Gatto che vomita

Il vomito nel gatto è un evento abbastanza comune, almeno rispetto ad altre specie animali e allo stesso uomo.

Siamo infatti abituati a pensare che “quando un essere umano vomita, ha qualche problema”: nei felini non è sempre così, anche se vale la pena di capire se dobbiamo preoccuparci oppure no.

Sicuramente ti sarà capitato di chiederti: “Come mai il mio gatto vomita? Ha qualche problema?” Vediamo di dare una spiegazione al fatto che il gatto vomita spesso.

Differenze tra vomito del gatto e rigurgito

Per prima cosa, dobbiamo cercare di capire se il gatto sta avendo oppure ha avuto un episodio di vomito o di rigurgito.

Sembra una differenza sottile, ma è molto importante: il vomito del gatto è cibo che viene espulso dallo stomaco, quindi già parzialmente digerito.

Il vomito in questo caso  di colore giallastro, ed è piuttosto liquido, come nell’immagine di seguito.
Prima di espellerlo, il gatto ha dei movimenti tipici, che sono anche i nostri: i conati.

Se il gatto vomita giallo

Se il gatto vomita giallo

Ci si accorge subito se un gatto sta per vomitare: il gatto si ferma, si accuccia, e inizia ad avere i conati.
A volte potrebbe espellere prima del vomito bianco, o una schiuma biancastra, e poi il vomito vero e proprio.

Potrebbe anche capitare che il gatto ha i conati, ma non vomita, è del tutto normale, magari ha lo stimolo, ma non gli viene fuori nulla.

Se il nostro gatto vomita bianco, o saliva, può essere che si prepari a un vomito più consistente.

Il rigurgito è invece l’espulsione del materiale non ancora digerito.

Può aver raggiunto solamente la gola ed essere stato “sputato”, oppure può esser passato dall’esofago (il canale che collega la gola allo stomaco) ma poi essere tornato indietro.

La forma è tipica, “a salsiccia”, c’è un po’ di sostanza viscosa che è la saliva e il colore dipende da che cosa aveva mangiato il gatto (se aveva mangiato croccantini verdi sarà verde, se erano marroni sarà marrone e così via).
Un esempio è quello della foto seguente:

Rigurgito o vomito marrone

Rigurgito o vomito marrone

Nel caso del rigurgito, il gatto vomita anche saliva, oppure vomita acqua, dipende da che cosa gli torna su.

Perché il gatto vomita spesso?

Generalmente, se il gatto ha uno e un solo episodio di rigurgito, non dobbiamo preoccuparci: nel caso più comune, ha ingerito il cibo troppo velocemente, non lo ha masticato e si è creata una “palla” che non riesce a proseguire, e torna indietro.

Questo episodio appare in modo caratteristico quando il gatto mangia e vomita subito, e a volte il gatto vomita proprio crocchette intere.

E’ stato quindi talmente ingordo che non le ha nemmeno ingerite, le ha deglutite e vomitate.

A volte capita anche che il gatto vomiti acqua, perché ha bevuto troppo in fretta.

Capita anche che il gatto vomita di notte, e noi ci ritroviamo alla mattina a dover pulire mucchietti di vomito composto da crocchette ancora intere!

In questo video puoi vedere la tipica scena che si trova davanti quando il gatto sta per vomitare (attenzione! Solo per stomaci forti!)

Per dissipare ogni dubbio su questo tipo di vomito del gatto, puoi fare una prova: gli dai da mangiare tu,  con il cucchiaino (boccone per boccone), per qualche giorno.

Se l’episodio non si ripete, cioè se il gatto mangia e non vomita, il problema era sicuramente quello, la fretta nel mangiare.

Il gatto è un animale che vomita spesso, anche perché si toeletta spesso e leccandosi, per cui ingerisce un sacco di pelo, che deve essere espulso in qualche modo.
Quindi il vomito per il gatto è un meccanismo difensivo e fa parte della sua salute.
Quando il gatto vomita pelo, significa che ne ha ingerito troppo e si deve liberare.

E’ sempre bene tenere una vaschetta di erba gatta a portata di mano, soprattutto per i gatti che vivono in appartamento.

In mancanza di erba gatta, esistono anche delle paste in tubetto da dare al gatto, per aiutarlo a liberarsi dal pelo, come questa: Pasta Vigor via il bolo

Gatto che vomita: cause innocue

Le cause del vomito del gatto, possono essere quindi del tutto innocue, come quella vista prima, cioè il gatto vomita croccantini ancora interi, cosa dovuta al mangiare troppo in fretta, oppure ci possono essere altre cause a cui dobbiamo fare attenzione.

Alcune cause di vomito nel gatto possono essere:

  • un cambio di alimentazione,
  • lo svezzamento  nel caso di un gattino che vomita (la mamma che sta smettendo di allattare il gattino)
  • l’ingestione di “erba gatta.

In questi casi, episodi di vomito sono normali, anzi, quando mangia erba gatta e vomita, significa che si deve liberare dei boli di pelo che si sono accumulati nel suo stomaco, ed è un bene.

Se il rigurgito è continuativo, cioè perdura per diversi giorni, se il gatto vomita spesso in pochi giorni, fino a dimagrire, oppure se vediamo del vomito vero e proprio, allora dobbiamo iniziare a preoccuparci.

La preoccupazione deve essere maggiore se gli episodi di vomito del gatto sono accompagnati da:

  • debolezza,
  • riluttanza al movimento,
  • diarrea,
  • febbre,
  • manifestazioni di dolore quando premiamo anche leggermente l’addome (la pancia) del gatto.

In questi casi, con tranquillità ma senza perdere troppo tempo (ovvero, se vomita la sera possiamo aspettare la mattina seguente, ma non di più, anche se non importa correre alle due di notte) rivolgiamoci al veterinario che eseguirà delle analisi del sangue approfondite al nostro micio, per cercare di capire quale possa essere la causa dell’episodio.

Gatto che vomita: quando preoccuparsi

Se vediamo che il gatto vomita rosso, se il gatto vomita sangue, oppure nel caso di vomito con improvvisi tremori del gatto, con bava alla bocca, o se vomita schiuma bianca in abbondanza, allora è il caso di preoccuparsi.

Se il gatto vomita sangue, potrebbe significare avvelenamento, e bisogna correre dal veterinario.

In questo articolo ti ho parlato delle sostanze domestiche che possono essere tossiche per il gatto.

In altri casi le cause potrebbero essere diverse: potrebbe essere un giocattolo di plastica che il gatto può aver ingerito, ai boli di pelo che possono essere rimasti all’interno dello stomaco (sono cause dovute all’ostruzione).

Il vomito può essere causato anche da patologie che vanno curate con appositi medicinali, ad esempio la gastrite (infiammazione dello stomaco) oppure la presenza di parassiti che vivono nell’apparato digerente e che vanno uccisi con farmaci specifici.

Se il gatto vomita vermi bianchi (lo so è una immagine raccapricciante, ma può succedere), probabilmente è infestato dai vermi, e bisogna ricorrere al trattamento antiparassitario. Meglio prevenire questa situazione prima di vedere il gatto che vomita lunghi vermi bianchi!

Ci sono anche cause cosiddette croniche del vomito, ovvero che perdurano per molto tempo e che interessano principalmente i gatti anziani: tra queste troviamo i casi più gravi di diabete, l’insufficienza renale oppure dei tumori intestinali; in questi casi, però, il gatto sarà visibilmente debilitato da diverse settimane o diversi mesi, e gli episodi di vomito si saranno ripetuti per molto tempo.

Ovviamente, una visita veterinaria in questi casi deve essere una delle priorità se teniamo alla vita del nostro gatto.

Concludendo

Come abbiamo visto, le cause di vomito possono essere molte, alcune gravi, altre praticamente innocue.

Come regola generale, più il gatto vomita, più presenta anche altri sintomi, più dobbiamo preoccuparci.

Quando invece gli episodi sono sporadici, e in particolare se il gatto rigurgita e non vomita, possiamo stare tranquilli: sarà stato semplicemente un po’ troppo vorace.

Hai qualche domanda? Scrivila nei commenti!

9 commenti
  1. Bruno Scialla
    Bruno Scialla dice:

    Salve, ho un gatto di quelli intrattabili (cioè è praticamente impossibile portarlo dal veterinario, a meno di non ingaggiare combattimento assai cruento, che poi dovrebbe continuare dal veterinario); è un gatto adulto e casalingo che quindi non ha accesso a posti dove potrebbe aver trovato cibi strani. Vomita di continuo da tre giorni, prima tutto il cibo che aveva ingerito, poi, siccome non mangia più, solo l’acqua o saliva con poca schiuma biancastra. Gli ho lasciato acqua con fermenti lattici e e del malto, che però non ha voluto. Ora, leggendo in giro, gli ho levato per qualche ora anche l’acqua ma son sicuro che non risolverò nulla; infine, da un giorno produce solo poca cacchina liquida e ultimamente anche piena di sangue. — So che è una situazione disperata e Sto solo cercando qualche consiglio o indizio diverso dal “portalo dal veterinario”, per non lasciarlo morire senza tentare niente. — Grazie per l’eventuale risposta

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Salve Bruno, scusami tanto ma quale altro consiglio o “rimedio della nonna” vorresti leggere se non quello di portarlo SUBITO dal veterinario? se è un gatto intrattabile, valuta di “catturarlo” proteggendoti le mani con una coperta per metterlo nel trasportino, ma portalo dal veterinario… E’ come se avessi una persona che non mangia e sta malissimo…che fai le lasci il brodino e speri per il meglio? Ci vuole un dottore!!

      Rispondi
      • Bruno Scialla
        Bruno Scialla dice:

        nessun rimedio della nonna, magari qualche consiglio su qualche possibile terapia; è che evidentemente avete avuto poco a che fare con gatti intrattabili, qua si tratta di gatto di 13 anni che solo per somministrargli un medicinale per via orale è diventato indemoniato e poi non s’è fatto sfiorare per giorni (quando vivono da soli per gran parte della giornata possono diventare schivi ..). Cmq stamattina ha mangiato il malto e bevuto acqua senza vomitare subito di nuovo; aspetto mezza giornata per vedere se sta migliorando e nel frattempo pianifico il combattimento.

        Rispondi
  2. Sabrina
    Sabrina dice:

    Buona sera dottore, sono disperata perchè la mia gattina vomita ogni pappa che le do, ne ho cambiate ma lei vomita, l’ho portata dalla veterinaria mi ha dato un’antibiotico e la pasta per il pelo ma lei vomita. Mi ha consigliato Gastrointestinal i croccantini li mangia ma le scatolette no. Oggi però ha vomitato anche con gastrointestinal. Lei è vivace non da segni di sofferenza però io non so più cosa darle di pappa. Cosa mi consiglia?

    Rispondi
  3. Cristina D'Aleo
    Cristina D'Aleo dice:

    Sunny ha 11 anni, a causa di problemi dentali ha, circa 1 mese fa, subito l’estrazione di 5 denti e di un granuloma della parte molle del palato, da circa 2 settimane continua spesso a vomitare cibo non digerito (ancora a sfilaccini) e abbondante liquido. Il suo comportamento è normale, mangia, esce, fa le fusa ed è di buon umore, non presenta particolari problemi a parte il vomito. Potete darmi qualche consiglio? Abbiamo 9 gatti e abbiamo capito che è lui a vomitare solo stasera. Lo porteremo al più presto dal veterinario ma, se possibile vorrei un vostro parere. Cordiali saluti.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *