Micosi da gatto a uomo: come proteggersi e curarla

, ,

I gatti possono contrarre la tigna (dermatofisi), che è un fungo. Per i gatti, questa infezione provoca la comparsa di macchie squamose sulla pelle, ma le macchie potrebbero non essere evidenti se sono coperte di peli. Negli esseri umani, la tigna provoca macchie rosse, squamose, a forma di anello sulla pelle. La micosi del gatto può trasmettersi facilmente all’uomo: un bambino che prende in braccio un gatto che ha la tigna può prenderlo facilmente, e questa è l’infezione più comune che i veterinari acquisiscono dagli animali.

I gatti diffondono la tigna più spesso dei cani. È più probabile che questa infezione fungina colpisca gattini, gatti anziani o gatti che sono altrimenti malati. Anche i gatti a pelo lungo o quelli che vivono con più altri gatti sono a maggior rischio.
Leggi anche: Tigna del gatto: cause sintomi e cura
Che cosa succede quando noi umani prendiamo la tigna dal nostro gatto? Come fare per non passarcela a vicenda per mesi?

La micosi del gatto e sull’uomo

La micosi è una malattia fungina che colpisce i tessuti non viventi che contengono cheratina come pelle, capelli e unghie. Il fungo vive nel suolo, sugli animali o sull’uomo. Le infezioni negli esseri umani o in altri animali (come cani o gatti) si verificano quando c’è una piccola rottura nella pelle o l’esposizione a umidità e a ferite.

Gli animali giovani, anziani, mal nutriti o “malati” (sistema immunitario povero a causa di malattie o farmaci) sono i più a rischio. Per i gatti, il rischio aumenta per le varietà a pelo lungo. È probabile che le infezioni da tigna si verifichino durante periodi caldi e umidi, affollamento (come quello riscontrato in rifugi e gattili), cattive pratiche di gestione e mescolanza di nuovi animali all’arrivo.

La micosi si diffonde rapidamente. È una malattia zoonotica, il che significa che può diffondersi dai gatti all’uomo. Leggi anche: Zoonosi gatto uomo, quali sono. È importante ricordare, tuttavia, che la micosi è curabile e che gli animali infetti non devono essere allontanati o peggi oancora soppressi. Sebbene gli esseri umani possano essere infettati da animali come i gatti, altre fonti comuni di infezione umana includono il terreno fertile del giardino e altri esseri umani.

I gatti possono diventare portatori cronici della malattia, infettando gli altri senza mostrare alcun segno clinico, tranne durante i periodi di stress. I gatti con segni clinici presentano aree circolari di perdita di pelo, desquamazione della pelle e una classica lesione ad “anello” rossa sulle aree glabre. La condizione può essere in un’area o in tutto il corpo. La micosi non è pruriginosa. I peli circostanti si infettano e possono staccarsi a causa della fragilità.

I gatti infetti hanno molto probabilmente contratto la malattia direttamente da altri animali infetti, o indirettamente dall’ambiente, poiché le spore fungine rilasciate dai peli degli animali o dalle cellule della pelle possono sopravvivere fino a 52 mesi.

Dopo aver ricevuto una diagnosi che il tuo gatto ha la tigna, dovresti separarlo dagli altri animali in casa e praticare un’igiene aggiuntiva, come lavarsi le mani dopo aver toccato il tuo gatto. Il tuo veterinario ti consiglierà le migliori opzioni di trattamento in base alla gravità della condizione.

Il tuo veterinario ti consiglierà anche su come prevenire la diffusione della tigna ad altri animali, a te stesso e ad altri esseri umani che vivono nella famiglia.

Curare la micosi del gatto sull’uomo

Le persone possono contrarre la micosi da gatto, soprattutto se la persona è immunocompromessa in qualche modo, ad es. Infezione da HIV, destinatari di trapianti di organi, persone che ricevono chemioterapia, persone molto anziane o molto giovani. È stato riscontrato che il 50% delle persone esposte a gatti infetti sviluppa lesioni da tigna e che in circa il 70% di tutte le famiglie con un gatto infetto, almeno una persona è stata infettata. Con questo in mente, i veterinari dovrebbero fissare due obiettivi quando escogitano un piano di trattamento per la tigna: un gatto curato e un ambiente decontaminato. Entrambi sono necessari per prevenire la reinfezione nei gatti e l’esposizione delle persone a questa malattia.

I gatti che risultano positivi alla tigna necessitano di trattamento. I piani di trattamento possono variare in qualche modo per ogni singolo gatto, ma tutti prevedono una combinazione di taglio del pelo, terapia topica, farmaci antifungini sistemici (orali) e suggerimenti per la decontaminazione ambientale. Le due domande più comuni che vengono spesso poste è se sia assolutamente necessario trattare i gatti per via topica (cioè fare il bagno) e se i gatti possono essere trattati con successo con la sola terapia topica (cioè solo bagni e nessun farmaco orale) . E’ dimostrato che il maggior successo si ottiene con una terapia aggressiva: tosare il mantello, fare il bagno con shampoo medicati e usare farmaci orali.

Il piano di trattamento deve prendere in considerazione tutti gli altri animali da pelliccia presenti in casa. Una coltura fungina, quindi, dovrebbe essere eseguita anche su tutti gli altri animali che convivono o entrano in contatto con il gatto infetto. In attesa dei risultati della coltura fungina, questi altri animali domestici dovrebbero essere lavati due volte a settimana.

Quando la micosi invade i peli del gatto, li rende fragili e si spezzano facilmente. Quando i fusti del pelo si rompono, i frammenti di peli infetti e le spore vengono riversati nell’ambiente e sul pelo del gatto. Questo spargimento aumenta il rischio di diffondere la tigna e aumenta anche la probabilità che il gatto venga riesposto alle spore nell’ambiente. Ciò può indurre il gatto a risultare continuamente positivo alla coltura fungina.
Tosare il mantello rimuove i peli “infetti” e riduce al minimo la continua perdita di frammenti di capelli e spore. Consente inoltre una penetrazione più completa degli shampoo antifungini topici o delle pomate.

Poiché i bambini, gli anziani o chiunque sia affetto da immunosoppressione corrono un rischio maggiore di contrarre la tigna da un gatto infetto, qualsiasi gatto che vive in una famiglia con qualcuno che corrisponde alla descrizione sopra deve avere il pelo tosato. Altrimenti, come regola generale, se un gatto a pelo corto ha cinque o più macchie discrete di tigna, l’intero mantello dovrebbe essere tosato. Se un gatto a pelo corto ha meno di cinque punti glabri, i peli intorno ai singoli punti possono essere tosati. Se il gatto è a pelo lungo, l’intero mantello deve essere tosato indipendentemente da quante macchie di tigna sono visibili sul mantello.

Tutti i gatti che risultano positivi alla tigna dovrebbero ricevere una terapia topica, che riduce al minimo la diffusione di spore infettive nell’ambiente e aiuta a rimuovere le croste, le squame e le spore infettive dal mantello. Senza la terapia topica, il trattamento richiederebbe più tempo e sarebbe più costoso.

Esistono molti prodotti topici efficaci. Il miconazolo, come unico agente terapeutico o in combinazione con clorexidina, si è dimostrato efficace. I gatti affetti da micosi dovrebbero essere lavati due volte alla settimana con lo shampoo apposito consigliato dal veterinario. Affinché lo shampoo sia efficace, è importante che ci sia un tempo di contatto di 10 minuti con il pelo del gatto.

La pietra angolare del trattamento per la tigna è la terapia sistemica con un farmaco orale. Idealmente, questi farmaci non dovrebbero essere usati nei gattini di età inferiore a 8 settimane. I farmaci che si sono dimostrati efficaci includono griseofulvina, terbinafina, ketaconazolo e itraconazolo. Gli effetti collaterali, se si verificano, tendono ad essere limitati al vomito e alla diminuzione dell’appetito.

Risposta alla terapia per micosi da gatto

I gatti che ricevono un trattamento per la tigna di solito mostrano un netto miglioramento dei segni clinici entro 2-4 settimane di terapia.

Quattro settimane dopo l’inizio del trattamento, i gatti dovrebbero essere riesaminati. Dovrebbe essere eseguito un esame con lampada di Wood per lo screening dei peli infetti (per i gatti i cui peli infetti sono diventati fluorescenti durante la loro visita iniziale). Eventuali peli infetti scoperti durante l’esame devono essere rimossi. I peli infetti scoperti sul muso, sul viso e sulle orecchie suggeriscono che il proprietario ha difficoltà o ha esitato ad applicare lo shampoo a queste aree.

Ad ogni ricontrollo dovrebbe essere eseguita una coltura fungina. Una volta ottenuta una coltura negativa, è necessario eseguire colture fungine settimanali. Due colture fungine negative consecutive indicano il successo del trattamento in situazioni di un singolo animale domestico. In situazioni con più gatti, è probabilmente meglio continuare la terapia fino a quando non si ottengono tre colture negative.

Decontaminazione ambientale

Le spore della micosi possono persistere nell’ambiente per molto tempo, forse dai 18 ai 24 mesi. Le spore sono microscopiche e possono essere diffuse facilmente da correnti d’aria e polvere contaminata, e attraverso condotti di riscaldamento e prese d’aria.

Per ridurre al minimo la contaminazione ambientale nelle famiglie in cui è infetto un solo gatto domestico, il gatto o il gattino deve essere tenuto in una stanza piccola e facilmente pulibile (come un bagno) senza moquette. Il gatto deve essere messo in quarantena in questa stanza fino a quando non ha ricevuto farmaci antifungini per via orale per due settimane e un minimo di quattro bagni medicati. A questo punto, il gatto può avere un maggiore accesso in casa, idealmente in stanze non coperte e facilmente pulite.

L’aspirazione accurata e ripetuta e la pulizia quotidiana delle superfici dovrebbero impedire la contaminazione della casa. Le cucce e le coperte dei gatti devono essere lavate quotidianamente con acqua calda e candeggina. I bagni e le superfici lisce possono essere disinfettati con una soluzione di candeggina (1 parte di candeggina, 9 parti di acqua). La pulizia e la disinfezione di routine dovrebbero continuare fino a quando il gatto non sarà considerato guarito dalla tigna.

Un dermatologo veterinario con una vasta esperienza nella tigna raccomanda il seguente protocollo di decontaminazione:

Inizialmente …

• Gettare tutti i tappetini, le coperte, i collari, le spazzole e i giocattoli in tessuto per gatti

• Gettare tutti gli oggetti del gatto che non possono essere lavati ripetutamente, aspirati e disinfettati facilmente

• Acquistare un nuovo aspirapolvere economico con attacchi per tubi flessibili che possa essere pulito a fondo.

• Rimuovere e pulire tutti i teli e le decorazioni. Nelle famiglie con più gatti, rimuovere e pulire tutti i condotti di riscaldamento e le piastre di ventilazione e installare filtri per la polvere domestici usa e getta dietro le piastre del condotto prima di sostituirli. Ciò manterrà le spore fuori dai condotti di riscaldamento

• Se possibile, mettere un ventilatore nella finestra in modo che faccia uscire l’aria dalla stanza verso l’esterno

• Aspirare tutte le superfici della stanza

• Spolverare tutte le superfici e le sporgenze con un panno elettrostatico usa e getta (come “Swiffer”)

• Strofinare tutte le superfici con un detergente sicuro da usare con in casa i gatti. Risciacquare bene tutte le superfici. Applicare una diluizione 1:10 di candeggina su tutte le superfici non porose. Lasciare la soluzione di candeggina sulla superficie per 10 minuti è l’ideale.

• L’uso di un deumidificatore portatile è vantaggioso, poiché gli ambienti umidi consentono alle spore di rimanere vitali.

Quindi, ogni giorno …

• Aspirare tutte le superfici e utilizzare i panni antipolvere elettrostatici usa e getta per rimuovere sporco e spore

E, settimanalmente …

• Applicare disinfettante su tutte le superfici. I disinfettanti possono essere utilizzati quotidianamente, ma sono aggressivi e irritanti per persone e gatti. L’applicazione settimanale è accettabile.

Prevenire la micosi da gatto a uomo

È improbabile che i gatti da casa vengano reinfettati una volta che la micosi viene trattata con successo, sia che si tratti di una famiglia di gatti singoli o di una famiglia con più gatti. Le fonti di esposizione più probabili sono l’aggiunta di un nuovo gatto in casa o l’esposizione ad altri animali infetti nelle pensioni per gatti o toelettatura. Qualsiasi nuovo gatto da aggiungere a una famiglia dovrebbe essere sottoposto a screening per la tigna, specialmente se proviene da un negozio di animali o da un rifugio per animali, e probabilmente dovrebbe essere lavato con uno shampoo medicato in attesa dei risultati della coltura.

Il trattamento delle infezioni da tigna può essere frustrante per i proprietari di gatti e i veterinari. È necessaria una terapia topica e orale aggressiva combinata con una decontaminazione ambientale diligente. E tu hai mai avuto a che fare con una micosi da gatto a uomo? Come ti sei regolata? Scrivici nei commenti.

Leggi anche

Grazie per aver votato!
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.