Da quando la famiglia comprende anche uno – o più – amici a quattro zampe, c’è un nuovo fattore da considerare quando si organizzano le tanto sospirate vacanze: e il gatto? 

Ecco quattro opzioni da considerare se avete in programma un viaggio, o anche solo un week-end al mare.

Meglio portare il gatto in vacanza o lasciarlo a casa?

fonte: flickr - gattomimmo

fonte: flickr – gattomimmo

1. Gli inseparabili: portare il gatto in viaggio

Se non volete separarvi dai mici, portateli con voi!
Ovviamente, l’organizzazione dipende dal tipo di vacanza che avete in mente.

Non tutti gli alberghi, e neppure gli appartamenti in affitto, accettano animali, quindi sempre meglio informarsi prima.

Così come è meglio chiedere le regole di trasporto se viaggiate in treno, nave o aereo.

Se siete a bordo della vostra auto, preparatevi: i gatti generalmente non amano viaggiare nel trasportino e potrebbero esprimere la loro ansia con nausea, vomito e altre manifestazioni spiacevoli.

In questo articolo ti spiego come fare per portare il gatto in viaggio nel trasportino.

Cercate di tenere a disposizione acqua, una coperta o altro il cui odore sia famigliare e occhio alla temperatura: qui il veterinario spiega come riconoscere un colpo di calore nel gatto e come intervenire.

Leggi anche: Vacanze con il gatto, tutti i consigli

2. In villeggiatura dai nonni

Se, come me, siete di quelli per cui vacanza vuol dire viaggio in giro per il mondo, l’opzione numero 1 è da escludere.

Quindi, se micio non viene con voi, dove va in vacanza?
Se siete fortunati, avete parenti che passano l’estate in un luogo stabile, come una casa in campagna o in montagna, e che si dichiarano disponibili all’accoglienza.

Io ho questa fortuna, e i miei due mici ad agosto vanno “in villeggiatura” in montagna, dove possono godere di aria fresca, gite in soffitta e in giardino, pulizia a quattro stelle come solo la mamma sa garantire e coccole a volontà.

Bestseller 2
Bestseller 3
Tommi Porta Porta Cane Pratiko
Tommi - Automobile
10,20 EUR

Me li vado a riprendere sempre con il pelo più lucido e folto, merito forse dell’aria pura di montagna. La casa la conoscono, i miei genitori anche, quindi lo stress per loro è minore.

Unico inconveniente: convincerli a entrare nel trasportino per il viaggio in auto che, ovviamente, non è molto gradito.

3. Cat sitter a domicilio

Se i vostri gatti sono molto abitudinari e non sopportano il “cambio di residenza” oppure se non avete modo di portarli con voi, potete lasciarli a casa e affidarvi alle cure di un “pet sitter”, ovvero una persona che si prenda l’incarico di andare a casa vostra almeno una volta al giorno a fornire cibo, acqua fresca, cambio lettiera e, possibilmente, un po’ di coccole.

L’ideale è trovare una persona affidabile per voi (visto che avrà le vostre chiavi di casa) e gradita al gatto (sarebbe opportuno un incontro preliminare per conoscersi).

Il vostro veterinario, o negozio di animali, potrebbe suggerirvi qualche nome, ma esistono anche siti, come www.petme.it, che si definisce un “social petwork”, nati per mettere in contatto proprietari di animali e aspiranti “pet sitter”.

The Ings Luxury Cat Hotel

The Ings Luxury Cat Hotel

4. Portare il gatto in una pensione

Esistono luoghi attrezzati proprio per ospitare cani e gatti, vere e proprie “pensioni per gatti”.

A dire il vero, in giro per il mondo esistono anche hotel di lusso per gatti, come quello nella foto qui a fianco, con suite attrezzate e menu a la carte (se non avete abbastanza soldi, voi potete sempre dormire in campeggio).

Però diciamo che in media si tratta di sistemazioni un po’ più spartane…

A mio parere questa è l’opzione più stressante per i nostri mici, che si trovano catapultati in un luogo estraneo, con persone estranee e, spesso, altri gatti intorno.

Considerate infatti che i mici in genere non sono animali così propensi a fare amicizia!

Nel caso sceglieste questa opzione, valutate attentamente lo spazio a disposizione (gabbie o stanzette), la possibilità o meno di avere uno spazio di autonomia senza altri gatti, la presenza di personale competente e di un veterinario.

Detto questo, la cosa più importante è una sola: non abbandonarlo!

E tu, come ti sei organizzato?

Scopri i consigli per scegliere il miglior trasportino per il tuo gatto!

Da leggere dopo:

 

Portare il gatto in vacanza o lasciarlo a casa?
5 (100%) 4 votes

Potrebbe interessarti:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *