Una delle cose più spiacevoli che ci possa capitare è quella di tornare a casa, la sera, e sentire un intenso odore di urina di gatto non provenire dalla lettiera, insomma, trovare il gatto che ha marcato il territorio, spesso su punti molto fastidiosi da pulire come il muro o la coperta del letto.

Ma perché i gatti marcano il territorio? Che bisogno c’è di marcare in casa, quando sanno benissimo che nessun altro gatto, al di fuori di quelli che abitano lì, può entrare?

La marcatura all’aperto è da considerarsi una cosa normale visto che passano altri gatti, ma quella in appartamento non lo è e deve in qualche modo essere risolta.

Perché i gatti marcano il territorio?

Capire il perché del comportamento tipico del gatto di marcare il territorio non è difficile, ed è sufficiente ricongiungerlo al nostro concetto di “proprietà privata”: sembra strano, ma è così.

I gatti non costruiscono case, ma prendono possesso dell’ambiente e sono pronti a difenderlo dall’arrivo di altri gatti, proprio come noi siamo pronti a difendere la nostra abitazione: che cosa succederebbe se trovassimo un ladro nel nostro giardino o, ancor peggio, in casa nostra? Staremmo fermi?

Il nostro modo di marcare sono muri e documenti di proprietà, che ci garantiscono che quella “parte di ambiente” è una nostra proprietà, mentre il modo di marcare del gatto sono gli odori, odori che emette per far capire agli altri gatti che stanno entrando nel suo territorio.

È un modo per comunicare con loro anche quando non c’è, un po’ come noi abbiamo inferriate, porte blindate e allarmi: non è un chiaro messaggio per gli eventuali intrusi?

I gatti non hanno un solo modo di marcare, ma ne hanno tre diversi.

Il primo, di cui spesso non ci accorgiamo nemmeno, è quello di utilizzare i feromoni facciali, un odore che noi non riconosciamo ma i gatti si.

Avete presenti le fusa? Fanno piacere, ma spesso i gatti non lo fanno per dirci che ci vogliono bene, ma per marcare.

Se ci fate caso, prima di strusciarsi con il corpo il gatto si struscia con il viso, con l’angolo della bocca, e fa anche una smorfia.

Lo fa sulle nostre gambe, sui mobili, sui muri: in quel momento sta rilasciando i suoi feromoni, prodotti da ghiandole che si trovano sul muso, e sta dicendo agli altri gatti che il territorio (sia esso anche il padrone) è suo.

Praticamente, noi siamo del gatto, per come la vede lui.
È per questo che anche i gatti degli altri ci marcano: vogliono che diventiamo i loro umani. Sembra strano, ma i gatti le vedono così, le cose.

image

Abbiamo poi il metodo di marcatura con le urine: in questo caso l’odore è molto più intenso, e i gatti usano questo metodo solo quando quello con il muso non basta, quando vogliono dare un messaggio forte.

In casa, questo è un comportamento non normale e indica in qualche modo uno stato di sofferenza del gatto che non si sente sicuro nel suo stesso ambiente.

La marcatura, a differenza della normale urinazione, è uno spruzzo d’urina a una quindicina di centimetri da terra, in verticale.

Infine, la marcatura con le feci è la più rara, perché ai gatti piace la pulizia, motivo per cui tendono a non usare quest’ultimo metodo.

Si tratta di lasciare feci in mezzo alla stanza, e significa che il gatto ha qualche problema piuttosto grave.

Come far smettere il gatto di marcare in casa

Come già detto, le marcature dipendono da uno stato di malessere, derivante da qualche problema che va risolto.

Di seguito lascio una serie di cose da provare a fare, ma se non funzionano bisogna rivolgersi ad un veterinario comportamentalista che vi aiuterà a capire dove, dal punto di vista del gatto, sta il problema.

  • Potrebbe essere che in casa non ci sono abbastanza lettiere (scopri qui come scegliere la migliore lettiera per gattiper il numero di gatti.
    Questo è chiaramente un problema, perché l’odore dell’urina degli altri gatti potrebbe essere troppo forte e dare fastidio, per cui il gatto marca in giro per delimitare il suo territorio. Bisogna aumentare il numero.

image

Da leggere dopo:

  • Potrebbero esserci odori che non gli piacciono, come quelli dei detergenti, o potrebbe non piacergli l’odore della lettiera.
    Niente lettiere profumate, per i gatti, gli odori potrebbero dargli fastidio, e quando si pulisce farlo sempre con alcool e non con candeggina o ammoniaca: sono odori simili a quelli dell’urina di gatto che non vengono riconosciuti, e il gatto pensa che ci sia qualche altro gatto in casa, per questo marca.
  • Il gatto non dovrebbe stare troppo solo durante il giorno, e comunque deve avere qualcosa per distrarsi, altrimenti marca per uno stato d’ansia.
  • La lettiera deve essere pulita, perché essendo i gatti animali molto puliti lo sporco potrebbe provocare problemi, come il fatto che il gatto non vuole andare nella lettiera a fare la pipì.
  • Mettere la lettiera lontana dalla ciotola del cibo, dell’acqua e dal punto dove il gatto dorme (giustamente, vorrei vedere voi a dormire in bagno).
  • Fare attenzione ai cambiamenti di comportamento del gatto.
    Se dorme meno, mangia meno, urina in giro per la casa forse non sta marcando, ma è malato, ad esempio ha i calcoli vescicali e continuamente si sforza di urinare.
    Bisogna andare da un veterinario e capire quale sia il problema, per poterlo risolvere.
In offerta
Come Capire E Risolvere I 10 Problemi Comportamentali Più Diffusi Del Gatto
12 Recensioni
Come Capire E Risolvere I 10 Problemi Comportamentali Più Diffusi Del Gatto
  • Elisa Bertoldi
  • Editore: Createspace Independent Pub
  • Edizione n. 1 (11/11/2016)

Hai un gatto in casa che marca il territorio? Chiedi consiglio al nostro veterinario per risolvere il problema, scrivici un commento!

Lettiere e sabbiette consigliate:

Bestseller 2
Bama 19120 Lettiera Prive', Tortora
Bama - Terrazze e Giardini
22,90 EUR
Bestseller 3
Siria Lettiera per Gatti - 20 Litri, 2x10 Litri
Follador Srl - Assortito
16,99 EUR
Marcatura del gatto: perché i gatti marcano il territorio e come farli smettere
5 (100%) 2 votes

Potrebbe interessarti:

22 commenti
  1. Paola
    Paola dice:

    Buongiorno, ho una gattina razza certosina di 6 mesi. L’abbiamo portata a casa che aveva 3 mesi e mezzo e fino a circa due settimane fa è stata bravissima, SEMPRE i bisognini nella lettiera! Nell’ultimo periodo invece ha preso di mira il divano…sempre solito punto. Il divano è in pelle, ora lo abbiamo ricoperto con del cellophan e dei lenzuoli…ma ogni giorno 1-2 volte ci urina sopra! Prima tentava di urinare e defecare nelle fiorirere del terrazzo ma una volta riempite di sassi non lo ha più fatto. Potrebbe essere per quello? per due notti abbiamo avuto un ospite sul divano, potrebbe essere anche questo il motivo? che le abbia dato fastidio? L’esame delle urine è negativo, non sappiamo se ricondurre tale atteggiamento al calore (che però sarebbe silente perchè non miagola affatto…) ma soprattutto non sappiamo come scoraggiarla dal rifarlo!!! Di giorno è spesso sola ma le abbiamo preso dei giochini e comunque dorme tantissimo… grazie

    Paola

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Può essere abbia qualche disagio, anche l’ospite potrebbe avere dato fastidio.
      Avete provato a mettere più lettere? Che sabbietta usate? Ci sono stati altri cambiamenti in casa?
      E la gattina non è sterilizzata?

      Rispondi
  2. MANUELA
    MANUELA dice:

    Ho 5 gatti e l’unico maschio dopo un anno ha iniziato a marcare in casa, non vi racconto il disagio. Il problema è stato identificato, il gatto dei vicini ma nonostante abbiamo chiuso gli accessi, la marcatura continua. Muri mobili tende e ora, anche me… urina sulle mie gambe… una tragedia

    Rispondi
  3. Viola
    Viola dice:

    Buongiorno… A novembre abbiamo adottato due sorelline che ora hanno circa 8 mesi e mezzo. Sono sempre insieme giocano insieme dormono insieme si leccano e vanno molto d’accordo. Purtroppo da circa un mese hanno preso di mira il letto vicino alla loro lettiera e ci fanno pipì sopra. le abbiamo sterilizzate mercoledì scorso e ieri hanno di nuovo marcato! Quando ne vedo una che va verso la lettiera ci va anche l’altra…. Ieri le ho viste entrare addirittura insieme! Ovviamente non ci stavano e una ha rinunciato… Dovrei aggiungere una lettiera? Se la aggiungo devo prenderla chiusa come quella che ho oppure aperta? Per il resto loro stanno bene mangiano bevono dormono e tra di loro di certo non si annoiano! Grazie per il consiglio!

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Ciao Viola, la “regola aurea” delle lettiere vorrebbe: una per gatto + una. per cui per te bisognerebbe ci fossero 3 lettiere 🙂 So che spesso non è fattibile, ma ti consiglio sicuramente di aggiungere una lettiera in più, i gatti amano poter scegliere, non amano trovare “il wc” occupato, e possono manifestare il disagio urinando da altre parti. Prova ad aggiungere una lettiera in più , magari usando sabbietta fine. Questo sempre escludendo problemi fisici come cistiti ed altro, che può escludere solo il veterinario!

      Rispondi
  4. E
    E dice:

    Noi abbiamo un gatto maschio adulto (non sterilizzato). Fino a ora, il giorno, lo lasciavamo fuori, ma, siccome abbiamo la strada e i binari del treno vicini, (quindi non occorre che si allontani), ha rischiato più volte di essere investito (come quasi tutti i gatti che abbiamo avuto noi e i nostri vicini) Quindi da un paio di mesi lo teniamo in casa e lo portiamo fuori con il guinzaglio. Il problema è che appena ci fa capire che vuole andare fuori, inizia subito a fare la pipì soprattutto alla porta di casa. (Fuori non ci sono altri gatti) Ci sono rimedi? (Non funziona ne l’aceto ne il succo di limone) Abbiamo anche pensato di farlo sterilizzare, ma risolverebbe il problema?

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Dunque intanto sterilizzare aiuta sia con gli spruzzi di urina ma soprattutto per evitare che voglia andarsene in giro a cercare femmine e a litigare con altri maschi, esponendo sè stesso e gli altri a malattie, zuffe, e ai pericoli della strada.
      Lui marca il territorio con la pipì, controlla anche se è possibile limitare l’accesso ad altri gatti nel suo territorio, così da tranquillizzarlo. Io consiglio comunque vivamente la castrazione per il bene di tutti.

      Rispondi
  5. Stefania
    Stefania dice:

    Buongiorno, il mio gatto ha 9 anni non è sterilizzato per mia scelta ma non mi ha mai dato eccessivi problemi con la marcatura del territorio… Vive esclusivamente in casa ma adesso è una settimana che nella notte marca i muri della camera dove dormo costringendo i ad alzarmi a pulire cosa che fino ad ora non era mai successa.

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Buongiorno Stefania, c’è stato per caso qualche cambiamento in casa, dato che il comportamento si manifesta ora? Tipo arrivo di un bebè, di una persona, spostamento di mobili, arrivo di un animale? oppure il gatto ha la possibilità di vedere fuori da finestre e può vedere altri gatti?

      Rispondi
  6. Loretta
    Loretta dice:

    Buongiorno… ho un meticcio europeo arancione e bianco di 9 anni… nn ha mai urinato e ne marcato ingiro per la casa… da 5 mesi ormai si… addirittura 1 volta ha defecato pure in salotto… abbiamo cambiato diverse case ma nn gli ha mai causato un proplema… ora dopo un’anno ke abbiamo aquistato casa e ke stiamo li inizia a lasciare odori ingiro. Nn è cambiato niente… stesse abitudini, stessi prodotti,stessa lettiera, stesse crocchette ke lui adora stessi pasti ke continua a chiedere… l’unica novità che combacia di tempistica è che sono incinta di 5 mesi…mi chiedo ma potrebbe essere questa la causa?

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Ciao Loretta, certo, potrebbe essere questo, i gatti sono sensibili a qualsivoglia cambiamento, quindi può essere che percepisca questo grande cambiamento?
      Fa pozze di urina accucciandosi oppure spruzza stando in piedi? Hai fatto una visita veterinaria per accertarti che non abbia cistiti o altri problemi di salute? È sterilizzato?

      Rispondi
  7. gabriella
    gabriella dice:

    Aiuto ! ho due gatte sterilizzate di nove e due anni, che di giorno escono in giardino e dintorni e di sera cercano il tepore di casa. Non ho lettiere perchè preferiscono uscire. il loro divertimento maggiore è litigare, farsi gli agguati, soffiarsi e rincorrersi (sigh). In casa le tengo separate, ma alle volte mi ritrovo in casa una sola delle due e in tal caso le porte delle stanze sono tutte aperte. Sono sempre sorvegliate speciali perchè , purtroppo , specialmente la più giovane, macchiano di urina tappeti o mobili. Cosa posso fare ? Presto farà caldo e finestre e porte saranno aperte e il problema sarà pressante. Grazie

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Possono essere tante le cause della marcatura e tante le variabili in gioco. dipende anche da che tipo di marcatura fanno, spruzzi oppure pozze di urina? Sono state visitate da un veterinario? E bisogna anche vedere che tipo di interazione hanno tra di loro perché può essere che non si sopportino a vicenda e quindi marchino il territorio. Per accertarti di tutto questo ti consiglio intanto di farle visitare dal veterinario in modo da escludere problemi fisici come cistiti o altro, spiegargli bene il problema e chiedergli un parere di un veterinario comportamentalista.

      Rispondi
  8. Clementina Malabaila
    Clementina Malabaila dice:

    Ho un gatto di 14 anni, castrato che convive con un altro maschio di 9 sempre castrato. Da quattro anni mio genero si è trasferito nella stessa nostra villetta con i suoi due gatti (un maschio castrato è una femmina sterilizzata). Il mio gatto più anziano non va d accordo con loro e a iniziato a marcare il territorio in casa dappertutto. Ho provato con il rilascio di ormoni senza risultati.
    Ho la casa che è tutta un odore. Si può fare qualche cosa ?

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Eh da quello che scrivi ci sono molti gatti che interagiscono in questa situazione e i feromoni non penso proprio bastino infatti… Ti consiglio di rivolgerti a un veterinario comportamentalista che viene a casa a vedere la situazione.

      Rispondi
  9. Rey
    Rey dice:

    Buongiorno
    Io ho un gatto castrato di circa 6 anni e da circa un anno marca il territorio. All’inizio lo facevo solo sui mobili, ma da poco ha iniziato a farlo anche su di me. Come posso farlo smettere?

    Rispondi
    • Costanza
      Costanza dice:

      Buongiorno, sono la dottoressa De Palma esperta in comportamento. Quante lettiere ha a disposizione il gatto? Usi la sabbietta agglomerato? Non utilizzare i cristallo perché il 90% delle volte tratteneredo troppo gli odori obbliga il gatto a farla altrove. Pulisci con acqua calda e alcol, mai candeggina e ammoniaca che sono invece attrattivi. Buona giornata!

      Rispondi
  10. Jill Biondi
    Jill Biondi dice:

    Buongiorno, ho una gattina di circa 2 anni arrivata a casa nostra insieme al fratello quando avevano pochi mesi. Andava tutto bene finchè un giorno il fratello è scappato di casa, per tornare poi l’indomani sera, apparentemente senza ferrite ne danni visibili, ma ci siamo accorti alcune settimane più tardi che aveva preso la FELV – alla fine, non ne è uscito vivo, purtroppo. Intanto, abbiamo fatto vaccinare la gattina e sembrava tutto a posto di nuovo. Lei è diventata molto più coccolona di prima, mi seguiva ovunque, mi “parlava” spesso, mi faceva delle fuse meravigliose ed era molto dolce. Pero’ ha iniziato a fare un po’ di pipi quando era stesa sulle mie gambe la sera mentre vedevo la tv, poche volte all’inizio, ma dopo qualche settimana, ho iniziato a trovare l’urina anche dentro il coperchio della lettiera, intorno alla maniglia, e quando riuscivo a prenderla le mettevo il nasino dentro, ma non c’è stato nulla da fare, ha continuato, più spesso di prima, quasi ogni giorno alla fine. Adesso la trovo tutti i giorni, in 2 delle 3 lettiere che uso, perchè nel frattempo è arrivato un nuovo micetto e ho aggiunto un’altra lettiera. Non so’ più cosa fare, a volte la fa anche sul filtro della cassetta, che ovviamente va cambiato molto spesso. Potete per cortesia darmi qualche chiarimento per aiutarla? Il veterinario l’ha visitata più di una volta e ha fatto degli esami, non risulta niente di anomalo, nè cistite nè calcoli, nè altri problemi di salute che potrebbero indurla ad agire in quel modo. Spero mi possiate dare qualche consiglo avvisato per poterla aiutare resto. Vi ringrazio in anticipo.

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Buongiorno Jill, metterlo nasino dentro non serve proprio, anzi potrebbe spaventarla. Ha avuto un bel po’ di cambiamenti questa gattina. Che tipo di sabbietta usi? Hai provato una a grana fine che magari l’altra non gli piace?
      Sono molti i fattori che potrebbero contribuire al disagio della gattina, non per ultimo il nuovo gattino arrivato. Io ti consiglio di contattare un veterinario comportamentalista che venga a casa a vedere la situazione.
      Fammi sapere!

      Rispondi
  11. Anna
    Anna dice:

    Buonasera ho una gattina di un anno, 2 giorni fa durante il periodo del calore l ho fatta sterilizzare perché mi faceva pipì in giro per la casa…ieri è stata tranquillissima dato l’ effetto dell’ anestesia… Oggi ha ricominciato i vari vocalizzi e a marcare il territorio. Non so più che fare, se continua così il mio compagno la da via.

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Ciao, avete fatto presente il problema al veterinario? Il veterinario ha escluso cistiti o altre patologie? Se la micia urina fuori e anche vocalizza significa che ha qualche disagio! Vi consiglio un consulto con un veterinario comportamentalista, e poi la domanda:”ma se aveste un figlio, un genitore, un compagno con problemi fisici o psicologici, lo fareste via o proverete ad aiutarlo a risolverli?”

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *