Cibi pericolosi per il gatto

Quali sono i cibi pericolosi per il gatto? Ci sono alimenti nelle nostre cucine che sono tossici per il gatto o addirittura velenosi?

Capita che ci cada qualche alimento sul pavimento ed il gatto vada subito a vedere che cos’è e magari lo ingerisca, il gatto è un animale curioso e potrebbe assaggiare un cibo che potrebbe farlo stare male

In questo articolo vogliamo fare un elenco di cibi che sono dannosi per i nostri gatti, addirittura pericolosi, insomma i cibi da evitare di dare al nostro gatto.

Cibi pericolosi per il gatto

  • Aglio e cipolla.
    Queste due piante appartenenti al genere Allium che utilizziamo come piante aromatiche per cucinare, non devono essere date al gatto, perché hanno un composto (disolfuro di n-propile) che noi metabolizziamo, ma lui no.
    E che danneggia i suoi globuli rossi portando anemia alla lunga, ma nel breve periodo può provocare vomito e diarrea.
    Oltre agli ortaggi in sé, bisogna evitare anche i nostri piatti, che contengono questi ortaggi.
aglio e cipolla tossico per i gatti
  • Cioccolato:
    penso che il fatto che il cioccolato sia pericoloso per il gatto sia cosa conosciuta, ma che molti facciano finta di nulla… Ma un pezzettino, ma solo stavolta…
    Il cioccolato contiene la teobromina, che il gatto non metabolizza, e se mangia 150 mg/kg di questa sostanza può intossicarsi, avendo così vomito e diarrea.
    Altre sostanze simili sono le altre metilxantine, tra cui la caffeina (o teina) che hanno effetti simili e si trovano nel tè e nel caffè.
  • La Nutella:
    menzione particolare per questo prodotto, mi perdonerà il buon Ferrero, perché su Youtube si vedono video che le persone pensano siano simpatici dei gatti che mangiano la Nutella.
    Un prodotto composto per la maggioranza da zucchero (-> Diabete), seguito da olio di palma (…) da cioccolato (ne abbiamo parlato prima) e da una parte trascurabile di nocciole vi sembra un prodotto salutare per un gatto? Fate vobis.
nutella tossica per i gatti
  • Una e uvetta:
    questa è una cosa particolare, perché l’uva gira molto in tavola per Natale, anche solo l’uva passa del panettone.
    L’uva per un gatto è pericolosa, anche se i veterinari ancora non capiscono bene quale sia il principio attivo che causa la patologia renale.
    Questo composto, non ancora individuato, che accelera la degenerazione del rene del gatto, avvicinando il momento in cui andrà in insufficienza renale, che è una patologia ad oggi incurabile.
  • Bevande alcoliche:
    anche ai gatti viene la cirrosi, con la differenza che sono molto meno tolleranti all’alcool di noi. Siamo un po’ matti se pensiamo che al gatto piaccia fare il brindisi di Natale.
  • Funghi:
    Il problema dei funghi, oltre al fatto che molti sono velenosi anche per l’uomo è che gran parte delle molecole fungine ancora non si conoscono, e anche funghi per noi innocui potrebbero essere pericolosi per il gatto. Si consiglia di evitarli perché ne sappiamo ancora troppo poco, ad oggi.
  • Ossa e lische:
    ai gatti piacciono tantissimo, perché ci tolgono i brandelli di carne che sono rimasti attaccati, ma evitiamo le lische e le ossa che si scheggiano (pollo, coniglio) perché se le ingerisce potrebbero lesionare l’intestino o, se sono troppe, causare ostruzioni. Questi sono i motivi per cui si consiglia di evitarle
    In alcune diete a crudo le ossa vengono fornite come alimento, come fonte di calcio. Non fatelo mai senza esservi adeguatamente informati: in questi casi si scelgono ossa ben precise, ossa piccole e morbide, che non si scheggiano, circondate da carne così da rendere difficili le perforazioni, e comunque le quantità deve essere attentamente dosata per evitare un eccesso di ossa che potrebbe favorire le ostruzioni. Il consiglio è sempre quello di chiedere a un veterinario prima di iniziare questo tipo di dieta, perché dare ossa a caso è, e rimane, pericoloso.
  • Avanzi:
    non è tanto cosa viene dato al gatto, ma quanto gliene diamo. E’ molto difficile che gli avanzi della tavola siano bilanciati, e in più sono molto ricchi di olio, di carboidrati e di condimenti (cipolle) che non sono adatti ad un gatto. Le patologie derivate dall’abitudine di fornire avanzi della tavola sono diversi, una delle principali è la steatosi ma ci sono altri problemi anche molto gravi, per cui non è positivo fornirli.
  • Alimenti scaduti
  • Dare alimenti scaduti al gatto non è mai una buona idea. Nei cibi scaduti, specie nei latticini, c’è proliferazione di batteri patogeni, dannosi per l’intestino. E non si danno al gatto, perché presumibilmente andremo a causare viene vomito e diarrea. Se sulla confezione c’è scritto “da consumarsi entro” un motivo c’è, e quello stesso motivo vale anche per i gatti.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *