Evoluzione del gatto storia del gatto e sua domesticazione

Se vivi con un gatto, avrai potuto toccare con mano la sua felinità. Da dove arriva? In che modo questo piccolo felino è diventato domestico? In questo articolo vedremo un po’ di storia del gatto, cioè il processo che ha portato dal gatto selvatico al gatto domestico che conosci, e l’evoluzione del gatto fino ad arrivare alla sua domesticazione.

La domesticazione del gatto

In senso stretto, la domesticazione, il rendere domestici, viene definita come: processo mediante il quale un animale viene allevato in cattività per profitto economico a vantaggio di una comunità umana che ha un totale controllo sulla sua riproduzione, sull’organizzazione del suo territorio e sul procacciamento del cibo di cui ha bisogno.

Per alcune specie, però, la relazione che si è instaurata tra uomo ed animali sembra essere basata su altre premesse, come ad esempio il piacere di avere “compagnia”.

Nel caso del gatto e di altri animali (come il cane), sono veri entrambi i punti di vista!

Il gatto selvatico

Secondo le teorie più accreditate la storia del gatto domestico (nome scientifico: Felis silvestris catus) inizia principalmente con il gatto selvatico africano (nome scientifico: Felis silvestris lybica), che viveva – e vive ancora oggi – in ambienti aridi, come steppe, savane e zone con arbusti.

Il gatto selvatico africano è di colore variabile dal marrone sabbia al grigio-giallo, con strisce nere sulla coda. E’ snello e ha una corporatura esile, è più piccolo del comune gatto europeo. Sembra avere particolare affinità con le persone.

L’evoluzione del gatto agli inizi

Non sappiamo di preciso l’epoca in cui l’uomo addomesticò il gatto, alcuni studi fanno risalire l’inizio del processo a 9000 o 7000 anni prima di Cristo in Palestina, altri intorno al 3000 avanti Cristo in Egitto.

D’altra parte, nei siti preistorici si ritrovano abbastanza spesso resti di animali simili a gatti, insieme ad altri (volpi, tassi…); non possiamo però sapere se fossero tenuti come compagnia, come fonte di carne o di pelli.

Perché addomesticare il gatto?

Non si hanno informazioni certe sul processo che ha portato del gatto selvatico al gatto domestico, le ipotesi relative al motivo per il quale il gatto è stato addomesticato sono essenzialmente:

  • come fonte di cibo;
  • come aiuto nel controllo dei ratti e di altri animali che rovinavano le riserve alimentari umane;
  • per credenze religiose (il culto egizio adorava il gatto come portatore di un principio divino);
  • per compagnia.

La domesticazione del gatto in seguito

La nostra storia del gatto domestico continua poi con i Greci, furono loro infatti ad introdurre il gatto in Europa verso il 500 a.C. Inoltre dall’Egitto il gatto raggiunse anche i paesi arabi, dove venne accolto favorevolmente.

Il gatto arrivò nel lontano Oriente verso il 200 a.C., dall’India raggiunse la Cina e poi il Giappone. Dal decimo secolo d.C. il gatto si ritrova in quasi tutta l’Europa e l’Asia.

Solo dopo il 1500, invece, il gatto arrivò in America, in Australia e in Nuova Zelanda.

Un periodo oscuro, il Medioevo

Il Medioevo fu un periodo di ostilità ed addirittura persecuzione verso il gatto, che era considerato una manifestazione del demonio e un amico delle streghe! Leggi anche: Gatto nero, storia e superstizioni

Nonostante alcune malattie fossero portate dai ratti, che il gatto poteva contrastare efficacemente, esso continuò a non essere ben visto, più o meno fino al 1600, quando invece si capì che l’animale poteva essere utile a liberare i centri abitati dai ratti, portatori della peste.

Nel 1700, infine, i gatti vennero accettati come veri e propri animali domestici.

Chi ha addomesticato chi?

Secondo alcuni studiosi il primo incontro tra gatto e uomo potrebbe essere avvenuto principalmente grazie al fatto che il gatto controllava la popolazione dei roditori, che distruggevano le scorte di cibo umane. Il gatto quindi gravitava intorno agli insediamenti umani trovando cibo e l’uomo lo lasciava fare perché gli era utile.

Dice uno studioso “Non sono stati gli uomini a prendere dei gatti e a metterli in gabbia, gli uomini semmai hanno più o meno permesso ai gatti di addomesticarsi da soli”.

Anteprima Prodotto Voto Prezzo
Storie di gatti Storie di gatti 61 Recensioni 13,00 EUR 11,05 EUR

Origini delle razze feline

Le razze moderne di gatti sono state selezionate a partire del 1800, anche se in realtà alcune, come il Certosino, il Persiano, il Siamese, hanno origini che arrivano da più lontano. Vedi qui le razze feline.

Nonostante esistano diverse razze, non ci sono differenze di taglia e struttura così nette fra le razze di gatti come invece accade per i cani.

Differenze tra gatto selvatico e gatto domestico

Come forse potrai immaginare, il gatto non è cambiato moltissimo durante il processo di domesticazione.
Gli uomini hanno semplicemente privilegiato i comportamenti innati utili.

Il comportamento predatorio e la maggior parte degli altri comportamenti che i gatti mostrano attualmente nell’ambiente domestico sono stati modificati molto poco nella loro struttura.

Il gatto domestico è un po’ più socievole verso i propri simili e verso l’uomo rispetto ai selvatici, ma rimane un cacciatore solitario ed indipendente. Questo ovviamente non esclude che possa instaurare un rapporto di fiducia e condivisone con il proprietario!

Cosa fare con il tuo gatto?

Dato che il gatto rimane un cacciatore, cerca di dargli la possibilità di cacciare, se non prede vere, prede “finte”, e di esplorare il territorio per quanto possibile.

Molti gatti sono riservati ed elusivi, in casa forniscigli nascondigli e zone per salire in alto.

Da leggere dopo:

Se il gatto vive solo in casa, arricchisci l’ambiente di vita anche con oggetti portati da fuori (rametti, foglie…), in modo da stimolarlo (ma io consiglio di dargli la possibilità di uscire, in luoghi protetti!). Ricorda che… è un piccolo, grande, felino! Dott.ssa Eva Ricci, etologa

Evoluzione del gatto e domesticazione del gatto
5 (100%) 8 votes

Potrebbe interessarti:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *