Albero di Natale a prova di gatto come metterlo in salvo

Un dei dilemmi che sorgono quando si hanno dei gatti in casa è: albero di Natale SI o albero di Natale NO? Perché un albero di Natale a prova di gatto è una impresa ardua da realizzare, e chi ha già sperimentato la distruzione degli addobbi natalizi da parte dei nostri amati mici, spesso getta la spugna e rinuncia al classico albero di Natale.

Il gatto infatti è attratto da tutto ciò che è luccicante, che fa il rumore della carta appallottolata, da tutto ciò che quando lo tocchi si muove, e naturalmente adora gli alberi! Infatti in natura il gatto ama arrampicarsi, vive il mondo in tre dimensioni, e spesso in casa non ha modo di salire su mobili o mensole perché sono occupate dai nostri libri, o glielo impediamo.

Inoltre, essendo un animale curioso, quando vede l’albero di Natale, inizierà subito ad esplorarlo, ad addentrarsi tra i rami, a toccare nastri colorati e palline, e scoprirà che per lui può essere un vero e proprio luna park!

Ricordiamoci comunque, che ogni gatto è diverso, e non è detto che il nostro albero di Natale faccia automaticamente una brutta fine!
Ci sono gatti dal carattere tranquillo che convivono pacificamente con l’albero di Natale, e magari ci regalano scatti come questo, fatto da un membro del gruppo Facebook di Miciogatto, con i suoi mici tranquilli in posa sotto l’albero di Natale:

albero di Natale a prova di gatto

Altre volte invece, purtroppo, la situazione è questa (foto tratte dal gruppo Facebook di MicioGatto):

albero natale prova di gatto

Ma come possiamo creare un albero di Natale a prova di gatto? E’ davvero una impresa impossibile? Vediamo in questo articolo alcuni consigli e alcune soluzioni, dalle più semplici alle più fantasiose.

Come fare l’albero di Natale a prova di gatto

Spesso viene consigliato di non addobbare l’albero in presenza del gatto, o di lasciare l’albero a sua disposizione e spoglio, per qualche tempo, in modo che il gatto lo possa esplorare senza distruggere subito tutti gli addobbi.

Credo che questo sia un consiglio che può valere per i gatti più tranquilli e meno curiosi, perché il micio esplorerà l’albero di Natale sia da spoglio, che successivamente con gli addobbi, e questo non lo fermerà dall’arrampicarsi per vedere, fin su nella punta, che cosa c’è 🙂

Un’altra soluzione che viene spesso proposta è di usare un repellente per gatti sull’albero di Natale, come ad esempio delle bucce d’arancia, delle scorze di limone o la citronella (il gatto odia il profumo degli agrumi), oppure spruzzare quotidianamente l’albero con dell’aceto di mele (a me vien ribrezzo solo a sentirne parlare).

Anche queste proposte le scarterei, io sono contraria all’idea del repellente per gatti sull’albero di Natale e su qualsiasi altra cosa, perché mi sembra una violenza sul gatto proporre qualcosa di attraente e di appetibile in casa e poi dissuaderlo dall’esplorarlo.
Alcuni propongono addirittura di spruzzare il gatto con acqua appena si avvicina all’albero, io lo sconsiglio vivamente!
Fareste vivere con stress al gatto una occasione che potrebbe essere di gioco.

Lasciando da parte queste soluzioni, direi invece che un albero di Natale a prova di gatto potrebbe essere un albero di Natale SICURO per il gatto, in modo che ci possa giocare senza ferirsi e magari senza distruggere la casa.

Una idea carina per non rinunciare all’albero di Natale è farlo di stoffa! Ecco alcune idee che ho trovato su in rete  di alberi Natale di tutte le dimensioni, colorati e carini, con cui il gatto può tranquillamente interagire senza ferirsi e senza fare un disastro in casa:

alberi di natale stoffa a prova di gatto

Oppure si può realizzare un bell’albero di Natale da parete, magari utilizzando delle mensole su cui il gatto possa arrampicarsi tranquillamente, fornendogli così uno stimolo di esplorazione, senza il pericolo di ferirsi (naturalmente togliendo gli addobbi pericolosi):

albero di natale da parete

Un’altra soluzione che invece il gatto gradirà tantissimo, è addobbare con palline di stoffa il tiragraffi del nostro gatto, in modo da avere un albero di Natale proprio a misura di gatto!

Un albero di Natale a prova di gatto non deve solamente proteggere la nostra casa dal disastro, ma deve prima di tutto proteggere il nostro gatto da eventuali cadute, magari dalla punta dell’albero verso un mobile, deve proteggerlo da palline rotte e taglienti, dall’ingerire aghi di pino o dal masticare fili elettrici, quindi i consigli che ti do, se non vuoi rinunciare ad un albero di Natale tradizionale, sono:

  • scegli un albero con la base molto ampia, robusto, e non molto alto, in modo che non si rovesci facilmente
  • disponilo possibilmente lontano da mobili, soprammobili o oggetti pericolosi, in modo che in caso di caduta il gatto non si ferisca
  • scegli addobbi in stoffa, che non si rompano facilmente, e grandi, in modo che anche se il gatto li morde, non si faccia male
  • evita le ghirlande di fili elettrici, il gatto potrebbe masticarli

Sfogliando la rete, mi sono imbattuta poi in soluzioni davvero fantasiose per proteggere l’albero di Natale dai nostri gatti, come ad esempio appenderlo al soffitto, proteggerlo con una gabbia, insomma se ne vedono di tutti i colori!

repellente gatti albero di natale

Da leggere dopo:

Qualsiasi soluzione tu voglia adottare per il tuo albero di Natale a prova di gatto, mi raccomando di pensare sempre soprattutto al benessere ed alla salute del tuo gatto. E perché non vivere il Natale come una occasione in più per interagire con lui, per farlo divertire con un albero di Natale sicuro e divertente? In questo articolo, redatto con la collaborazione non condizionata di Monge, ti ho dato dei suggerimenti su come fare.
Scrivimi nei commenti che cosa ne pensi e che tipo di albero hai realizzato per questo Natale!

Albero di Natale a prova di gatto: ecco come metterlo in salvo!
5 (100%) 10 vote[s]

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *