Gattino abbandonato dalla mamma, cosa fare?

,
gattino abbandonato dalla mamma cosa fare consigli

Idealmente, i gattini dovrebbero rimanere affidati alle cure della madre fino a quando non hanno almeno 6-8 settimane di età, ma capita di trovare un gattino abbandonato dalla mamma. La cura di una mamma gatta e il nutrimento del suo latte forniscono importanti anticorpi e protezione per i gattini durante la crescita, mamma gatta aiuta a soddisfare le esigenze dei gattini ad ogni passo. Tuttavia, ci sono momenti in cui una mamma gatta non può più prendersi cura dei suoi cuccioli (malattia, morte, abbandono) e la responsabilità di allevare la sua cucciolata può cadere nelle tue mani. Può essere una prospettiva spaventosa se non hai mai allevato gattini prima, ma vogliamo aiutarti a guidarti lungo la strada in modo che tu possa fornire la migliore assistenza possibile ai tuoi gattini in assenza della madre. Cosa fare dunque con un gattino abbandonato dalla mamma?

Perché mamma gatta abbandona i gattini?

Le grida lamentose di un gattino abbandonato sono strazianti e potresti chiederti perché una mamma gatta lascerebbe la sua prole indifesa a piangere e forse morire di fame. Prima di prendere in braccio il gattino o portarlo a casa, potresti considerare le possibili ragioni per cui il gattino è solo.

Forse il gattino è ammalato: se una mamma gatta sente che uno dei suoi cuccioli è affetto da una malattia virale o batterica, potrebbe abbandonare il gattino in modo che non infetti i suoi fratelli. Alcuni veterinari non cureranno i gattini appena nati abbandonati perché è molto probabile che il gattino sia già malato e abbia poche possibilità di sopravvivenza.

La madre non ha istinto materno: sebbene la maggior parte delle gatte abbia un forte istinto di prendersi cura dei propri cuccioli, alcune gatte semplicemente non sono interessate o non sanno cosa fare, specie alla prima cucciolata. Potrebbero essere confuse e traumatizzate dopo la nascita e non riuscire a sdraiarsi per allattare i loro gattini o per creare un nido caldo per loro.

Mamma gatta è malata o morta: il parto comporta ogni sorta di rischio per i gatti selvatici. La madre potrebbe essere partita per andare a caccia e ora è troppo debole o malata per tornare. Potrebbe essere stata investita da un’auto e uccisa.

Mamma gatta potrebbe essersi allontanata per trovare cibo: se il gattino miagola solo da poco tempo, o se vedi che il suo nido è pulito o che dorme tranquillo, probabilmente non è abbandonato. Sua madre potrebbe essere lontana dal nido per un lungo viaggio di caccia. È anche possibile che dopo la nascita dei suoi cuccioli, si sia separato e nascosto in luoghi diversi per ridurre le possibilità che la preda uccida l’intera cucciolata. In entrambi i casi la madre tornerà in tempo.

Gattino abbandonato dalla mamma, cosa fare?

Se effettivamente il gattino è stato abbandonato o allontanato dalla madre per qualche motivo, allora te ne dovrai occupare. In alcuni casi, si può trovare una madre surrogata (una gatta che ha già una cucciolata o una gatta che sta producendo latte che potrebbe aver perso i suoi cuccioli). Non tutte le gatte che allattano accetteranno nuovi cuccioli, ma se riesci a trovare qualcuno che ha una mamma gatta che si prenderà cura dei gattini abbandonati (senza sopraffarla), allora i tuoi gattini avranno maggiori possibilità di sopravvivenza e di uno sviluppo normale e sano. Chiama le cliniche veterinarie locali, i rifugi o i soccorsi della zona per vedere se conoscono una mamma gatta in grado di accogliere i gattini abbandonati.

Se non riesci a trovare una madre surrogata per i tuoi gattini, o se una madre surrogata li rifiuta, i gattini avranno bisogno che tu intervenga e fornisca le cure necessarie. Di seguito sono riportate informazioni importanti che ti aiuteranno a fornire la migliore assistenza possibile ai tuoi gattini e ad assicurare che le loro esigenze siano soddisfatte.

Gattino abbandonato dalla mamma, ecco la prima cosa da fare

I gattini appena nati e giovani sono estremamente delicati e anche il minimo calo della temperatura corporea può essere dannoso per la loro salute/benessere. Assicurati che i gattini stiano in un luogo caldo e se sono più di uno che rimangano insieme. I gattini si aiuteranno a tenersi al caldo, ma potrebbero aver bisogno di ulteriore aiuto per mantenere una temperatura sana. Potrebbe essere necessario tenere un termoforo sotto le coperte, oppure puoi usare un calzino di riso (calzino pieno di riso o fagioli, riscaldato per 45 secondi nel microonde) per fornire calore aggiuntivo, se necessario. È molto importante proteggere i gattini dall’essere ustionati da questi oggetti, quindi assicurati che ci sia una coperta o un cuscinetto sotto i gattini in modo che non entrino in contatto diretto con la fonte di calore. Un’altra grande fonte di calore sei TU. Se i tuoi gattini hanno freddo e hanno bisogno di calore immediato, mettili sotto i vestiti contro la pelle per scaldarli. Un altro modo per tenere i gattini al caldo è confinarli in una piccola stanza come un bagno con una stufa. Ancora una volta, crea loro un piccolo nido in modo che possano condividere il loro calore corporeo.

Nutrire un gattino abbandonato dalla madre

Abbiamo già trattato questo argomento in due articoli con molti consigli, puoi leggerli QUI e QUI.
In generale le regole sono: mai dare latte di mucca, ma procurarsi il latte in polvere apposito, al limite da mescolare con tuorlo d’uovo (negli articoli già citati ci sono tutte le ricette per il latte artificiale per gattini.
Importantissima è la posizione in cui tenere il gattino per allattarlo con un piccolo biberon: mai tenerlo a pancia in su altrimenti rischiamo di soffocarlo. Leggi attentamente gli articoli già citati per tutti i consigli.

Gattino abbandonato dalla madre: aiutarlo con i bisogni

I gattini appena nati e giovani hanno bisogno di aiuto per eliminare i rifiuti corporei. Le mamme gatte leccheranno i genitali dei gattini e l’area circostante per stimolare l’intestino e la vescica. Dovrai aiutare a favorire lo stimolo per le feci e l’urina nei gattini usando un batuffolo di cotone o un fazzoletto caldo e umido o un panno umido caldo. Accarezza delicatamente il sedere del gattino fino a quando non si verifica la stimolazione. Assicurati che l’area rimanga pulita e priva di sporco per proteggere la pelle dei gattini. Fallo dopo a ogni poppata per assicurarti che il corpo del gattino sia libero da feci e urina. Quando i gattini hanno 4 settimane dovrebbero essere in grado di usare la lettiera da soli e puoi iniziare a insegnare loro come usarla, mettendoli spesso nella lettiera e mostrando loro come raspare, con le mani.

Un altro bisogno fondamentale dei gattini piccoli è dormire. Poni il gattino abbandonato sempre a dormire dopo le poppate, al caldo e protetto. un gattino piccolo dorme tantissimo, quindi lascialo tranquillo per la maggior parte del tempo, svegliandolo solo all’ora della pappa.

La salute di un gattino abbandonato dalla mamma

Assicurati di consultare un veterinario se noti problemi con lo sviluppo dei tuoi gattini, le abitudini alimentari, la minzione / i movimenti intestinali o la salute generale. I gattini che non hanno gli anticorpi della madre nel loro sistema possono essere più inclini alla malattia o lenti a svilupparsi, quindi sii consapevole della salute dei tuoi gattini e sii proattivo se qualcosa non ti sembra giusto (diarrea, disidratazione, occhi che colano). , starnuti, scarso appetito, temperatura corporea bassa o alta, feci con odore forte o sgradevole o tracce di sangue, ecc.).

In generale appena trovi un gattino abbandonato dalla mamma dovresti portarlo dal veterinario per assicurarti che non abbia gravi malattie, anche per proteggere gli altri tuoi gatti di casa da infezioni portate dal micino e per chiedere consiglio al veterinario sull’età del micetto e su come muoverti per salvarlo.

Conclusioni

Prendersi cura di gattini abbandonati/senza madre non è un lavoro facile. Richiede tempo, attenzione e molta cura e devi essere preparato alla possibilità di perdere alcuni gattini lungo la strada. Tuttavia, con la conoscenza e la guida di una esperta o del veterinario, sarai in grado di fornire le cure necessarie ai gattini e conoscere le COSE DA FARE e DA NON FARE che daranno ai tuoi gattini le maggiori possibilità di sopravvivenza.

Leggi anche

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *