Collare al gatto si o no?

Collari per gatti si o no? E’ l’eterna diatriba che divide gli appassionati gattofili in due fazioni contrapposte, che difficilmente giungono ad un compromesso. Il collare al gatto bisogna metterlo oppure no?

Da un lato chi sostiene che il carattere fiero, autonomo e indipendente del nostro amico felino ed il suo spirito libero e ribelle mai e poi mai si potranno sposare con il collarino per gatti.

Dall’altro chi invece ritiene che, soprattutto per i mici che hanno la possibilità di uscire di casa, un collare per gatto è assolutamente indispensabile.

La presenza di un collare su un gatto incontrato per strada manda sicuramente un messaggio molto chiaro ed inequivocabile a chi lo incontra: non sono un randagio, ho una casa accogliente e qualcuno che si occupa di tutte le mie necessità, sto solo facendo un giretto.

Se poi abbiamo un micio che ama particolarmente gironzolare per tutto il vicinato e magari anche oltre, potremo scegliere un collare con una medagliatta che riporti il numero di telefono, così che se il nostro gatto dovesse perdersi, chi lo ritrova ci possa contattare per restituircelo.

Come abituare il gatto al collare?

E’ indiscutibile che un gatto non è un cane e che quindi potremmo avere qualche difficoltà a fargli accettare collare e guinzaglio.

L’ideale, per abituare il gatto al collare, è di metterglielo sin da cucciolo scegliendo una misura adatta: difficilmente un animale già adulto si lascerà legare al collo un collare per gatti.

E bisogna anche mettere in conto che esistono gatti con una forte personalità che il collare non lo accetteranno mai.

Anche questo fa parte del bello di avere un gatto: ogni animale ha il suo carattere particolare, più o meno docile e paziente, e il collarino gatto può non risultare esattamente gradito a tutti.

Se decidiamo comunque di mettere il collare al gatto, rivolgiamoci ad un negozio di animali ben fornito, che ci sappia dare tutte le informazioni ed i consigli necessari a fare la scelta migliore e che disponga di un’ampia gamma di collarini per gatti tra cui spaziare.

Oltre a scegliere il colore che più ci piace (o che più si intona al manto del nostro amico), è il caso di valutare se prendere un collare con targhetta per ilgatto, sui cui incidere i nostri dati e il nome di Micio.

Dovremo poi decidere se acquistare un collare statico oppure un collare elastico per il gatto, che potrebbe risultare meno fastidioso.

In ogni caso armiamoci di pazienza: far accettare il collare al gatto potrebbe essere un’operazione lunga e complicata e dall’esito incerto.

Che tipo di collare per il gatto

Ci sono motivi importanti e non trascurabili che possono portarci a dotare il nostro micio di un collare.

Innanzi tutto l’ampia scelta di collari per gatti personalizzati per colore, foggia, medaglietta, incisione, ecc. in modo che corrisponda ai nostri desideri e soddisfi il lato estetico e pratico della faccenda.

Poi la necessità di applicare un collarino antipulci per gatti, per proteggere Micio dai più comuni e fastidiosi parassiti, in particolare se viene a contatto con altri animali.

Si tratta di un collare che rilascia gradualmente nel pelo un principio attivo che tiene lontane pulci e zecche e che ha quindi una efficacia limitata nel tempo, normalmente di alcuni mesi. Dopodichè va sostituito perchè il principio attivo finisce ed il collare non risulta più di nessuna utilità.

Vedi anche: Come difendere il nostro gatto da pulci e zecche

Il collare antipulci gatto andrebbe applicato a tutti i mici che hanno accesso all’esterno della nostra abitazione, anche solo nel nostro giardino recintato.

Ma la motivazione più importante è, senza ombra di dubbio, la sicurezza di Micio.

Sceglieremo quindi un collare gps gatto, per quattrozampe vagabondi, che ci permetta di sapere sempre dove si trova il nostro amico e di andarlo a cercare qualora ritardi a rientrare.

Il collare gatto gps è un collare di aspetto normalissimo, che contiene al suo interno un piccolo dispositivo elettronico, detto tracker, che sfrutta il sistema di geolocalizzazione e che invia i dati direttamente sul nostro smartphone o sul nostra tablet.

Il collarino gps gatto è davvero comodo quando abbiamo la necessità di sapere, in tempi brevi e con certezza, dove si trova in nostro micio (per esempio se dobbiamo portarlo dal veterinario e lui abilmente sparisce senza lasciare tracce).

O semplicemente per non stare in pensiero quando non rientra e poter comunque sapere subito dove si trova con una semplice occhiata al nostro cellulare, grazie al collare localizzatore gatto.

Collare per gatti: il collare antistrozzo

Una delle motivazioni più sostenute dai detrattori del collare per il gatto è che il nostro amico rischia di rimanere impigliato in cespugli, reti o cancellate con elevato rischio di mettere a repentaglio la propria vita.

Per risolvere questo problema è sufficiente acquistare un collare per il gatto antistrozzo, dotato di un sistema di chiusura di sicurezza brevettato, che si apre automaticamente nel momento in cui si impiglia da qualche parte e viene strattonato.

Il gatto tornerà a casa senza il collare, ma sano e in ottima salute. E pazienza se dovremo comprarne un altro.

Il collarino gatto antistrozzo è un dispositivo di sicurezza davvero efficace per l’incolumità del nostro quattrozampe, ed è disponibile in diverse versioni e misure da scegliere in base all’età ed al peso del micio. E naturalmente va sostituito via via che il gatto cresce.

Campanellino per il collare del gatto: si o no?

Il campanellino per gatti è qualcosa che noi possiamo anche guardare con estrema simpatia, ma il nostro micio assolutamente NO.

Innanzi tutto è fastidioso avere sempre nelle orecchie il tintinnio del campanello gatto (provare per credere!), soprattutto per un felino che ha una sensibilità uditiva molto più elevata della nostra.

E, nei casi più gravi, il campanellino potrebbe anche portare a danni permanenti dell’udito.

Il gatto poi, che ci piaccia o no, è un abile e irriducibile cacciatore.

Il campanello per gatti avvisa le possibili vittime della presenza del predatore, facendole scappare a gambe levate, con notevole frustrazione di Micio.

Bisogna dire, a questo proposito, che ci sono gatti così abili che imparano a muoversi senza far suonare il campanellino, a riprova del fatto che i felini sono animali davvero straordinari.

Ultimo ma in assoluto più importante, il collare campanellino gatto rende il nostro amico sempre facilmente identificabile, anche in presenza di possibili nemici, come cani o gatti randagi, che potrebbero decidere di aggredirlo, facilitati ad inseguirlo dal rumore prodotto dal sonaglino.

Per tutti questi motivi è meglio evitare di mettere il campanellino ai gatti, Micio ne sarà sicuramente felice.

Conclusioni

In conclusione possiamo dire che se la scelta di mettere il collarino al gatto è puramente estetica per renderlo più bello, beh, allora non è assolutamente necessario, il gatto è già bellissimo e perfetto di suo, non ha bisogno di orpelli decorativi, soprattutto se vive sempre in casa tra il letto e il divano.

Se invece esiste una effettiva necessità di sicurezza tra quelle elencate sopra, allora pensiamoci per tempo, quando è ancora un cucciolo. Sarà molto più facile che lo accetti come una cosa assolutamente normale, tanto da non accorgersi nemmeno più di indossarlo.
Micio sarà più protetto e noi sicuramente più tranquilli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *