marche cibo gatti da evitare

Apro questo articolo con delle premesse: chiedersi quali sono le marche di cibo per gatti da evitare ha senso solo se si guarda al singolo prodotti, alla singola etichetta messa sul sacco di crocchette o sulla lattina di umido, visto che ci sono marche che hanno linee molto diverse tra loro che possono essere caratterizzate da minor e maggior qualità.

Ho anche già scritto la classifica delle migliori crocchette per gatti e valutato 13 marche di croccantini per capire quali siano le migliori, ora vorrei concentrarmi sulla lista nera di crocchette per gatti che secondo me sono da evitare, per i motivi che ora ti spiego.

Come valutare il peggior cibo per gatti

Il cibo per gatti da evitare va valutato sulla base di che cosa fa bene al gatto, ossia tante proteine della carne, carne di qualità, non scarti macinati, proteine nutrienti e poco altro contenuto, sia nelle crocchette che nel cibo umido.

Ci sono dei parametri di legge che stabiliscono che cosa è consentito inserire in un cibo per gatti, una lista degli ingredienti e una tabella di valori nutrizionali obbligatorie, che definiscono quanto un cibo sia equilibrato per la salute del gatto.

Un gatto ha bisogno di mangiare soprattutto proteine, qualche grasso che gli dia energia, qualche fibra che lo aiuti nel transito intestinale, taurina, vitamine e sali minerali. Per questo esiste una tabella di valori nutrizionali obbligatoria per legge sulle confezioni che riporta ad esempio:

  • Proteine gregge 32.0 %
  • Grassi greggi 15.0 %
  • Fibre grezze 3.0 %
  • Ceneri gregge 6.5 %

Il senso di questa tabella l’ho spiegato nell’articolo su come leggere le etichette del cibo per gatti.

Ma se per legge è obbligatorio creare un cibo industriale in linea con i fabbisogni nutrizionali di un gatto, come può esistere un cibo per gatti che non fa bene al gatto, che è sconsigliato e peggiore degli altri?

Questo perché, come al solito, “fatta la legge, trovato l’inganno”, e dobbiamo sempre ricordarci che le aziende mangimistiche guardano al guadagno, cioè guadagnare il più possibile spendendo il meno possibile. Per questo anche se hanno l’obbligo di inserire una certa percentuale di proteine nel cibo per gatti, queste ultime possono anche derivare non dalla carne, ma dai vegetali, che costano meno.

E il gatto ha bisogno di mangiare vegetali? Solo in piccolissime quantità.

Inoltre le proteine della carne possono essere ricavate anche macinando piume, becchi di volatili, unghie e molto altro, ossia scarti di lavorazione, il valore di proteine obbligatorio viene raggiunto, ma con una qualità della carne davvero scadente.

Il cibo per gatti può essere davvero molto appetitoso, ma perché le aziende ci aggiungono zuccheri, glutammato, esaltatori di sapidità e aromi artificiali che piacciono moltissimo al gatto, ma non gli fanno di certo bene alla salute. Alcune sostanze contenute in certe crocchette non sappiamo ancora quali effetti hanno a lungo termine sui gatti, pensa un po’.

Un grande vantaggio per le aziende mangimistiche è usare i cereali nelle crocchette, perché sono fonte di proteine (vegetali), quindi si raggiunge la percentuale di proteine desiderata per legge, e si crea un croccantino più facilmente lavorabile. Ma quanta carne c’è in un croccantino composto per la maggior parte di riso o grano?

I carboidrati inoltre non è obbligatorio indicarli nella lista dei componenti analitici, per cui spesso sfuggono all’occhio attento di chi legge le etichette. Il risultato è una gran quantità di gatti obesi perché mangiano solamente crocchette, che li fanno ingrassare e non fanno movimento perché sono gatti che vivono solamente in casa.

In generale guardo con sospetto le etichette molto lunghe, perché di fatto il gatto non ha bisogno di chissà quanti elementi nel suo cibo, e guardo ancora con più sospetto le liste di additivi molto lunghi. Gli additivi sono sostanze aggiunte nel cibo per conservarlo, aggiungere sapore o colore, tenerlo assieme o aggiungergli altre proprietà, che perde per via della lavorazione, della cottura, della conservazione, per cui senza di essi non sarebbe vendibile.

In sostanza il cibo migliore per un gatto sarebbe la carne cruda (con tutti i rischi che essa comporta) di prede animali, ma per la nostra comodità di esseri umani sono nate le industrie mangimistiche che ci preparano il cibo pronto e facilmente conservabile, ma dobbiamo cercare di evitare alcuni prodotti, perché non sono assolutamente sani per il nostro gatto.

Per leggere un approfondimento sulla sicurezza alimentare del cibo per gatti LEGGI QUI.

Marche cibo gatti da evitare

Veniamo dunque alla lista nera delle crocchette per gatti e di cibo umido da evitare.
In generale le marche di crocchette sono da evitare se hanno più cereali che carne al loro interno. Il cibo umido invece va evitato quando ci sono zuccheri o additivi che lo rendono malsano a lungo andare per la dieta del gatto.

Una precisazione. Stiamo analizzando il peggior cibo per gatti che troviamo nel mercato, ma non significa che sia veleno. Un gatto può sopravvivere benissimo mangiando cibo di pessima qualità per tutta la sua vita, come noi umani possiamo sopravvivere benissimo mangiando tutta la vita solo merendine e biscotti. Ho scritto “sopravvivere” non a caso, ricordiamoci che “sopravvivere” e “vivere” sono due cose molto diverse.

Certo è che se nutriamo il nostro gatto solo con questi cibi-spazzatura, sarà più facile che possa avere problemi di salute, problemi alle vie urinarie, stitichezza, dermatiti, perdite di pelo, scarsa energia, pelo opaco, obesità, diabete, e chi più ne ha più ne metta, specie se è un gatto che vive solamente in casa e fa poco movimento che lo aiuterebbe a “smaltire” le sostanze non sane in eccesso.

Sono fortemente convinta che l’alimentazione sia fonte di salute o di malattia. Poi sappiamo che ci sono altri fattori che ci possono portare alle malattie, come l’inquinamento, lo stress, il modo di vivere attuale, ma se possiamo agire almeno sull’alimentazione, facciamolo. Facciamo quelle poche scelte che ci sono concesse nella vita.

In breve le marche di cibo per gatti da evitare secondo me sono:

  • Kitekat
  • Whiskas
  • Sheba
  • Gourmet
  • Friskies
  • Felix
  • Pro plan
  • Cat chow
  • Miglior gatto

Sicuramente ce ne sono anche altre che non ho preso in esame, se ne conosci segnalamele nei commenti che così do una occhiata.

KiteKat, Whiskas, Sheba per gatti

Metto assieme queste due marche di cibo per gatti da evitare perché entrambe di proprietà di Mars Petcare, che produce anche marche come Shiba, Catisfaction (snak per gatti) e altri marchi di cibo anche per cani.

Logo Mars Petcare

Crocchette Kitekat

Un esempio di una etichetta di un prodotto Kitekat che troviamo su Zooplus:

Ingredienti:

cereali, carne e sottoprodotti di origine animale (24%, di cui 4% manzo nelle crocchette di colore marrone e rosso), sottoprodotti di origine vegetale, oli e grassi, minerali, verdure (0,5% carote disidratate, che corrispondono al 4% di carote fresche, nelle crocchette arancioni e 1% di piselli disidratati, che corrisponde al 4% di piselli nelle crocchette verdi), estratti proteici di origine vegetale.

Additivi
Additivi fisiologico-nutrizionali:
vitamina A (10.710 UI /kg), vitamina D3 (1.181 UI/kg), vitamina E (160 mg/kg), solfato di rame pentaidrato (3,6 mg/kg), ioduro di potassio (0,90 mg/kg), solfato di manganese (II) monoidrato (13,5 mg/kg), selenito di sodio (0,19 mg/kg), solfato di zinco monoidrato(38,3 mg/kg).

Additivi tecnologici:
antiossidanti, coloranti.

Componenti analitici

Proteine gregge 28.0 %
Grassi greggi 10.5 %
Fibre grezze 2.8 %
Energia metabolizzabile 362.0 kcal/100 g

Per prima cosa: confrontate la percentuale di proteine presenti con quella nei prodotti che ho citato nell’articolo delle migliori crocchette per gatti. Si tratta di un misero 28% a fronte di più di 35-40% di proteine nelle altre crocchette.

Seconda cosa: guardate la lista di ingredienti. Sapendo che in tutte le liste di ingredienti scritte nei prodotti (anche quelli che usiamo noi umani) i componenti sono inseriti a partire da quello in maggior quantità, possiamo dedurre che queste crocchette sono composte principalmente da cerali (quali? bo.)

Terza cosa: il contenuto di carne è così citato: “carne e sottoprodotti di origine animale (24%, di cui 4% manzo nelle crocchette di colore marrone e rosso)”. Che tipo di carne? Cosa significa sottoprodotti? Diciamo semplicemente che la qualità è molto scarsa.

Diamo uno sguardo agli additivi e mi casca subito l’occhio sul solfato di rame pentaidrato. una semplice ricerca su Wikipedia in proposito ci dice che è un funghicida, usato nella mangimistica per animali, ma che è anche tossico per l’ambiente acquatico.

Altri additivi citati sono antiossidanti e coloranti, ma non sappiamo quali.

Riporto anche la lista degli ingredienti di una bustina di umido Kitekat:

carne e sottoprodotti animali (42%, di cui agnello 4%), sottoprodotti vegetali, minerali, oli e grassi, zucchero.

Anche qui vediamo che il tipo di carne non è specificato, i sottoprodotti non si sa che cosa siano, e soprattutto c’è lo zucchero, che non è assolutamente necessario ad un gatto, anzi.

Crocchette Whiskas

Per il cibo per gatti Whiskas il discorso è identico: è una marca da evitare, con crocchette ricche di cereali, umido contenente zuccheri e in generali carne di bassa qualità.

Stesso discorso anche per Sheba, che produce cibo umido e snack, ecco un esempio di lista degli ingredienti di un cibo umido:

carne e derivati di origine animale (40%), pesce e derivati (di cui 4% pesce bianco), sottoprodotti di origine vegetale, verdura (di cui 0,5% carote disidratate, corrispondenti al 4% di carote), minerali, zucchero.

Sono prodotti senza dubbio economici e non voglio fare un processo a chi li usa: ripeto che i gatti sopravvivono lo stesso e spesso in buona salute per anni. Non voglio nemmeno demonizzare chi non vuole spendere tanto per nutrire il proprio gatto, ognuno fa le proprie scelte.

Purina

Purina è un grosso brand che racchiude in sé diverse marche di cibo per gatti:

  • Gourmet
  • Friskies cat
  • Felix
  • Pro plan
  • Purina One
  • Cat chow

Cibo per gatti Gourmet

Gourmet è una marca diffusissima, non costa nemmeno pochissimo, ma delude parecchio, ecco infatti la lista degli ingredienti di una scatoletta di umido:

carne e sottoprodotti animali (18%, di cui 5% pollo), estratti di proteine vegetali, pesce e sottoprodotti ittici, minerali, zuccheri, lieviti.

Proteine gregge 12.0 %
Grassi greggi 2.6 %
Fibre grezze 0.05 %
Ceneri gregge 1.7 %
Umidità 81.5 %

Se hai letto il resto dell’articolo, capisci perché la includo tra le marche di cibo per gatti da evitare.

Bustine Felix

Per Felix, stesso discorso:

carne e sottoprodotti di origine animale (di cui 4% carne di pollo), estratti proteici vegetali, pesce e sottoprodotti ittici, minerali, zucchero, sottoprodotti di origine vegetale, lieviti.

Proteine gregge 7.5 %
Grassi greggi 1.5 %
Fibre grezze 0.2 %
Ceneri gregge 1.8 %
Umidità 87.5 %

Considerando la scarsa qualità di questi cibi, uno vale l’altro se proprio dobbiamo comprarli (anche per un periodo magari), per cui il consiglio che ti do è solo questo: compra quello che costa di meno, tanto sono scarsi uguale.

Crocchette Friskies

Se Felix produce solo umido, Friskies produce solo crocchette, ecco un esempio di lista degli ingredienti:

cereali, carne e sottoprodotti di origine animale (10% *), estratti proteici vegetali, oli e grassi, sottoprodotti di origine vegetale, minerali, verdure (0,6% **), lieviti.
*corrispondente al 20% di carne e sottoprodotti di origine animale reidratati, con minimo il 4% di pollo nelle crocchette a bastoncino e a diamante, corrispondenti al 3% del prodotto finale.
**corrispondente al 4% di verdure reidratate, in forma di crocchette a Y, quindi lo 0,15% corrispondente all’1% di verdure del prodotto finale.

Additivi
Additivi fisiologico-nutrizionali:
vitamina A (12.500 UI/kg), vitamina D3 (1.000 UI/kg), solfato di ferro II monoidrato (145 mg/kg), iodato di calcio anidro (2,4 mg/kg), solfato di rame pentaidrato (35 mg/kg), solfato di manganese monoidrato (15 mg/kg), solfato di zinco monoidrato (182 mg/kg), selenito di sodio (0,23 mg/kg), taurina (870 mg/kg).

Additivi tecnologici:
coloranti*, antiossidanti.
* privo di coloranti artificiali.

Componenti analitici

Proteine gregge30.0 %
Grassi greggi11.0 %
Fibre grezze3.0 %
Ceneri gregge8.0 %
Acido arachidonico0.1 %
Acido linoleico1.8 %

Come vedi poco cambia anche per il secco da una marca di bassa qualità all’altra. Mi domando perché ne esistano così tante, evidentemente produrre cibo per gatti di scarsa qualità rende molto, basta essere bravi con il marketing e differenziarsi con la pubblicità.

Cibo per gatti Purina ONE

Purina ONE cerca di salvarsi come marca di scarsa qualità, vediamo la lista degli ingredienti di una delle crocchette prodotte, e vediamo se trovi anche tu le insidie:

tacchino (17%, inc. ossa, pelle e carne), frumento integrale (16%), proteine di pollame disidratate, mais, farina di soia, farina di glutine di mais, farina di glutine di frumento, grasso di maiale, fettine di barbabietola disidratate, radice di cicoria essiccata (2%), minerali, autolisato (arricchito con lactobacillus delbrueckii sottoposto a trattamento termico e fermentum in polvere 0,025%), lievito.

Certo queste crocchette hanno il tacchino come primo ingrediente, ma proseguendo nella lettura dell’etichetta vediamo frumento, mais, farina di soia, farina di glutine ecc e secondo me arriviamo come percentuali ad avere più cerali che carne anche in questo prodotto. Leggere le etichette serve appunto a non farsi ingannare in questo senso.

L’unica marca che si potrebbe salvare in tutto ciò è Pro Plan, che comunque nella lista degli ingredienti presenta spesso un lungo elenco di farine di cereali. Un esempio:

Componenti:
salmone (20%), proteine della carne di pollame disidratate, riso, farina di glutine di mais, mais, farina di glutine di frumento, cellulosa, uovo disidratato, minerali, grassi animali, interiora aromatizzanti, lieviti, olio di pesce.

Proteine gregge41.0 %
Grassi greggi12.0 %
Fibre grezze7.5 %
Ceneri gregge4.0 %

Leggermente meglio degli altri prodotti.

Crocchette Miglior Gatto

Le crocchette Miglior gatto le vedo in molti supermercati, ma leggendo la lista degli ingredienti le eviterei: contengono più cereali che carne, non sono assolutamente adatte ad essere usate sempre per il gatto. ecco la lista degli ingredienti di una delle forumlazioni:

COMPOSIZIONE:
Cereali, carni e derivati 42% (pollo 4%) , oli e grassi, sottoprodotti di origine vegetale, sostanze minerali, lieviti.

COMPONENTI ANALITICI:
Proteina grezza 30%, Fibre grezze 2%, Grassi grezzi 11%, Ceneri grezze 9%, Calcio 2.3%, Fosforo 1.5%, Sodio 0.65%, Acidi grassi omega 3 0.29%, Acidi grassi omega 6 1.6% .

Additivi nutrizionali / kg: Vitamina A 13.400 UI ,Vitamina D3 930 UI, Vitamina E 85 mg, Ferro (Carbonato di ferro (II) (siderite)) 37.2 mg, Zinco (Ossido di zinco) 74.4 mg, Rame (Solfato di rame (II) pentaidrato) 6.1 mg, Manganese (Ossido di manganese (II)) 3.7 mg, Iodio (Ioduro di potassio) 1.9 mg, Selenio (Selenito di sodio) 0.1 mg. Antiossidanti.

Conclusioni

Queste sono le marche di cibo per gatti da evitare più conosciute e più viste nelle pubblicità, ma sicuramente ce ne sono anche altre che non ho citato, se vuoi scrivermele nei commenti ne sarò lieta.

Come ripeto, questo articolo non ha lo scopo di crocifiggere che usa queste marche di crocchette o di umido, perché non sono veleno per i gatti, il mio scopo è creare consapevolezza nelle persone e far capire che a lungo andare alcune scelte fatte per risparmiare o fidandoci delle pubblicità possono essere non ottimali.

Prima di essere così informata sull’alimentazione del gatto anch’io andavo al risparmio, non leggevo le etichette e la gatta che avevo prima di Lady e Oscar ha vissuto per 15 anni mangiando solo crocchette di bassa qualità, e io convinta che fosse meglio dare solo crocchette e per niente umido ai gatti. Quindi non punto il dito contro nessuno.

Non punto il dito nemmeno verso le aziende mangimistiche, capisco che il profitto è importante, ma le invito a lavorare in modo etico, chiaro e non ingannevole, scrivendo chiaramente gli ingredienti sulle etichette, invitandole a chiedersi perché dovremmo nutrire un gatto soprattutto con cereali quando l’alimento per lui più sano e nutriente è la carne.

Se hai domande o consigli da chiedere scrivili pure nei commenti, e se hai altri suggerimenti ben venga, spero che questo articolo ti sia stato di aiuto!

Leggi anche

4.7/5 - (9 Voti)
4 commenti
  1. Paolo
    Paolo dice:

    A proposito di Purina, ho smesso di comprare la linea Pro Plan (che mi aveva suggerito il veterinario) quando mi sono accorto che non mettevano le percentuali dei vari elementi che compongono ogni bustina.
    Ma peggio di Purina considero la Hill’s, che non utilizza Taurina nella sua produzione di umido (uno dei pochi additivi realmente utili: l’assenza di taurina provoca gravi complicazioni sanitarie ai nostri gatti).

    Rispondi
  2. Teresa
    Teresa dice:

    Buongiorno a tutti cosa ne pensate del cibo Animonda carny adulti. I miei mangiano questo cibo umido e ho notato che la richiesta da parte loro di ulteriori porzioni è bassa. Sembrerebbe che non provochi l’effetto ossessionati di cibo.
    Fatemi sapere, grazie

    Rispondi
  3. Mariella de Rosa Zeppelli
    Mariella de Rosa Zeppelli dice:

    le purina sono molto buone! prima di darle alla mia chicca (gatto) le ho assaggiate, erano un po’ salate.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.