Il gatto non mangia, perché e cosa fare

,
gatto non mangia consigli cosa fare

Se noti che il tuo gatto non mangia, devi osservare bene il suo comportamento e capire se non vuole più mangiare un determinato cibo oppure se proprio non mangia nulla, per quanto succulento sia ciò che gli presenti. Quando un gatto smette di mangiare ci possono essere problemi seri legati alla salute, e se da un lato è normale che ad esempio in estate un gatto mangi meno, se non mangia proprio nulla bisogna agire tempestivamente.

Perché è un problema se il gatto non mangia

Un gatto potrebbe smettere di mangiare per una ostruzione intestinale o una ostruzione nello stomaco, oppure potrebbe avere una malattia che gli causa forte dolore e nausea. Indipendentemente dal motivo per cui il gatto smette di mangiare, bisogna subito fare qualcosa, perché ad esempio se è sovrappeso e smette di mangiare, e non mangia nulla per due giorni, può subentrare una patologia che è la lipidosi epatica, chiamata anche malattia del fegato grasso o sindrome del fegato grasso, e può essere fatale se non trattata.

Quando subentra la lipidosi epatica, e ci vogliono solo un paio di giorni senza assunzione di cibo, la situazione è già grave e bisogna correre dal veterinario.

Il gatto non mangia: le cause

Problemi respiratori

I problemi respiratori possono influenzare il senso dell’olfatto o la capacità di respirare del tuo gatto e portare a una perdita di appetito. Le malattie delle vie respiratorie superiori possono ostruire il naso e gli occhi del tuo gatto con secrezioni con conseguente perdita temporanea o limitazione della vista e dell’olfatto. Le malattie del tratto respiratorio inferiore possono colpire i polmoni del tuo gatto causandogli difficoltà a respirare. Questi problemi respiratori potrebbero essere risolti con alcuni semplici antibiotici o potrebbero avere cause più complicate come il cancro.

Malattie dell’apparato digerente

Problemi con lo stomaco, l’intestino, il pancreas o altre parti dell’ apparato digerente del gatto possono indurlo a smettere di mangiare. Il tuo gatto potrebbe anche vomitare e avere diarrea o dolori addominali insieme a problemi digestivi. Ma di solito una diminuzione dell’appetito è uno dei primi segni di un problema al sistema digestivo. I problemi possono variare da reflusso acido, tumori, squilibrio di batteri intestinali, parassiti, malattie dell’intestino irritabile e altri problemi.

Corpi stranieri

Ad alcuni gatti piace mangiare cose che non dovrebbero ingerire o sviluppare boli di pelo, che possono rimanere bloccati nello stomaco o nell’intestino. Un corpo estraneo bloccato nello stomaco o nell’intestino tuo gatto viene definito ostruzione. Un’ostruzione non consentirà al cibo di passare attraverso il tratto digestivo e quindi il gatto potrebbe vomitare, quindi molto probabilmente smettere di mangiare. Alcuni corpi estranei possono passare attraverso il corpo del tuo gatto, causando semplicemente vomito e diarrea, ma anche mancanza di appetito.

Malattia dentale

Denti e gengive malati o dolorosi possono far smettere di mangiare al tuo gatto. I gatti possono fratturarsi i denti, sviluppare lesioni da riassorbimento sui denti, infiammazioni alle gengive, sviluppare ascessi dentali e sperimentare altri problemi dentali che causano dolore alla bocca. Proprio come le persone, il tuo gatto potrebbe non voler mangiare se gli fa male la bocca. Tuttavia, i problemi dentali possono essere difficili da diagnosticare in un gatto e il tuo veterinario potrebbe aver bisogno di sedare o anestetizzare il tuo animale domestico per valutare il problema.

Sapore del cibo

I gatti possono essere delicati con il cibo. Alcuni mangiano un alimento per mesi o anni e poi improvvisamente decidono di non volerlo più mangiare. A volte inoltre i produttori di pet food cambiano sapori e ingredienti del loro cibo senza alcun segno evidente sulla confezione e il tuo gatto se ne accorgerà e si ribellerà.

Forma o consistenza del cibo

Il tuo gatto può anche essere sensibile a determinate forme e consistenze quando si tratta di cibo. Ad alcuni gatti piacciono le forme triangolari, ad altri le forme rotonde e altri ancora mangeranno solo cibo secco croccante o cibo umido in scatola.

Deterioramento del cibo

Se dai al tuo gatto cibo scaduto o avariato, potrebbe non volerlo mangiare. Controlla la data di scadenza sul cibo. O, per lo meno, annusalo per vedere se puzza di rancido. Non dare mai cibi scaduti o avariati al gatto, come fanno male a noi umani, così fanno male anche a lui.

Il gatto non mangia, cosa fare?

In alcuni casi, se non ci sono malattie sottostanti o problemi gravi, potresti riuscire a indurre di nuovo l’appetito nel tuo gatto e convincerlo a mangiare. Un controllo dal veterinario andrebbe fatto comunque se il gatto non mangia, perché potrebbe mangiare un nuovo cibo appetitoso e poi smettere di nuovo di nutrirsi.

Prova a proporgli del cibo molto appetibile, che esiste in commercio, un cibo molto saporito utilizzato per gatti in convalescenza. Questo tipo di cibo spesso è molto appetibile e profumato e contiene nutrienti più concentrati, così puoi aiutare il tuo gatto a risolvere un problema momentaneo.

Prova a scaldare a temperatura ambiente il cibo che gli proponi di solito, per renderlo più profumato per il suo delicato olfatto: i gatti scelgono il cibo molto più per l’odore che per il sapore. Prova cibi di consistenza e forma diverse per stimolare la curiosità e l’appetito del tuo gatto.
Controlla se l’azienda produttrice del cibo che compri abitualmente ha cambiato ricetta o aggiunto qualcosa di nuovo al tuo cibo abituale.

I gatti possono annoiarsi del cibo che mangiano tutti i giorni, tuttavia sono molto diffidenti verso un nuovo cibo. Se devi fare un cambio di alimentazione fallo gradualmente, mescolando il cibo “vecchio” con quello nuovo che vuoi proporre.
Se vedi che il tuo gatto non mangia da un paio di giorni, mi raccomando portalo dal veterinario!

Leggi anche

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *