Gatto Japanese Bobtail | Prezzo, carattere e allevamento

,
Japanese Bobtail

Il Japanese Bobtail è considerato il gatto simbolo del Giappone, anche se non ha origine in quel luogo. La sua caratteristica coda a pompom lo rende unico e particolare.

Origini della razza Japanese Bobtail

Maneki neko
Maneki neko

La vera origine di questa razza felina è la Cina, pare infatti che più di mille anni fa questo gatto emigrò dalla Cina al Giappone, diventandone il gatto simobolo.

Esistono raffigurazioni molto antiche di questo gatto in dipinti e documenti giapponesi, che non specificano bene però la lunghezza della coda o l’aspetto di questo gatto.

Veniva spesso raffigurato con la zampa anteriore sinistra alzata in segno di saluto in statue di ceramica chiamate Maneki-Neko, simbolo di benvenuto ed anche di fortuna. Leggi anche: Maneki neko, tutto sul gatto porta fortuna giapponese

Carattere del gatto Japanese Bobtail

E’ un gatto sereno ed affettuoso, dalla forte personalità. Si adatta bene a vivere in appartamento, è curioso di tutto ciò che lo circonda e buon cacciatore.

E’ molto intelligente e giocherellone.

Aspetto e caratteristiche

Il Japanese Bobtail esiste sia a pelo lungo che a pelo corto.

E’ di media grandezza e longilineo.

La sua coda è particolare, ha una forma arrotolata, formando un pompon folto di peli che sparano in tutte le direzioni.

Il pelo lungo della coda va a coprire il fatto che essa inizia alla base della spina dorsale, e le sue ossa sono forti e rigide.

A POSTO CON LO SHOPPING PER IL TUO GATTO?


Può essere costituita da un solo troncone oppure da più tronconi ed arrotolata “a gomiti”.

Se fosse distesa si presenterebbe come una normale coda di dieci-dodici centimetri di lunghezza.

Il pelo è morbido e setoso sia che sia lungo o corto, quasi completamente privo di sottopelo.

Il mantello è aderente al corpo e forma dei “pantaloni” attorno alle zampe posteriori nella versione a pelo lungo, e può presentare una folta gorgiera.

Sono ammessi tutti i colori ma quelli preferiti presentano stacchi evidenti e tigrature nette.

La varietà più apprezzata è quella tradizionale, bianco, nero e rosso, chiamata anche Mi-Ke.

Japanese bobtail curled
Japanese bobtail curled

Libri utili sul gatto Japanese Bobtail

Standard di razza del Gatto Japanese Bobtail (JBT):

Categoria III: Pelo corto e somali
Codice EMS: JBT
Associazioni che riconoscono la razza: AACE, ACF, ACFA, CCA, CFA, FIFé, LOOF, SACC, TICA, WCF

  • Aspetto generale
    Aspetto: Il Japanese Bobtail deve dare l’impressione generale di un gatto di medie dimensioni con una linea ed una ossatura ben definita.
    Corpo: ben muscoloso, ma lungo e snello piuttosto che massiccio.
    Il particolare posizionamento degli occhi, unitamente agli zigomi alti e ad un lungo naso rettilineo, conferisce al muso del Japanese
    Bobtail, in particolare di profilo, un aspetto molto diverso rispetto alle altre razze orientali.
    La sua coda corta somiglia a quella di un coniglio, con pelo a ventaglio che le conferisce la forma di un pom-pom e che ne maschera la sottostante ossatura.
    Taglia: Media
  • Testa
    Forma: Nonostante la testa appaia allungata e finemente cesellata, essa ha la forma di un quasi perfetto triangolo equilatero, con curve dolci, alti zigomi e un’evidente interruzione (‘break’) a livello del portabaffi
    (‘whiskers pad’)
    Naso: Lungo e ben definito da due linee parallele dalla sommità fino al tartufo, con una leggera depressione al livello degli occhi o appena al di sotto.
    Muso: Relativamente largo e arrotondato fino all’interruzione del portabaffi (‘whiskers break’), né a punta né smussato.
  • Orecchie
    Forma: Grandi e all’erta.
    Piazzamento: Diritte, ben distanziate, poste ad angolo retto sulla testa, mai divergenti verso l’esterno.
    A riposo danno l’impressione di essere inclinate in avanti.
  • Occhi
    Forma: Grandi, più ovali che tondeggianti, ma ben aperti e attenti.
    Alla vista di profilo sono decisamente infossati. Il bulbo oculare presenta una curvatura leggera che non deve sporgere oltre gli zigomi o la fronte.
    Colore: Il colore degli occhi deve essere in armonia con il colore del mantello. Questa regola si estende anche per gli occhi blu o impari.
    Tutti i colori sono permessi.
  • Corpo
    Struttura: Il busto lungo, slanciato ed elegante, non tubolare, evidenzia una muscolatura forte e ben sviluppata ma senza essere pesante .
    Non deve mai dare l’impressione di essere flaccida o tarchiata (‘cobby’).
    L’equilibrio generale è fondamentale.
  • Zampe
    In proporzione con il corpo, lunghe, snelle e alte, ma senza dare l’impressione di gracilità o fragilità.
    Quando il gatto è in piedi, zampe e spalle formano due linee parallele fra loro ravvicinate.
    Le zampe posteriori sono notevolmente più lunghe di quelle anteriori e sono molto angolate; pertanto, quando il gatto è in
    posizione di riposo, il tronco non rimane inclinato, ma è praticamente orizzontale.
    Piedi: Ovali
  • Coda
    La massima estensione della coda dovrebbe essere di circa 5-8 cm, sebbene nel caso fosse completamente allungata potrebbe
    raggiungere anche i 10-13 cm.
    Le ossa della coda sono di norma forti e rigide, praticamente saldate tra loro (salvo che alla base).
    La coda può essere diritta o con una o più curve ed angoli.
    La coda è portata diritta quando il gatto è rilassato.
    Il pelo sulla coda, solitamente più lungo e folto rispetto a quello sul corpo, contribuisce a formare una specie di pom-pom o di coda di coniglio, che parte dalla radice della spina dorsale e nasconde la struttura ossea sottostante
  • Mantello
    Struttura: Soffice, corto e serico, senza un sottopelo apprezzabile; raramente in muta.
    Colore: Tutte le varietà di colore sono permesse, tranne i silver (shell/shaded, golden) ticked tabby e pointed (25/31/32/33)
  • Tartufo e cuscinetti
    In generale dovrebbero armonizzarsi con il colore del mantello.
  • Note
    I maschi sono proprozionalmente più grandi delle femmine
    Sono ammesse guance sviluppate (sottoguance) nei maschi interi.
  • Ai fini della conservazione del colore tradizionale del gatto giapponese, cioè il MI-KE (tricolore bianco/rosso/nero), le varietà di colore da preferire per l’allevamento sono quelle che tendono a produrre femmine tricolori.
    Nei bicolori e tricolori, nessun colore deve predominare sull’altro, e la preferenza sarà da accordare a colorazioni intense e ben contrastate, con marcature ben definite.
    Tutte le varietà di colore e di colore d’occhi sono giudicate insieme nella stessa classe.
    Questa classe include tutte la varietà di colore, macchie, disegni o combinazione degli stessi, eccetto i point e i ticked.
    La classe dei “tabby” comprende tutte le varietà con disegni tabby, striati o maculati, con o senza zone di colore solido. Anche in questo caso la preferenza sarà da accordare a colorazioni intense e ben contrastate, con marcature ben definite.

Cure

Non richiede cure particolari, anzi la varietà a pelo corto non ha quasi muta del pelo, e la mancanza di sottopelo rende la toelettatura necessaria solo a larghi intervalli di tempo.

Prezzo del gatto Japanese Bobtail

Questa razza felina può avere un prezzo che parte dai 600 e può superare i 1000€

Scopri gli allevamenti di Japanese Bobtail

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *