, , , , ,

Migliori crocchette per gatti: quali marche sono consigliate

Le migliori marche di crocchette per gatti

In questo articolo vogliamo fare una panoramica relativa ai migliori croccantini per gatti.
Andremo quindi ad analizzare le migliori crocchette per gatti, prendendo in considerazione le marche più famose di cibo secco per gatti (non tutte le marche, sarebbe impossibile) ed analizzando la tipologia di prodotto.

Non abbiamo fatto una classifica delle migliori crocchette per gatti, perché è impossibile, in quanto il cibo ideale per gatti non esiste; tuttavia abbiamo analizzato, in collaborazione con il nostro veterinario Valerio, una serie di prodotti di ogni marca in vendita in tutti i pet-shop online ed “offline”, arrivando a dare una descrizione generale dei prodotti di quella marca.

Sicuramente ci sono delle marche di cibo per gatti da evitare, lo capirete leggendo sotto, ma più che avere un elenco di marche da evitare o da acquistare, vale la pena imparare a leggere le etichette ed i componenti delle crocchette, per selezionare, anche nelle migliori marche di cibo per gatti, qual’è il singolo prodotto migliore.

Questo fermo restando che, in generale, il “miglior cibo per gatti” , e il miglior cibo secco per gatti, non esiste, e che in ogni marca ci sono delle eccellenze e dei prodotti scadenti, almeno in linea generale.

Per cui prendi questo articolo come un testo di orientamento, e non assolutamente come un articolo che dispensa “sapere divino”.
Per qualunque domanda, potete utilizzare sotto all’articolo la sezione dei commenti.

Per comprendere appieno di che cosa parliamo, ritengo importante leggere prima due altri articoli fondamentali scritti dal dott. Guiggi, veterinario che collabora con me, riguardo al cibo per gatti, che sono:

Cibo per gatti: come leggere le etichette

Ingredienti del cibo per gatti: quali sono i migliori

Vediamo ora la carrellata di marche, che sono messe in ordine di classifica dal più ricercato su web ai meno.

Almo Nature: crocchette

Iniziamo sdoganando una delle marche più richieste che è Almo Nature.

Sicuramente migliore rispetto a molte altre marche di croccantini per gatti, Almo Nature, ha anche lei i suoi “punti oscuri”, che si ritrovano principalmente nel fatto che tra gli ingredienti si trovano i sottoprodotti della carne, quindi tutte quelle parti che non sono muscolo, e la carne principale è sempre considerata fresca, non disidratata (per capire il concetto, fai riferimento all’articolo sugli ingredienti).

Inoltre c’è il riso, che sebbene sia percepito in modo migliore rispetto agli altri cereali (grano, orzo) è un cereale anche lui, e spesso è presente in quantità piuttosto alte.

Almo Nature non fa molto cibo secco per gatti, per cui la scelta è poca e ci sono crocchette migliori, che hanno un 10-15% di cereali, e altre peggiori che arrivano addirittura a contenere metà carne e metà cereali; si notano però pochi additivi, e questo è un fattore positivo, e la quota proteica arriva interamente dalle proteine animali e non da quelle vegetali, meno digeribili.

Non è grain free, ma ha la certificazione cruelty free.

Nel complesso, una buona marca, anche se peggiore rispetto a quanto il marketing voglia far credere.

Attenzione al marketing di Almo Nature: “Tutti gli ingredienti erano destinati a consumo umano, ma non lo sono stati per motivi commerciali” è così per forza, per tutte le marche, in gergo si chiamano Sottoprodotti di origine Animale di Categoria 3
Lo fanno tutti, però loro sono gli unici che pubblicizzano questa cosa.

Un esempio di crocchette Almo Nature:

Almo Nature Holistic Manzo e Riso

Almo Nature Holistic Manzo e Riso

Altro esempio di crocchette Almo Nature

Almo Nature Holistic Kitten Pollo e Riso

Almo Nature Holistic Kitten Pollo e Riso

Scopri Almo Nature su Zooplus >>

Schesir: le sue crocchette per gatti

Schesir una delle migliori marche di cibo per gatti, è Schesir.
Questa non mette a disposizione troppi prodotti, per quanto riguarda i croccantini, ma quelli che ci sono sono obiettivamente di buona qualità.

La formula è approvata nutrizionalmente dall’Università di Bologna (questo vuol dire che il mangime è bilanciato, non che sia “di alta qualità”), le percentuali degli ingredienti sono in linea con i fabbisogni nutrizionali del gatto.

Le fonti proteiche, cioè carne e pesce, sono disidratate, che è l’alternativa migliore per la qualità delle crocchette migliori per gatti, mentre in linea di massima si fa un utilizzo esiguo delle verdure, il che ne fa crocchette in generale povere di fibra; consigliato quindi che il gatto possa mangiare un po’ d’erba.

Si fa un uso abbastanza importante dei cereali, soprattutto orzo e riso, per cui non è un prodotto grain free, mentre è presente una certificazione cruelty free.

Un esempio delle crocchette Shesir e dei loro ingredienti e componenti

Schesir Adult Mantenimento Pesce

Schesir Adult Mantenimento Pesce

Scopri Schesir su Zooplus >>

Royal Canin crocchette

Sicuramente una delle marche più famose, Royal non è certo una delle migliori marche di cibo per gatti, almeno a giudicare dalla tabella nutrizionale, anche se comunque è una delle marche più capillari che propongono tantissime alternative ai proprietari.

Solo mettendo una confezione di ogni prodotto proposto, Royal potrebbe aprire un supermercato a sé, e i razionamenti sono sempre perfetti per aiutare i fabbisogni di ogni singola situazione in cui un gatto può trovarsi.

Le crocchette per gatti che stanno all’aperto sono più proteiche di quelle per gatti che stanno al chiuso, se il gatto è anziano ci sono meno proteine… dal punto di vista medico, visto che la Royal è una delle marche che maggiormente finanzia le ricerche sulla nutrizione animale, siamo in una botte di ferro.

Tuttavia, l’uso molto profuso di cereali, anche di tipo diverso, unito al fatto che la qualità delle materie prime non ha certificazioni (da dove vengono?) mette qualche dubbio; Royal non ha inoltre la certificazione cruelty free e assolutamente i suoi prodotti non sono grain free. Anzi, tutto al contrario.

Ecco un esempio degli ingredienti di un crocchette Royal Canin

Crocchette Royal Canin Fit 32

Crocchette Royal Canin Fit 32

Scopri Royal Canin su Zooplus >>

Monge: le crocchette per gatto

Tra i prodotti proposti da Monge troviamo alcune tra le migliori crocchette per gatti, e altri prodotti la cui qualità, invece, cala vistosamente.

Monge ha numerose sottomarche, che potremmo definire “linee”, e le differenze sono molte, in generale.
Tra le loro sotto-marche di prodotti per gatti ci sono “Le Chat”, che si suddivide in “excellence” e “Natural”, c’è poi “Simba”, “Gran Bontà”, e “Moustache”.

Un po’ come Royal, i razionamenti sono matematicamente perfetti, e visto che c’è molta possibilità di scelta, probabilmente un prodotto Monge che non vada bene al vostro gatto: lo troverete sicuramente.

Il problema è che, tra le varie linee e a volte anche nella stessa linea la qualità è molto variabile.

Ci sono prodotti grain free e prodotti pieni di cereali (prendo ad esempio Adult con Salmone che ha più cereali che salmone!) a fianco di crocchette che ne hanno pochissimi (come Adult con Lepre); la qualità è variabilissima in Monge, che merita un’analisi approfondita del singolo prodotto.

Tutti i mangimi sono certificati Cruelty Free.

Un esempio delle crocchette Monge con il giusto contenuto di carne e cereali

Monge Super Premium Adult Cat

Monge Super Premium Adult Cat

Ed ecco un esempio di crocchette Monge della linea Gran bontà

Croccantini con pesce per gatti Monge gran Bontà

Croccantini con pesce per gatti Monge gran Bontà

Le crocchette Natural Trainer

Analizzando le crocchette per gatti Natural Trainer si scoprono una serie di insidie che mettono molto in risalto il marketing dell’azienda.

Un esempio è che nella maggior parte dei prodotti è presente la carne fresca e non la carne disidratata, e sono presenti molti cereali all’interno delle ricette.

Inoltre, gli ingredienti pubblicizzati (ribes, melograno) spesso sono presenti in quantità davvero minime, tanto da non pesare sulla differenza; questo fa pensare a mangimi che, per quanto siano nutrizionalmente corretti, vogliono sembrare più di quello che sono.

Non sono grain free, perché l’utilizzo dei cereali è profuso, mentre è presente la certificazione cruelty free.

La differenza tra Trainer e Natural Trainer praticamente non esiste, perché la differenza tra “naturale” e “artificiale” in pratica non c’è (mai visto un pollo artificiale?), e l’azienda produttrice è la stessa, Novafoods.

Ecco un esempio delle crocchette Natural Trainer

Trainer Natural Adult con Pollo Fresco

Trainer Natural Adult con Pollo Fresco

Scopri Trainer su Zooplus >>

Ultima e le sue crocche per gatto

Tra le migliori crocchette per gatti, Ultima non c’è.

Gli ingredienti delle crocchette Ultima sono sempre, in generale, pochi, per cui sebbene non ci siano additivi, o comunque ce ne siano pochi (solo gli ingredienti sono quelli che apportano le sostanze nutritive), vediamo nella maggior parte dei prodotti un pari merito di carne e cereali (tipo, Salmone 15%, Frumento 14%).

Il fatto che la carne, poi, non sia mai disidratata la fa “scomparire” in cottura lasciando troppo spazio al frumento.

Nutrizionalmente sono alimenti equilibrati, per la presenza di proteine disidratate (di solito di pollo) che apportano la quota proteica, ma il fatto che siano ricchi di cereali (il fatto di essere integrali non cambia granché la situazione) e che in generale gli ingredienti siano spesso trattati non ne fa una delle marche più naturali.

Da leggere dopo:

Ultima ha la certificazione Cruelty Free, mentre i mangimi non sono Grain Free.

Ecco qui un esempio degli ingredienti e componenti delle crocchette Ultima

Ultima Cat Adult Pollo

Ultima Cat Adult Pollo

Scopri Ultima su Zooplus >>

Gourmet

Solo una menzione per gourmet, che non fa crocchette per gatti, ma solo cibo umido, per questo lo prendiamo in considerazione nell’articolo sul cibo umido.
In ogni caso, la linea Gourmet è prodotta da Purina.

Il cibo secco Purina

Come abbiamo visto per Monge, anche per Purina sono presenti una serie di sottomarche di cui alcuni prodotti sono tra i migliori croccantini, mentre altri sono praticamente becchime per le galline; leggere l’etichetta è quindi fondamentale per capire cosa abbiamo davanti.

I prodotti ProPlan, nonostante di secco ci sia poco, sono ad esempio dei buoni prodotti per presenza di proteine e per qualità delle materie prime; i prodotti Friskies, sempre di Purina, hanno invece più cereali che carne, e questo la dice lunga sulla qualità.

In generale, di grain-free c’è ben poco, ma alcuni prodotti sono migliori di altri; non è nemmeno presente la certificazione Cruelty Free, per questa marca.

Pro Plan Adult Ricco in Pollo

Pro Plan Adult Ricco in Pollo

Scopri Purina ProPlan su Zooplus >>

Un esempio degli ingredienti delle crocchette per gatti Friskies

Alimento completo per gatti adulti Friskies

Alimento completo per gatti adulti Friskies

Felix: croccantini

Felix è un altro dei tanti marchi Purina, e come abbiamo detto per Friskies non è tra le migliori crocchette gatto: anzi, è tra le peggiori. 

I cereali sono sempre in prima posizione tra gli ingredienti, e la carne è composta sia da carne che da sottoprodotti della carne (quindi le parti meno nobili rispetto al muscolo).

Non solo: nelle crocchette con il pesce c’è il 10% di carne e il 3% di pesce, giusto per farsi un’idea della qualità.

Le proteine presenti all’interno sono in gran parte di derivazione vegetale, per cui poco digeribili.

In linea di massima, tra le peggiori crocchette per gatti, assolutamente da evitare.

Ecco un esempio delle crocchette Felix

Da leggere dopo:

Felix Inhome Sensations

Felix Inhome Sensations

Le crocchette Oasy

Dal punto di vista degli ingredienti, Osay è una delle migliori crocchette per gatti, anche se non è una delle più conosciute.

I croccantini contengono una miscela di ingredienti secchi e freschi, che insieme superano il 70% del composto; questo significa che, alla fine del processo di cottura, rimane un buon quantitativo di carne a comporre i croccantini.

Non c’è moltissima scelta perché i prodotti sono davvero pochi, ma le esigenze nutrizionali del gatto vengono sempre rispettate, in ogni caso; per un gatto sano è quindi una buona marca, gli ingredienti (e quindi gli additivi) sono relativamente pochi ed inferiori rispetto ad altre marche, e i cereali, seppur presenti, sono in quantità ridotte (circa il 15%, mentre in altre marche si arriva anche al 50%).

Comunque, le crocchette non si possono definire grain-free.

Oasy ha anche la certificazione Cruelty Free sulle proprie crocchette.

Oasy - Adult Pollo

Oasy – Adult Pollo


Scopri le crocchette Oasy su Bauzaar >>

Sheba

Per Sheba vale quanto detto prima per la marca Gourmet.
Non si può inserire in una classifica delle migliori crocchette per gatti perché produce solamente cibo umido e non secco.

Smilla

Terminiamo descrivendo Smilla, le cui crocchette impiegano materie prime di scarsa qualità, rispetto a tutte le altre.

Questi croccantini per gatti fanno un largo uso delle farine, che come ci è stato spiegato relativamente agli ingredienti dei mangimi per gatti sono ottenute anche dagli scarti degli animali, e non solo dai muscoli, riducendo così la qualità nutrizionale.

Anche in questo caso la quota proteica necessaria al gatto viene raggiunta, ma la minor digeribilità dell’ingrediente di partenza, e la presenza di un certo quantitativo di farine di cereali (comunque minore rispetto ad altre marche che abbiamo visto) ne fa un prodotto non particolarmente consigliato per il gatto.

Le crocchette Smilla non sono grain free, mentre per la presenza della certificazione cruelty free non riesco a dare maggiori informazioni perché non sono riuscito a capire se l’azienda ce l’abbia oppure no.

Eccone un esempio

 Smilla Adult Pollo

Smilla Adult Pollo

Scopri le crocchette Smilla su Zooplus >>

Conclusioni: quali sono le crocchette migliori?

I nostri poveri gatti no, sarebbe meglio che non mangiassero nulla! 😀

Paradossalmente secondo me le migliori sono le ProPlan Purina e alcune Monge, mentre tante altre che buttano sul “naturale” in realtà sono tanto fumo e poco arrosto.
Oppure quelli che pubblicizzano “solo carne fresca”… per forza, costa meno della disidratata…

E tu cosa ne pensi? Se hai domande circa la scelta delle crocchette per gatto o vorresti un parere su altre marche in commercio, chiedi pure nei commenti sotto a questo articolo.

Migliori crocchette per gatti: quali marche sono consigliate
4.6 (91.67%) 12 votes

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

44 commenti
  1. Viviana
    Viviana dice:

    Salve, volevo porre questa domanda…in molte marche tra gli additivi si legge rame pentaidrato che molti consumatori associano all’equivalente “verde rame” …di cui è nota la tossicità …lo mettono come conservante o come minerale o altro? Altre ditte lo menzionano solo come Rame…non so se sono le leggi di ciascun paese e comunque per chi legge tra le righe, suscita preoccupazione.

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Viviana,
      La differenza è strettamente chimica. Il rame contenuto nei mangimi è un oligoelemento, nella forma assorbibile dall’organismo ed essenziale per la sopravvivenza del gatto, così come per la nostra; noi lo prendiamo di solito dai vegetali, mentre nei mangimi viene aggiunto.
      Il rame nei mangimi è Cu+1 o Cu+2, e si comporta da accettore di elettroni; il rame verde è invece ossidato, formula CuO o Cu2O, ed è quello che si trova sotto forma di minerale e trovi nei cavi delle TV a tubo catodico. Un atomo di ossigeno fa la differenza tra tossico e non tossico.
      Che poi ad alte dosi anche quello nei mangimi è tossico, ma l’aggiunta è chiaramente fatta in quantità che non siano tossiche per il gatto, e infatti gli unici problemi da rame li abbiamo quando il gatto (più il cane, però) non lo gestisce bene e il rame si accumula nel fegato.

      Rispondi
  2. Barbara
    Barbara dice:

    Buongiorno.
    Io alimento Aska, la mia gatta, con i croccantini della marca Prolife, che nell’articolo non sono menzionati.
    Mi sono stati consigliati dal nostro veterinario.
    Sono difficilmente reperibili (calcolate che, nell’arco di 30/50 km dove abito c’è un solo Pet Store che li vende).
    Volevo chiedere un commento e un parere su questa marca.
    Grazie.
    Barbara e Aska.

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Barbara,
      Casomai dimmi qual è la formulazione specifica che vai a comprare, nell’articolo abbiamo fatto un’analisi generale delle marche più utilizzate dagli utenti. E poi ti sono consigliate perché…? Il gatto ha problemi?
      Se vuoi un parere generale (come ho fatto nell’articolo) dimmi la formulazione precisa, altrimenti posso contattarti in privato per cercare di capire quale può essere l’alimentazione migliore per la gatta in relazione alla sua situazione personale.

      Rispondi
  3. Elisa
    Elisa dice:

    Domanda per il nostro Valerio: ma quando troviamo la dicitura “proteine di pollame disidratate” significa semplicemente pollo disidratato oppure è un’altra dicitura fuorviante?

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Elisa,
      No, sono solamente le proteine.
      Il pollo viene trattato (non so di preciso nemmeno io precisamente con quali agenti, li conosco solo per gli alimenti vegetali), comunque con agenti chimici, che separano le varie fasi della materia prima, ad esempio rimuovono il grasso e il tessuto connettivo, lasciando solamente le proteine.
      Di certo, questo viene fatto a partire da parti non nobili (non è petto di pollo, insomma) e le proteine non sono digeribili come quelle che troviamo nella dicitura “carne disidratata”, per cui la qualità è peggiore.
      Il fatto che, poi, le proteine sono disidratate è che dopo il trattamento c’è dell’acqua (per lavarle), e quest’acqua viene tolta per cui abbiamo le “proteine di pollame disidratate”. La parte del corpo del pollo di provenienza non è obbligatorio indicarla (comunque sono midollo osseo e ossa in generale, nonché altre parti che normalmente sarebbero di scarto).
      Sicuramente è meglio la “carne disidratata”, perché in quel modo siamo sicuri che sono muscoli e non chissà che cosa.

      Rispondi
  4. Katia
    Katia dice:

    Il mio gatto a problemi di ghiandole pareanali e ho notato che le feco non le fa belle dure un po poltiglia quale crocchette mi consiglia di dare al mio gatto di un ammo

    Rispondi
    • Valerio Guiggi
      Valerio Guiggi dice:

      Ciao Katia,
      Il problema delle ghiandole perianali non c’entra con le feci, anche se forse è un bene che siano un po’ più soffici, perché andrebbero a peggiorare l’infiammazione se fossero troppo dure (il problema è infiammatorio, giusto?).
      Comunque devi sicuramente risolvere il problema delle ghiandole con l’aiuto del tuo veterinario, poi pensiamo alle feci e vediamo, ma ho bisogno di informazioni in più: se vuoi puoi rispondermi qui e ne parliamo con i dati alla mano, ok?

      Ciao!

      Rispondi
  5. eleonora
    eleonora dice:

    la mia gatta di 17 anni ha smesso di mangiare i croccantini e vuole solo umido, anzi solo le bustine “agnello e manzo” della prolife. Devo assecondarla? ha avuto una gastrite che ancora non si risolve bene e dagli esami risulta con qualche “acciacco” ma niente di preoccupante. Beve abbastanza ma non ha valori sballati per i reni. grazie!

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Eleonora,
      Il fatto che non abbia valori sballati per i reni è una cosa buona, ma comunque i reni di una gatta così anziana sono un po’ debilitati, per cui a questa età, anche per problemi che iniziano a sopravvenire all’apparato digerente, io consiglierei un’alimentazione umida, più digeribile di quella secca. Per cui si, ti direi che la puoi assecondare alla sua età. L’alimentazione umida aiuta anche nella gastrite, essendo maggiormente liquida.
      Non conosco la marca in questione, ma assicurati solo che si tratti di un alimento completo e non complementare per la gatta, perché eventuali carenze a questa età possono essere problematiche.

      Rispondi
  6. Alessandra
    Alessandra dice:

    Buonasera, vorrei avere la sua opinione in merito ai croccantini Optimanova della Visàn. Forse non sono molto conosciute ma nel negozio dove mi fornisco, leggendo le etichette delle varie marche, mi è parso un alimento qualitativamente non male rispetto alla maggior parte. Mi piacerebbe avere un suo giudizio sia sulla linea classic sia su quella grain free. Grazie.

    Rispondi
  7. Raffaella Ragazzi
    Raffaella Ragazzi dice:

    Buonasera, sto alimentanto il mio gatto da due settimane con secco che umido della intestinal della Royal perchè dopo episodidi diarrea e a seguito di una ecografia il veterinario mi ha consigliato di alimentarlo con prodotti solo “monoproteici” e di conseguenza togliere quello che gli sto dando, considerando che lui è un gatto che mangiava solo gourmet pollo e vitello non potrebbe essere che sia stato un momento di mlessere passeggero? Potrei alimentarlo invece solo con intestinal della royal umido e secco oppure prorpio no? Ora gli sto dando il secco della trainer gusto anatra mescolato all’intestinal,lo gradisce ma vorrebbe anche l’umido ma quello dell’anatra non lo mangia e dargli altro diverso dall’anatra mi è stato detto che non andrebbe bene, le feci sono tornate normali anche se a mio parere l’anatra le fa rendere più morbide, quindi volevo sapere se io volessi cambiargli marca dei croccantini con qualcosa che mi desse la possibilità di dargli anche l’umido
    posso farlo oppure sarebbe drastica la cosa? Grazie

    Rispondi
  8. Billie
    Billie dice:

    Buonasera, grazie per gli articoli estremamente utili e chiari.
    Vorrei chiedere un parere sulle crocchette Miglior Gatto 🙂

    Rispondi
  9. Sarah
    Sarah dice:

    Buonasera,
    vorrei chiedervi informazioni sulle crocchette Leonardo. Le specifiche degli ingredienti su trovano direttamente sul sito – http://www.leonardo-catfood.de/it/leonardo-prodotti#productlist-dry-adult

    Grazie

    Rispondi
    • Elisa di Miciogatto.it
      Elisa di Miciogatto.it dice:

      Le composizioni cambiano di prodotto in prodotto, come ripeto. Lo scopo degli articoli è inoltre cercare di rendere in grado di valutare da soli i vari ingredienti e componenti. Da quello che vedo nel sito in genere non sono male come prodotti, per lo meno hanno la carne come ingrediente principale. Però li non vedo la composizione quindi non saprei.

      Rispondi
  10. Luca
    Luca dice:

    Buongiorno, vorrei avere un parere piu’ competente sui crocchi che sto usando molto graditi dal mio gatto, Ultima “Nature” gatto adult al pollo, diverse dalle ultima normali che gia’ su un test di Altroconsumo si erano piazzate a pararita’ di punteggio con almo Nature holistic.
    Ringrazio anticipatamente, saluti.

    Rispondi
  11. Corinna
    Corinna dice:

    Buongiorno io uso per il mio gatto bengala che è ancora piccolo (ha 5 mesi il 2 di giugno) le crocchette della Wild Nature, con pollo e mirtilli. Volevo sapere se veramente nn contengono cereali e sono ottime… Un mio amico invece usa le Hill’s.. Cosa ne pensa di queste? Sono affidabili? Do anche carne cruda di pollo. Attendo suo gentile riscontro. Saluti

    Rispondi
  12. Giancarlo
    Giancarlo dice:

    Salve
    Ho un Maine coon maschio di otto anni, fino a inizio anno l’ho alimentato con crocchette Royal canin apposite x la razza, poi il micione ha manifestato una presenza massiccia di forfora e mi è stato consigliato di passare alle crocchette disugual, fatte in Italia.
    Il prodotto sembra ottimo x ingredienti e confezione, cosa ne pensate?
    Grazie

    Rispondi
  13. roberta la rosa
    roberta la rosa dice:

    Buongiorno:)Vorrei,come tutti,il meglio per le mie gatte. Una delle due ha problemi di struvite . La gatta in questione ha 1anno e 1/2.
    Come cibo uso entrambi sia umido che secco. ROYAL urinary da 10mesi circa ma vorrei cambiarlo. Dalle poche cose che ho letto mi sembra di aver capito che:
    Maggiore umidità. Proteine disidratata ma non troppe. Pochi cereali. Poche ceneri. Poche fibre. Ok sodio. Ok omega 3/6. Aiutooo.. scusate ho molta confusione.
    La.mia domanda è…Cosa dovrei in particolare notare nella tabella nutrizionale?
    Grazie per la collaborazione Roberta

    Rispondi
    • Valerio
      Valerio dice:

      Ciao Roberta,
      Sono il veterinario. Dalla tabella nutrizionale in particolare dovresti notare che ci siano pochi minerali, cioè poche ceneri, e qualche acidificante per le urine. Maggiore umidità va bene perché diluisce le urine e quindi i calcoli tendono a formarsi meno, mentre le proteine che siano disidratate o fresche c’entra poco con i cristalli di struvite. E anche i cereali. E anche le fibre 🙂
      Hai fatto quindi un po’ di confusione tra la lettura “generale” delle etichette del mangime e l’alimentazione specifica per le vie urinarie, che in linea di massima (nel gatto sano ma tendente alla struvite) deve contenere pochi minerali e favorire l’acidificazione urinaria, però non c’è una regola precisa per dichiararlo, bisogna vedere l’etichetta di ogni singolo mangime e vedere se ci sono o no (uno è l’acido ascorbico, che acidifica le urine, ma non è l’unica sostanza).
      In linea generale comunque la struvite non è un problema troppo grave da evitare, per cui tutti i mangimi Urinary, con preferenza per l’umido, vanno in generale bene.
      Poi se vuoi invece consigli specifici fammi sapere, che ne parliamo e confrontiamo insieme diverse marche in base alle necessità specifiche della gatta; rispondimi per mail o a questo commento se ti interessa.

      Rispondi
  14. Angela
    Angela dice:

    Salve, ho un gatto di 16 anni e uno di 7 anni. Fino ad ora ho dato Royal Canin fit32 a tutti e due. Mi puo’ consigliare le migliori crocchette che posso dare a tutti e due? Grazie
    Angela

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Angela,
      TI ho risposto nell’articolo dedicato al cibo umido, puoi leggere lì la risposta.

      Ciao,
      Valerio

      Rispondi
  15. Marina
    Marina dice:

    Salve a tutti, intanto grazie per gli articoli, sono molto chiari e approfonditi, anche se per non addetti ai lavori è comunque difficile districarsi…
    Ho visto che tra il cibo secco preso in considerazione sono esclusi molti di quelli più commerciali: sono davvero tanto scadenti rispetto agli altri? Quando il tipo di carne usata non è specificato (fresca, disidratata…) ma è scritto solo ‘carni e derivati’, cosa vuol dire?
    Io da sempre uso i prodotti Coop che credevo fossero tra i migliori tra quelli a basso costo, perché li avevo paragonati ad altri molto costosi e pubblicizzati rendendomi conto che invece erano decisamente peggiori. Ora però, dopo aver letto i vostri articoli sono in crisi e non vorrei creare danni ai miei due gatti… In generale i veterinari mi sembrano molto poco preparati sul fronte qualità del cibo, come d’altronde lo sono anche i medici di base (e a volte anche i nutrizionisti) per noi animali umani…!!
    Allego il link di Altroconsumo, che tra gli alimenti migliori mette addirittura quelli a marchio Lidl e Eurospin (discount con i prezzi più bassi in assoluto). Magari avete voglia di verificare se sono test attendibili oppure se prendono in considerazione parametri inutili…
    Grazie
    https://www.altroconsumo.it/vita-privata-famiglia/animali-domestici/test/cibo-per-gatti/results

    Rispondi
    • Valerio
      Valerio dice:

      Ciao Marina,
      Sono Valerio, il veterinario specialista in alimentazione che ha dato una mano a Elisa a scrivere l’articolo.
      La questione della “carne e derivati” indica, come da legge 281/63, tutte le parti dell’animale che non sono il muscolo, quindi le frattaglie e i vari organi ad esclusione di pelle, ossa e unghie. In pratica sono gli scarti della macellazione, e tendenzialmente hanno una digeribilità minore rispetto a quella della carne vera e propria.
      L’indagine di altroconsumo secondo me non è più di tanto indicativa per un motivo: hanno dato troppo preso al prezzo, per cui il miglior prodotto tiene in considerazione quanto costa. Però per loro è logico perché loro sono un’associazione di consumatori, io che sono un veterinario guardo alla qualità nutritiva in relazione all’animale che ho davanti e chiaramente do dei giudizi diversi. L’analisi che abbiamo fatto qui con Elisa invece è indicativa, perché in alcune marche c’è moltissima variabilità, e serve un po’ come bussola ma, per fare un paragone, il nostro articolo è una bussola e non è google maps, ti dice la direzione ma non il punto preciso di arrivo 😀
      Per quanto riguarda i veterinari, il problema è che ci sono troppe cose da sapere in veterinaria. Io nel mio studio faccio alimentazione e basta, ma la maggior parte dei vet ha l’ambulatorio e deve sapere tantissime cose su tanti argomenti, per cui qualcosa va sacrificato, necessariamente.
      Io se vuoi posso aiutarti a capire quale può essere il miglior alimento per il gatto, però devo conoscere precisamente il tuo gatto per capire se l’alimento va bene o no. Generalizzare come ‘il miglior alimento per ‘il gatto'” è difficile 🙂

      Rispondi
  16. Maeva
    Maeva dice:

    Buongiorno, vorrei sapere con quale criterio è stata tirata giù questa lista. la maggior parte delle crocchette indicate, sono di qualità pessima. Bisognerebbe analizzare la composizione e non guardare la marca. ad esempio, le Royal canin, sono le crocchette peggiori che possano esserci in commercio, con quantità minime di carni e grosse percentuali di cereali, assai dannose per l’organismo dei nostri mici. Se veramente volete bene ai vostri pelosetti, evitate di farvi consigliare queste marche pessime dai vostri veterinari, o da chi dice “io mi ci sono sempre trovato bene e il mio cane/gatto gode di ottima salute”. Il trovarsi bene non è di certo sinonimo di qualità. Io consiglio di affidarvi a chi di nutrizione ne capisce qualcosa. Detto ciò vi suggerisco di imparare a leggere le etichette dei cibi, ci sono altre tantissime marche meno conosciute che sono davvero ottime. Ne cito due tanto per farvi rendere conto, (Simpson, Farmina) leggetevi le composizioni e rendetevi conto, mettete a parogone. Basta alla cattiva informazione. Aprite gli occhi!!

    Rispondi
  17. Maeva
    Maeva dice:

    Scusate volevo rispondere ad un commento lasciato da un utente dove parlava delle crocchette Royal canin. Per fortuna leggo con piacere che c’è ancora qualcuno che tiene alla salute dei nostri mici e mi fa davvero piacere leggere questo tipo di articoli. Complimenti a te e al nutrizionista per aver trasmesso la giusta informazione. Spero con tutto il cuore che le persone comincino a capire cosa fa bene e cosa è veleno per i nostri amici a 4 zampe. Buona giornata 🙂

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Mi fa piacere che hai letto con attenzione l’articolo..non sai quante volte ripeto “dovete imparare a leggere le etichette”… Se guardi tutta la sezione Alimentazione del sito, è incentrata sul non farsi abbindolare dalle marche, ma leggere gli ingredienti. Mi sembrava strano il tuo commento precedente infatti! 😊

      Rispondi
      • Maeva
        Maeva dice:

        Si, scusami, mi sono spiegata veramente malissimo. Leggendo i vari commenti ho letto che questa lista è stata scritta in base alle marche più usate. Non voleva essere un rimprovero 🙂 Comunque sia, bellissimo sito e molto molto utile. Io sto iniziando la dieta Barf per i miei mici e sono estremamente d’accordo quando dici “sarebbe meglio che non mangiassero nulla” hahahaha io odio le crocchette, sono troppo lavorate per i miei gusti, poi con quello che costano ci compro tanta buona ciccia sana e nutriente 🙂

        Rispondi
  18. Katia
    Katia dice:

    Buonasera,
    ho sempre dato Acana ai miei gatti ma da qualche mese ,sotto consiglio di un amico veterinario, sto somministrando questo prodotto della Petcurean [link rimosso] , cosa ne pensate?
    Io ho tre gatti e lo mangiamo volentieri , anche Acana lo mangiavano ma cosi risparmio un pochino ;O)

    Rispondi
  19. luca
    luca dice:

    salve il mangime c:pollame disidrataarrefour expert+ per cuccioli ha queste caratteristiche : pollame disidratato(di cui pollo 14% da pollo disidratato)glutine di mais ,ciccioli,frumento,mais,grasso animale,latte in polvere,lievito di birra,riso,olio di pesce. Proteina grezza 40%, oli e grassi 18%,ceneri grezze 7%. Che ne pensa ? grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *