libro il triste mietitore la morte e il gatto

Quale legame hanno i gatti, l’aldilà e la morte? Mi è capitato tra le mani questo libro, dal titolo un po’ inquietante “La morte e il gatto” scritto da Il Triste Mietitore, sottotitolato “Il mio punto di vista è sei piedi sotto terra”.
Ma di che cosa si tratta? E’ un libro horror? Un testo che studia i rapporti dei gatti con l’aldilà? e che cosa c’entrano i gatti con la morte?

Ti è mai capitato che il tuo gatto fissasse il nulla, il vuoto, come se vedesse qualche spirito o qualcosa di invisibile? Bhe, io ho 2 gatti, e capita che ENTRAMBI fissino un punto…dove non c’è apparentemente nulla. Inquietante vero? Ma “La morte e il gatto” non è uno studio sui gatti e l’aldilà, bensì un romanzo particolare, che scorre alla lettura velocemente, piacevolissimo da leggere, e mi ha stupito in modo molto favorevole!

la morte e il gatto

Per capire questo libro, bisogna capire innanzitutto chi è il suo autore, e magari leggere qualcosa sulla sua pagina Facebook.
Ma chi è “Il Triste Mietitore”? Il Triste Mietitore, alias Alessandro Balsamo, è lo pseudonimo creato da Alessandro su Twitter nel 2011, ed ha riscosso grandissimo successo. con i suoi tweet dissacranti ed irriverenti, il Triste Mietitore si prende gioco di tutto, con le sue battute canzonatorie e divertenti. Conta oggi 418.000 follower.

Ora è anche pagina Facebook, con 131000 “Mi Piace” e gruppo Facebook, nei quali si parla di morte, in modo simpatico, in un modo che sdogana questo tabù. In realtà il Triste Mietitore ama dissacrare un po’ tutto e uscire da tutti i tabù, un po’ cinico ed un po’ acido, la sua schiettezza disarma, anche quando parla di argomenti di cui ci vergogniamo di parlare.

Non è raro leggere nella sua pagina, ma anche nel libro “La morte e il gatto” accenni alla pupù, battute sugli aspetti più schifidi del genere umano, come le caccole, le puzze, ecc, non fanno parte anche queste di noi tutti?
E nel libro la Morte ed il gatto si rivelano ben più saggi di tutti noi.

In offerta
La morte e il gatto. Il mio punto di vista è sei piedi sotto terra
10 Recensioni
La morte e il gatto. Il mio punto di vista è sei piedi sotto terra
  • Il Triste Mietitore
  • Editore: Imprimatur
  • Copertina flessibile: 160 pagine

Ora non voglio spoilerare assolutamente il contenuto, e nemmeno descrivervi la trama che ha pensato Il Triste Mietitore, perché nonostante il linguaggio spesso frivolo e colorito, La morte e il gatto assume spesso toni di saggezza e sa sorprendere.
E soprattutto sa descrivere a meraviglia la vita con il gatto, che condividiamo tutti, assieme ai protagonisti Claudia e Roberto.
Una citazione su tutte, vi posso far vedere le pagine del decalogo del rapporto Uomo-gatto, che mi ha fatto tanto ridere, dato che mi riguarda da vicino:

“Il gatto cede all’Uomo i suoi diritti d’immagine: le sue foto potranno essere pubblicate da questi su social quali Instagram, Facebook e Twitter senza alcun ulteriore permesso. Il Gatto è tenuto ad assumere pose tenebrose o esibirsi in qualche acrobazia spettacolare, ma si riserva il diritto di farlo quando lo smartphone dell’Umano non è nelle immediate vicinanze”

la morte e il gatto il triste mietitore

Questa citazione è solo uno dei tanti esempi di saggezza contenuti nel libro, la Morte in questo caso si fa protagonista di grandi disquisizioni sulla vita, sull’essere umano, sempre in modo ironico e dissacrante, arrivando perfino a reinterpretare le favole.
Le frasi della Morte risuonano come proverbi, ma anche provocazioni, ovvietà che abbiamo sotto gli occhi ma non vogliamo vedere, e tutto ciò ci fa sorridere.

Quindi per me un libro consigliatissimo! Ed io sono delicata in fatto di libri, mi annoio subito, ma in questo caso ho trovato davvero un racconto carino, che ti prende, insolito 🙂 [ Scopri il libro su Amazon ]
Fammi sapere cosa ne pensi se l’hai letto anche tu!

Se vuoi saperne qualcosa di più, ecco la mia video recensione del libro “La Morte e il Gatto”

Da leggere dopo:

Il libro de Il Triste Mietitore: La Morte e il Gatto
5 (100%) 5 votes

Potrebbe interessarti:

3 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *