tumore gatto cancro gatti aspettative di vita sarcoma

I tumori nel gatto sono fonte di paura per noi umani, perché contro questo male la battaglia è dura. Le informazioni sul cancro nel gatto non sono mai abbastanza e più ne sappiamo, più riusciamo a dare cure efficaci. Ecco una traduzione dal sito icatcare.org molto dettagliata per quanto riguarda il tumore nel gatto e come approcciarsi ad esso con speranza.

Tumori nel gatto

Cancro è un termine usato per descrivere la malattia causata da un tumore (o neoplasia), un insieme di cellule anormali all’interno del corpo che continuano a crescere e dividersi senza controllo. Ciò di solito si traduce nello sviluppo di masse (escrescenze o grumi), che sono principalmente composte dalle cellule in divisione anormale.

Alcuni tumori non si diffondono ad altre parti del corpo e tendono a non invadere altri tessuti circostanti – questi sono chiamati tumori “benigni” .

Il termine cancro è generalmente usato per descrivere i tumori ‘maligni’ , che spesso invadono il tessuto sano circostante e possono diffondersi ad altri siti del corpo (o ‘metastatizzare’), diffondendosi tipicamente attraverso il flusso sanguigno o sistema linfatico.

A causa della loro natura più aggressiva e invasiva, i tumori maligni sono generalmente più gravi dei tumori benigni, spesso causano malattie più gravi ed estese e sono generalmente più difficili da trattare.

Nel complesso, i gatti soffrono di neoplasia (o sviluppo di tumori) meno frequentemente rispetto ai cani. Le neoplasie possono essere osservate meno della metà della frequenza nei gatti rispetto ai cani. Tuttavia, quando i gatti sviluppano tumori è molto più probabile che siano maligni (3-4 volte più probabilità rispetto ai cani) e quindi hanno molta più probabilità di causare malattie gravi.

I siti più comuni di tumori nei gatti includono la pelle, i globuli bianchi (leucemia e linfoma), la bocca, lo stomaco, l’intestino e le ghiandole mammarie.

Tipi di cancro nel gatto

Esistono molti tipi diversi di cancro nel gatto (come per gli esseri umani) e sono spesso classificati in base all’origine del tipo di cellula anormale che contengono. Pertanto i tumori noti come “carcinomi” e “sarcomi” sono tumori solidi che derivano da vari tessuti diversi, mentre la “leucemia” sono tumori che colpiscono il midollo osseo dove vengono prodotte le cellule del sangue e spesso causano la comparsa di un gran numero di cellule anormali nel sangue ruscello. Il “linfoma” è un tumore solido causato dalla crescita di linfociti anormali, un tipo di globuli bianchi che può essere trovato anche nei tessuti e fa parte del sistema immunitario.

A causa dell’enorme varietà di tumori che possono colpire i gatti (come con qualsiasi altro animale), è impossibile elencare tutti i diversi tipi e le loro manifestazioni comuni. Tuttavia, alcuni dei tumori più comunemente riscontrati includono:

Cosa causa il tumore nel gatto?

Come spesso accade nella medicina umana, la causa del cancro in ogni singolo gatto è spesso sconosciuta, e in effetti è probabile che molti tumori si presentino per una serie di motivi diversi.
La suscettibilità ereditaria (genetica) allo sviluppo di alcuni tumori si verifica quasi certamente nei gatti, sebbene al momento si sappia relativamente poco al riguardo. Durante la vita i gatti possono essere potenzialmente esposti a una serie di fenomeni diverse che possono innescare anomalie all’interno delle cellule che possono alla fine portare allo sviluppo del cancro – questo può includere l’esposizione alla luce solare o ad un’ampia varietà di diverse sostanze chimiche (cancerogene) – ma comunque nella maggior parte degli individui, le cause alla base e le cause scatenanti del cancro rimangono sconosciute.

Sappiamo che alcune infezioni virali nei gatti possono causare il cancro e il virus della leucemia felina (FeLV) è probabilmente il miglior esempio. Quando i gatti sono esposti a questo virus, esso può infettare le cellule ematiche del midollo osseo e può portare allo sviluppo di leucemia o linfoma . L’infezione da virus dell’immunodeficienza felina (FIV) , correlata al virus dell’immunodeficienza umana o (HIV) può a volte portare allo sviluppo del cancro. Fortunatamente è facile per il tuo veterinario verificare la presenza di entrambi questi virus.

Gli studi suggeriscono che rispetto a un gatto non infetto, un gatto infetto da FeLV ha un rischio di circa 50 volte maggiore di sviluppare linfoma e un gatto infetto da FIV ha un rischio di circa 5 volte maggiore.

Quando viene diagnosticato un cancro al proprio gatto, una reazione naturale e comune è “Cosa ho fatto di sbagliato?” “Cosa avrei potuto fare per impedire che ciò accadesse?” Sebbene queste siano domande del tutto naturali quando apprendiamo per la prima volta che il nostro gatto ha il cancro, è importante ricordare che nella stragrande maggioranza dei casi non sappiamo cosa ha portato allo sviluppo del cancro, e quindi sarebbe stato impossibile prevenirlo.

Sintomi di tumore nel gatto

Poiché i tumori possono colpire qualsiasi tessuto del corpo, i segni clinici che i gatti sviluppano sono estremamente diversi e non ci sono segni che suggeriscano automaticamente che il cancro sia la causa della malattia.
In generale, i tumori colpiscono i gatti più anziani più comunemente dei gatti più giovani. In molti casi, i tumori cresceranno per un periodo di tempo piuttosto lungo e inizialmente potrebbero esserci solo vaghi segni di malattia come scarso appetito, mancanza di energia e perdita di peso. In altri casi possono esserci segni più evidenti come noduli persistenti nella o sotto la pelle, cambiamenti negli occhi, vomito, diarrea, sanguinamento inspiegabile o ferite che non guariscono.

Con il progredire della malattia, di solito si sviluppano ulteriori complicazioni che spesso riguardano i tessuti o gli organi principalmente colpiti. Sebbene il cancro possa essere una delle potenziali cause di una varietà di segni diversi (specialmente nei gatti anziani), è importante ricordare che molte altre malattie comunemente causano gli stessi segni del cancro e che, anche dove viene diagnosticato il cancro, potrebbero essere opzioni di trattamento che consentano il controllo o la gestione della malattia, almeno per un periodo di tempo. Tuttavia, poiché è importante diagnosticare precocemente il cancro, è fondamentale consultare un veterinario non appena si notano anomalie.

Diagnosi di cancro nel gatto

Tu o il tuo veterinario potreste sospettare che il cancro sia una causa alla base dei segni clinici che il gatto sta mostrando. Tuttavia, i segni clinici e l’esame da parte del veterinario da soli non sono sufficienti per poter diagnosticare la condizione.

Spesso sono necessarie ulteriori indagini sotto forma di radiografie (raggi X) o esami ecografici per identificare la posizione e / o l’estensione di qualsiasi tumore, ma la diagnosi di cancro può essere fatta solo dall’esame microscopico dei tessuti da parte di un patologo esperto . Questo di solito richiederà una biopsia (rimozione chirurgica di un piccolo pezzo di tessuto interessato) da parte del veterinario, sebbene in alcuni casi possa essere possibile fare una diagnosi da un ago aspirato sottile (un piccolo ago viene inserito in una massa per rimuovere o “aspirare” alcune cellule che possono essere spalmate su un vetrino per l’esame) o una biopsia con ago (in cui un ago più grande viene inserito in un nodulo per rimuovere un “nucleo” molto piccolo di tessuto).

Occasionalmente vengono utilizzate anche altre tecniche per ottenere campioni delle cellule sospette anormali in modo da poter fare una diagnosi. I campioni di sangue sono una parte di routine dell’indagine su qualsiasi sospetto malato di cancro, in parte per rilevare eventuali effetti negativi del cancro e in parte per rilevare la presenza di qualsiasi altra malattia.

Con alcuni tumori, occasionalmente possono essere necessarie tecniche più sofisticate per fare (o confermare) la diagnosi o per pianificare il trattamento più appropriato. La tomografia assiale computerizzata (le cosiddette scansioni “CAT” o “TC”) o la risonanza magnetica per immagini (scansioni MRI) stanno diventando sempre più ampiamente disponibili per gli animali domestici e possono essere molto preziose, soprattutto, ad esempio, nella diagnosi di tumori cerebrali e nel valutare l’entità dell’invasione del tumore.

Trattamento del cancro nei gatti

È sempre estremamente difficile quando vieni a conoscenza che il tuo gatto ha sviluppato il cancro. Ci sono spesso sentimenti di smarrimento e persino senso di colpa (“come avrei potuto impedirlo?”), E inevitabilmente ci vuole tempo per venire a patti con la malattia. Sebbene per la maggior parte dei tumori la causa sottostante sia semplicemente sconosciuta, per molti (anche se non tutti) può essere disponibile un trattamento che migliorerà significativamente sia la qualità che la durata della vita del gatto.

Sebbene una diagnosi di cancro non sia mai una buona notizia, non è necessariamente una “condanna a morte” per un gatto. Proprio come nella medicina umana, sono disponibili molte opzioni di trattamento, anche se non tutti i tumori rispondono bene alla terapia e alcuni possono essere estremamente difficili da gestire. La qualità della vita del gatto e la potenziale sofferenza devono sempre essere la preoccupazione principale: vale la pena discutere a fondo le opzioni disponibili con il veterinario prima di arrivare a qualsiasi decisione.

La scelta se trattare o meno e con cosa trattare dipenderà da molti fattori. Alcune forme di terapia sono disponibili solo presso centri specializzati e il tuo veterinario potrebbe suggerirti di indirizzarti a uno di questi luoghi.

In molti casi, un trattamento appropriato del cancro può comportare un significativo miglioramento della qualità della vita per i gatti colpiti. Tuttavia, i trattamenti possono comportare effetti collaterali e il veterinario ne sarà consapevole. L’obiettivo è sempre quello di migliorare la qualità della vita e di non causare alcuna maggiore sofferenza attraverso il trattamento. Sebbene si possano ottenere buoni risultati per alcuni tipi di cancro, non è sempre appropriato o giusto trattare un gatto e dovresti discutere attentamente le opzioni con il tuo veterinario.

Prima di iniziare qualsiasi trattamento per il cancro, il veterinario vorrà scoprire fino a che punto si è diffuso il tumore e quali (se ce ne sono) complicazioni sono insorte. La stadiazione di un tumore spesso comporta il prelievo di raggi X (o l’esecuzione di un’ecografia) per vedere se vi sono prove di diffusione (ad esempio ai polmoni o al fegato), magari prelevando campioni (biopsie o aspirati) dai linfonodi locali e controllando campioni di sangue .

Qualità della vita per il gatto malato di cancro

Quando si cura il cancro, è importante che tutte le persone coinvolte abbiano gli stessi obiettivi in ​​mente. I chirurghi veterinari mirano a fornire una migliore e buona qualità di vita per il gatto malato di cancro senza produrre effetti collaterali inaccettabili con il trattamento. Spesso questo significherà anche una vita più lunga, ma è necessario evitare sofferenze e dolori inutili. È utile parlare in anticipo con il veterinario di quali linee guida puoi utilizzare per giudicare la qualità della vita del tuo gatto. Per molti tumori, inevitabilmente potrebbe arrivare un giorno in cui devi prendere in considerazione l’eutanasia per evitare sofferenze inutili: questo può essere un momento difficile e angosciante e avere il supporto e l’aiuto del tuo veterinario, ma anche di amici e familiari, può essere inestimabile.

Opzioni di trattamento per il cancro nei gatti

Alcuni trattamenti dei tumori nel gatto sono ampiamente disponibili nella medicina generale, mentre altri sono disponibili solo presso centri specializzati. A seconda del tumore diagnosticato, a volte il veterinario può suggerire di indirizzare il gatto a uno specialista con conoscenze specialistiche e una gamma più ampia di opzioni di trattamento. Esistono tre forme principali di terapia per il cancro:

  • Chirurgia
  • Chemioterapia (farmaci)
  • Radioterapia

Quale trattamento viene utilizzato (o offerto) per ogni singolo gatto dipenderà da fattori come:

  • Il tipo di cancro
  • Il sito del cancro (dove si trova nel corpo)
  • La presenza di metastasi (diffusione a distanza del tumore)
  • Ciò che è appropriato per il tuo gatto
  • Cosa è disponibile / accessibile per te

Operare un gatto malato di cancro

La chirurgia è la forma più comune di terapia per il cancro del gatto ed è il trattamento che più probabilmente si tradurrà in una cura. Tuttavia, la rimozione completa del tumore mediante intervento chirurgico non è sempre possibile (a causa della sede del tumore o della sua diffusione ad altri siti). Questo è uno dei motivi per cui una diagnosi precoce e un trattamento precoce possono migliorare significativamente la prognosi a lungo termine.

Oltre alla “chirurgia curativa” (in cui si tenta la rimozione completa del tumore), talvolta la chirurgia può essere utilizzata anche per rimuovere parte del tumore (ma non tutto) per migliorare la qualità della vita o per aiutare con altri trattamenti (come chemioterapia o radioterapia). Puoi discutere con il tuo veterinario i rischi ei benefici previsti con qualsiasi intervento chirurgico per aiutarti a prendere una decisione nel miglior interesse del tuo gatto. Puoi anche discutere con il tuo veterinario il sollievo dal dolore (terapia analgesica) che può essere somministrato per l’intervento chirurgico e successivamente, e quale tipo di cura postoperatoria sarebbe necessaria.

Quando i malati di cancro vengono trattati chirurgicamente, è comune rimuovere il tessuto normale attorno al tumore così come il tumore stesso (questo è indicato come “margini chirurgici”). La ragione è che molti tumori si diffondono microscopicamente, quindi anche se potrebbe non essere possibile vedere o sentire alcuna anomalia, anche i tessuti normali intorno a un tumore possono contenere cellule anormali che potrebbero causare problemi futuri se non rimosse.

Radioterapia (radioterapia) per tumore del gatto

La radioterapia è un concetto spaventoso per molte persone poiché spesso si presume che ci saranno numerosi effetti collaterali. Tuttavia, come per qualsiasi forma di terapia antitumorale per gatti, l’obiettivo è migliorare la qualità della vita e alleviare eventuali disagi, senza causare sofferenze aggiuntive inutili. Sebbene la radioterapia sia in grado di ottenere questo risultato per molti tumori del gatto, purtroppo la disponibilità di questa forma di terapia è piuttosto limitata. Il tuo veterinario potrebbe essere in grado di indirizzarti a un centro specializzato per questo trattamento.

La radioterapia coinvolge più comunemente ciò che è noto come “radiazione a fascio esterno” (simile ai raggi X). Una macchina viene utilizzata per focalizzare un raggio di radiazione sul tumore, ma la radiazione è molto più intensa dei raggi X e la radiazione prodotta ha la capacità di uccidere le cellule tumorali. Poiché anche le cellule normali possono essere danneggiate, è necessario un attento calcolo della dose, della frequenza e del target della radiazione. Nella migliore delle ipotesi, le radiazioni possono uccidere le cellule tumorali causando danni minimi ai tessuti circostanti. Sebbene la radioterapia sia utilizzata per uccidere le cellule tumorali, ciò non significa che il gatto trattato diventi “radioattivo” e non vi è alcun rischio per le persone a contatto con il gatto.

La radioterapia a fasci esterni viene generalmente erogata da una macchina nota come acceleratore lineare . Questa terapia di solito richiede un breve anestetico generale (in modo che il gatto non si muova durante la procedura) e generalmente vengono somministrati diversi trattamenti (ciascuno della durata di pochi minuti) nell’arco di poche settimane.

La radioterapia può curare alcuni tumori, mentre con altri può ridurre e aiutare a controllarne la crescita. Nella maggior parte dei casi il danno ai tessuti normali circostanti è minimo e non causa effetti collaterali significativi. Lo specialista che intraprende questa terapia discuterà con te in dettaglio tutte le opzioni prima di prendere qualsiasi decisione. La radioterapia in sé non fa male, e anzi può essere un modo efficace per fornire sollievo dal dolore se il cancro lo sta causando. L’irritazione della pelle e la caduta dei peli nel sito della radioterapia sono uno degli effetti collaterali più comuni.

Occasionalmente viene utilizzata un’altra forma di radioterapia chiamata brachiterapia, in cui le sorgenti di radiazioni vengono posizionate all’interno o sulla superficie del corpo (utilizzando una sonda) per esporre un tumore alla radioterapia. Questo può fornire una forma più localizzata di radioterapia e può essere utilizzato, ad esempio, per trattare alcuni tumori della pelle come il carcinoma a cellule squamose.

La radioterapia è spesso utilizzata in combinazione con interventi chirurgici e / o farmaci (chemioterapia) e alcuni farmaci hanno la capacità di aumentare l’efficacia della radioterapia.

Chemioterapia per gatti con cancro

Come con la radioterapia, il pensiero della chemioterapia porta spesso molte idee sbagliate. Molte persone conoscono amici o parenti che hanno ricevuto la chemioterapia per il cancro e hanno sperimentato effetti avversi significativi associati al trattamento. Sebbene i farmaci antitumorali possano, e talvolta lo fanno, produrre effetti collaterali anche negli animali, la maggior parte delle persone è sorpresa e sollevata dal modo in cui i gatti tollerano la chemioterapia. Ciò è in parte dovuto al fatto che i gatti tollerano meglio il trattamento, ma anche in parte perché spesso vengono utilizzate dosi inferiori per evitare effetti collaterali che potrebbero influire sulla qualità della vita.

È disponibile un’ampia varietà di farmaci diversi per il trattamento dei tumori, la scelta dipende da:

  • i tumori da trattare
  • cosa è disponibile
  • quanto bene il gatto può tollerare il trattamento

Il tuo veterinario sarà in grado di discutere queste opzioni con te e di indirizzarti a uno specialista per ulteriori consigli o trattamenti, se necessario.

Per molti tumori viene utilizzata una combinazione di diversi farmaci per aumentare l’efficacia (attaccando il tumore in modi diversi) e per ridurre il rischio di effetti collaterali (l’uso di farmaci diversi di solito consente di utilizzare dosi inferiori).

La maggior parte dei farmaci chemioterapici agisce interferendo con la capacità delle cellule di dividersi (le cellule tumorali hanno una crescita e divisione continua e incontrollata). Gli effetti collaterali, quando si verificano, possono essere dovuti all’interferenza con altre cellule del corpo che si dividono rapidamente, come le cellule del midollo osseo, del tratto intestinale e della pelle. Gli effetti collaterali includono:

  • Soppressione del midollo osseo : questo causa un basso numero di globuli bianchi. I tipi di globuli bianchi solitamente colpiti per primi sono noti come neutrofili. Di solito vengono prelevati campioni di sangue regolari per monitorare la conta dei globuli bianchi (di solito 7-10 giorni dopo la somministrazione del farmaco). Se la conta dei neutrofili scende troppo, la dose e / o la frequenza del farmaco vengono generalmente ridotte e gli antibiotici possono essere prescritti temporaneamente. Anche le piastrine (cellule del sangue associate alla coagulazione) possono talvolta essere influenzate dalla chemioterapia e anche queste vengono controllate quando vengono prelevati campioni di sangue di routine.
  • Perdita di peli– sebbene questo possa essere uno degli effetti collaterali più evidenti della chemioterapia negli esseri umani, la perdita di peli nei gatti è insolita. Dove si verifica, spesso sono colpiti solo i baffi sul viso. La caduta dei peli generalizzata è estremamente rara.
  • Irritazione gastrointestinale : numerosi farmaci chemioterapici possono causare irritazione allo stomaco e al tratto intestinale per alcuni giorni dopo la somministrazione. Ciò può provocare nausea e vomito, o talvolta anche letargia e inappetenza. In questo caso, la dose dei farmaci può essere modificata e / o possono essere utilizzati altri farmaci per superare questi effetti. È utile tenere un diario del comportamento del tuo gatto mentre sta ricevendo la chemioterapia, segnando episodi di vomito o diarrea e l’appetito del gatto. Se sei preoccupato per i possibili effetti collaterali associati al trattamento, contatta immediatamente il veterinario.

Altri effetti collaterali dipendono generalmente dal farmaco utilizzato: alcuni possono danneggiare i reni o il cuore e pertanto potrebbe essere necessario un monitoraggio o un uso attento. Tuttavia, in generale meno del 20% (uno su cinque) dei gatti trattati sperimenterà effetti collaterali.

Alcuni farmaci vengono somministrati in compresse, ma altri vengono somministrati come iniezioni dal veterinario: questi farmaci iniettabili vengono spesso somministrati attraverso un catetere che verrà temporaneamente inserito in una vena (di solito in una zampa).

Precauzioni nei gatti sottoposti a chemioterapia

Poiché i farmaci antitumorali possono influenzare le cellule sane e cancerose (sia negli esseri umani che nei gatti), l’esposizione non necessaria a questi farmaci dovrebbe essere evitata ove possibile. Ciò include la manipolazione non necessaria dei farmaci, ma anche l’esposizione ai farmaci nelle urine e nelle feci prodotti da un gatto in trattamento (e anche altri fluidi corporei come la saliva e il vomito). Se vengono prese alcune semplici precauzioni, questa esposizione e gli eventuali rischi che ne derivano possono essere ridotti al minimo assoluto:

  • Dare compresse a casa : il veterinario ti avviserà se ti sta prescrivendo compresse da somministrare a casa che sono potenzialmente dannose. In tal caso, queste compresse (o capsule) non devono essere divise o frantumate: avranno un rivestimento protettivo progettato per impedire il contatto diretto con il farmaco stesso. Idealmente le compresse devono essere manipolate e somministrate indossando guanti monouso. Se il tuo gatto sputa una pastiglia, questa può essere raccolta (indossando i guanti), avvolta nella carta da cucina e poi gettata nel water.
  • Trattare l’urina e le feci – la maggior parte dei farmaci viene eliminata dal corpo nelle urine e / o nelle feci e in generale le concentrazioni del farmaco saranno più elevate nei primi giorni dopo il trattamento. Anche all’inizio, la quantità di droga escreta è in realtà molto bassa, ma è più sicuro indossare guanti usa e getta quando si pulisce una lettiera e mettere la lettiera sporca in un sacchetto sigillato nella pattumiera. Se il tuo gatto urina e defeca all’aperto, non saranno necessarie precauzioni speciali
  • Gestione della biancheria da letto sporca: la biancheria da letto sporca (con urina o feci) deve essere lavata separatamente da qualsiasi altro lavaggio di routine, e allo stesso modo le ciotole per cibo e acqua devono essere lavate separatamente dalle proprie ciotole e utensili

Queste semplici precauzioni aiuteranno a garantire che qualsiasi potenziale esposizione a questi farmaci sia ridotta al minimo.

Cure generali e palliative per il gatto malato di cancro

Come già notato, è utile tenere un diario del comportamento, dell’appetito e delle eventuali anomalie osservate del gatto, nonché una nota di quando (giorno e ora) somministrate i farmaci. Questo aiuterà te e il tuo veterinario a determinare se sono necessari ulteriori trattamenti o indagini.

Il mantenimento di un buon apporto nutrizionale è una parte importante della cura di supporto per il tuo gatto malato di cancro e offrire una varietà di alimenti può aiutare a garantire che venga mantenuto un buon appetito. In generale, gli alimenti commerciali di buona qualità sono la scelta migliore per un gatto malato di cancro, anche se a volte ci possono essere alcuni requisiti dietetici speciali da prendere in considerazione. Riscaldare il cibo può incoraggiare l’appetito, ma occasionalmente, a seconda delle circostanze, può essere necessario l’uso temporaneo di uno stimolante dell’appetito o di un sondino di alimentazione per superare la scarsa assunzione di cibo. Parla sempre con il tuo veterinario se l’appetito del tuo gatto è ridotto in quanto ciò può indicare un problema sottostante come dolore incontrollato o effetti collaterali associati al trattamento ricevuto.

Garantire una buona qualità di vita senza dolore è l’obiettivo principale nella gestione dei gatti malati di cancro. La terapia di supporto può essere una parte importante di questo e tali trattamenti possono includere l’uso di:

  • Farmaci analgesici : sono antidolorifici e possono essere importanti in caso di dolore o disagio associati al cancro
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) : questi farmaci sono antinfiammatori e aiutano anche ad alleviare il dolore. Possono essere utili nella gestione di alcuni tumori per entrambi questi motivi e inoltre i FANS possono avere un effetto antitumorale diretto in alcuni tipi di tumori (sebbene questo effetto di solito non sia profondo)
  • Farmaci antiemetici : sono farmaci che riducono la nausea e il vomito e possono essere necessari in alcuni pazienti
  • Antibiotici – se le infezioni batteriche secondarie diventano un problema o se il tuo gatto sviluppa una conta di globuli bianchi molto bassa (lasciandoli vulnerabili alle infezioni) a volte possono essere usati antibiotici

Non aver mai paura di fare domande e di scoprire quante più informazioni possibili sul cancro e sulle opzioni di trattamento del tuo gatto, e se c’è qualcosa di cui sei preoccupato riguardo al cancro o ai potenziali effetti collaterali del trattamento, contatta sempre il tuo veterinario immediatamente.

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *