalità convalidata, e di indicare se si sono identificati come una persona cane, una persona gatto, entrambi o nessuno dei due. Risultati? In media, i cani erano più estroversi, simpatici e coscienziosi dei gatti. Tuttavia, i gatti hanno ottenuto punteggi più alti sull’apertura all’esperienza (curiosità e originalità) e sul nevroticismo (nervosismo e sensibilità emotiva). Fondamentalmente, le persone gatto sembrano il tipo di artista creativo mentre le persone cane sembrano più il tipo propenso alle uscite e alla festa tutta la notte.

Un altro studio ha rilevato che le persone con cani hanno ottenuto punteggi più alti rispetto ai gatti in Orientamento alla Dominanza Sociale (convinzione ideologica che la gerarchia e la disuguaglianza sono “naturali e desiderabili”) e la competitività (desiderio di superiorità sugli altri) (Alba e Haslam, 2014). Un po’ audacemente (sono probabilmente persone gatto), gli autori hanno suggerito che gli individui orientati alla dominanza tendono a selezionare animali domestici più sottomessi (ad esempio, i cani) come un modo per completare la propria personalità. Sebbene statisticamente significativa, la dimensione di queste differenze è piuttosto ridotta. Quindi, per favore, non guardare con sospetto tutti i proprietari di cani che incontrerai d’ora in poi: la possibilità che siano individui alla ricerca del dominio del mondo probabilmente rimane piuttosto bassa.

che animale sei
Gli stereotipi legati agli animali

Apparentemente, le differenze di genere compaiono anche nella selezione degli animali domestici. Probabilmente hai in mente immagini più tipiche della vecchia signora con dozzine di gatti (puzzolenti) e dell’uomo solitario (magari in una casa nel bosco) con il cane fedele – piuttosto che il contrario. In effetti, sembra che le donne abbiano maggiori probabilità di etichettarsi come amanti dei gatti mentre gli uomini hanno maggiori probabilità di etichettarsi come amanti dei cani (Perrine & Osbourne, 1998). E gli amanti dei cani di entrambi i sessi si percepiscono come più mascolini e indipendenti rispetto agli amanti dei gatti (Perrine & Osbourne, 1998).

Pertanto, i gatti sono principalmente associati alla “femminilità” mentre i cani sono principalmente associati alla “mascolinità”. In effetti, gli studiosi hanno sottolineato l’apparente sovrapposizione tra le “qualità che i cani e gli uomini dovrebbero condividere culturalmente (ad esempio, essere cacciatori, aggressivo) e qualità che ci si aspetta culturalmente che gatti e donne condividano (ad esempio, essere morbidi, aggraziati, incontrollabili, subdoli) “(Mitchell & Ellis, 2013, p.2). Di conseguenza, quando ai partecipanti è stato chiesto di abbinare diversi individui con l’animale che avevano più probabilità di possedere, le immagini di donne erano più spesso abbinate a cani di piccola taglia o gatti, mentre le immagini di uomini erano più spesso abbinate a cani di grossa taglia (Budge et al., 1997) . Praticamente la fiera degli stereotipi.

La nostra percezione (e il nostro giudizio) sulle persone che ci circondano sono spesso influenzati dalle nostre convinzioni o preconcetti sul mondo. E i giudizi relativi agli animali domestici non fanno eccezione: sembra che abbiamo “convinzioni generali su che tipo di persone si adattano a quale tipo di animale domestico” (Budge et al., 1997, p. 37). E questi preconcetti comuni si basano su molte caratteristiche diverse, il genere è solo una di queste. Ad esempio, un individuo apparentemente ricco ha maggiori probabilità di essere accoppiato con una razza di cane o gatto costosa; e le persone anziane sono più spesso accoppiate con animali domestici più piccoli a causa della loro (presunta) ridotta capacità di prendersi cura di quelli più grandi (Budge et al., 1997).

Pertanto, se si ritiene ampiamente che i cani e i gatti possiedano personalità diverse, probabilmente ha molto a che fare con le nostre convinzioni stereotipate su chi ha maggiori probabilità di possedere un cane o un gatto – o una tartaruga, se è per questo, anche se sarebbe difficile elaborare i tratti stereotipati attribuiti ai proprietari di tartarughe (forse individui lenti, saggi e pensanti, grazie alla favola di La Fontaine?). Una credenza comune che è stata trovata per organizzare gran parte degli accoppiamenti di proprietari di animali domestici è quella che stabilisce che i proprietari e gli animali domestici sono psicologicamente simili tra loro; cioè che condividono tratti comuni della personalità (May et al., 2004). Sono stati effettivamente condotti alcuni studi su tale somiglianza psicologica tra proprietari e animali domestici, offrendo risultati piuttosto sorprendenti (e talvolta francamente divertenti).

Confrontando la personalità dei proprietari con la personalità del loro cane (come descritto dal proprietario), alcuni ricercatori hanno riscontrato una grande somiglianza tra i due (Turcsàn et al., 2012). I proprietari potrebbero semplicemente proiettare i propri tratti di personalità sul proprio cane? Ciò sembra improbabile poiché i membri della famiglia che hanno valutato la personalità del cane hanno dato anche valutazioni di somiglianza elevate tra il proprietario e il cane su diversi aspetti, il che esclude la possibilità di proiezione. Apparentemente, fin dall’inizio, i proprietari tendono a selezionare cani che percepiscono essere simili a se stessi. Questo non è così sorprendente data la tendenza generale degli umani ad essere attratti da altri simili (ad esempio, quando cercano l’amicizia). Lo stesso potrebbe valere per la selezione degli animali domestici.

Ad esempio, è stato dimostrato che i proprietari di razze di cani “aggressivi” (ad esempio, Rottweiler) hanno ottenuto punteggi più alti in termini di “psicotismo” rispetto ai proprietari di cani “non aggressivi”; e questo è significativo poiché lo psicotismo è solitamente associato a una tendenza alla “rabbia, ostilità e aggressività”; Wells & Hepper, 2012, p.772). Pertanto, le persone con tendenze più aggressive sembrano scegliere cani che sono percepiti anche come aggressivi. Naturalmente, lasciatemi sottolineare (prima di sopportare l’ira di tutti i proprietari di Rottweiler là fuori) che tutti i Rottweiler non sono necessariamente “aggressivi”; queste sono credenze (stereotipate). In effetti, non tutte le razze di cani sono percepite allo stesso modo: mentre i barboncini sono visti come viziati, i Bulldog sono principalmente percepiti come pigri, i Collie (ricordate Lassie?) come eroici e chihuahua come nervosi (May et al., 2004).

Che animale sei test
Fig 1

Guarda l’immagine sopra di un barboncino per esempio. Qual è la prima immagine del probabile proprietario che ti è venuta in mente? È più sulla falsariga di un individuo giovane (viziato) ricco o quella di uno studente di antropologia indebitato? Questo è più o meno il metodo utilizzato da May et al. (2004; studio 1) nel loro studio. I loro partecipanti hanno visto le foto di cani (di razze diverse) accanto a immagini di individui che si affermava fossero (falsamente) i proprietari dei cani. In un test successivo, ai partecipanti è stato chiesto di valutare il “proprietario” su diversi tratti.

I risultati sono piuttosto sorprendenti: i presunti “proprietari” erano percepiti come in possesso del tratto tipicamente associato alla razza del cane con cui erano stati precedentemente accoppiati. Quindi lo stesso individuo è apparso più amichevole quando si credeva che possedesse un Cocker Spaniel (fig. 2, immagine in alto), ma più intelligente quando si credeva che possedesse un Jack Russell Terrier (ig. 2, immagine in basso). Sia i proprietari dei cani che i partecipanti non proprietari sono caduti preda di questo “pregiudizio del cane” nella formazione delle impressioni.

che animale sei
Fig 2

Come può la sola presenza di un cane cambiare la percezione del suo “padrone”? Secondo gli autori si tratta di un caso di transfert spontaneo dei tratti: un processo automatico e associativo in cui le caratteristiche associate a uno specifico individuo (esemplare di razza) vengono trasferite ad un altro individuo (il proprietario) che capita di condividere lo stesso ambiente . Questi risultati sono particolarmente interessanti in quanto significa che a volte potrebbero verificarsi effetti dannosi, se l’associazione con un animale domestico percepito negativamente stigmatizza il suo proprietario. Naturalmente, questo potrebbe succedere anche al contrario: l’associazione con un animale domestico percepito positivamente potrebbe migliorare l’immagine pubblica del proprietario.

Tenendo conto di questi risultati, se i gatti e i cani sembrano così diversi l’uno dall’altro, può essere in parte correlato al fatto che sono accoppiati con specie diverse (da cui sono attese caratteristiche diverse). Infatti, poiché riteniamo che i proprietari siano simili all’animale domestico che possiedono, possiamo essere pronti a dedurre che i proprietari dei cani, ad esempio, possiedono le stesse caratteristiche che sono tipicamente associate alla specie di cane in generale (p. Es., Essere rumorosi, amare l’attività all’aperto, leale, ecc.). Al contrario, ci aspetteremmo prontamente che i proprietari dei gatti condividano le caratteristiche tipicamente associate ai gatti (ad esempio, essere distanti, autonomi, apprezzare le attività al chiuso, ecc.).

Un altro sguardo alle differenze di personalità tra cani e gatti

Tutto quanto sopra non spiega davvero perché si riscontrano differenze di “personalità” effettive (ma piccole) tra cani e gatti e loro umani. La mia modesta opinione su questo tema è la seguente: le stesse convinzioni relative agli animali domestici che ci portano a percepire in modo diverso i proprietari di varie specie di animali domestici potrebbero anche spiegare perché le persone scelgono di etichettarsi come cane o gatto (o serpente) in primo luogo. In effetti, è probabile che quelle convinzioni relative agli animali domestici – come molti altri tipi di stereotipi – abbiano una forma culturale e siano condivise in una certa misura da un intero gruppo o società, compresi i proprietari di animali domestici. Pertanto, coloro che si etichettano come persone cane o persone gatto possono farlo principalmente sulla base di:

  • i propri tratti percepiti (ad esempio, “Sono un individuo socialmente incline ed estroverso”),
  • convinzioni relative alle specie animali da compagnia (ad esempio, “I gatti sono socialmente sfidati mentre i cani sono più estroversi”), e
  • teorie popolari sulla compatibilità del proprietario dell’animale domestico (ad esempio, “Alcuni animali domestici sono più adatti a qualche tipo di personalità”).

Di conseguenza, questo permette di dedurre con quale tipo di animale si andrebbe d’accordo (ad esempio, “Probabilmente sono un cane”). Una volta che l’etichetta di questa categoria distinta percepita (“persone cane”) è applicata a se stessi, è più facile identificarsi con (o persino sviluppare) le caratteristiche che si ritiene mostrino gli altri membri della stessa categoria. Ciò a sua volta perpetuerà lo stereotipo, poiché ogni volta che gli estranei incontreranno persone che si identificano con cane o gatto che si adattano al profilo stereotipato, potrebbe rafforzare la loro convinzione nell’esistenza di differenze di personalità innate tra cani e gatti.

In sintesi, sembra che anche argomenti poco appariscenti come le percezioni relative agli animali domestici e le relazioni con il proprietario dell’animale domestico possano essere molto più complessi di quanto appaiano. Studi precedenti cercavano principalmente differenze di personalità tra proprietari di diverse specie o razze di animali domestici, trascurando così a volte il ruolo cruciale delle credenze e degli stereotipi in questi argomenti. Tuttavia, questo post sul blog ha preso una prospettiva diversa e si è concentrato principalmente sui meccanismi psicologici sociali alla base degli animali domestici e sulle percezioni relative ai proprietari, sebbene in questo campo siano ancora necessarie ulteriori ricerche (in particolare interculturali).

Sicuramente è interessante capire come i pregiudizi si sviluppino e si tramandino e diventino credenze radicate in ognuno di noi. Penso ad esempio alla credenza che il gatto nero porti sfortuna. Funziona così con tutti pregiudizi, che il più delle volte sono generati dall’essere umano che proietta le proprie personali percezioni e le proprie paure. Funziona così anche con i pregiudizi su uomo e donna.
E tu cosa ne pensi?

Leggi anche

Il corso definitivo sull'alimentazione del gatto

Corso alimentazione gatto

Scopri ora >>

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.