stomatite gatto cause cura terapia contagiosa

La stomatite nel gatto fa parte di tutta una serie di disturbi legati alla bocca del gatto. In generale la salute orale e l’odontoiatria nei gatti sono un aspetto molto trascurato e poco enfatizzato della medicina veterinaria, e spesso una igiene orale scarsa può portare a una condizione infiammatoria estesa e dolorosa alla bocca del gatto chiamata stomatite felina.

Cos’è la stomatite nel gatto

La stomatite felina recentemente è conosciuta come gengivostomatite cronica felina (FCGS) e colpisce circa lo 0,7-4% dei gatti. E’ una condizione cronica molto dolorosa, spesso debilitante, derivante da una grave infiammazione dei tessuti della bocca.

Sono conosciute due forme di stomatite del gatto a seconda della posizione dell’infiammazione:

  • una forma è caratterizzata da un’infiammazione che inizia nelle gengive e nei tessuti che circondano i denti (il parodonto)
  • la seconda forma, chiamata stomatite caudale, coinvolge un’area nella parte posteriore della bocca e i cu le mascelle superiore e inferiore si uniscono, cioè nelle “fauci”. La stomatite caudale è più difficile da trattare

Sintomi di stomatite felina

Nella stomatite del gatto le aree della bocca colpite hanno tipicamente un aspetto rosso vivo, sanguinano facilmente e possono avere un aspetto rugoso. L’infiammazione provoca molto dolore e spesso i gatti con la stomatite hanno difficoltà a masticare e mangiare. Possono quindi perdere molto peso, avere alitosi, sbavare o avere un’emorragia orale. Spesso muovono le zampe anteriori sul muso come a voler tirarsi via qualcosa. Spesso per loro è dolorosa anche la toelettatura per cui possono presentare un mantello trasandato e il pelo arruffato.

Ecco in sostanza i sintomi riconducibili a stomatite nel gatto:

  • Alitosi o alitosi
  • Rifiuto del cibo
  • Il gatto sbava
  • Inappetenza
  • Perdita di peso
  • Riduzione della toelettatura
  • Inattività

Cause della stomatite nel gatto

Al momento, non sappiamo cosa causi lo sviluppo della stomatite felina in alcuni gatti, anche se si ritiene che siano coinvolti componenti virali e batterici e malattie dentali infiammatorie (malattia parodontale e lesioni da riassorbimento). Qualunque sia il fattore scatenante, si ritiene generalmente che i gatti con stomatite abbiano uno stato immunitario alterato che consente e perpetua la condizione: sono state messe in gioco risposte immunitarie inadeguate ed eccessive.

Una risposta sproporzionata del sistema immunitario del gatto ai batteri della placca sembra svolgere un ruolo significativo. Una reazione eccessiva alla placca batterica porta a una reazione infiammatoria eccessiva che, senza intervento, può progredire in una condizione autoimmune più grave in cui il corpo attacca anche il tessuto dentale stesso. Oltre a ciò, recenti prove supportano un ruolo del calicivirus (un virus che può colpire la cavità orale di un gatto) nello sviluppo di stomatite del gatto. Altri virus che possono influenzare ulteriormente il sistema immunitario di un gatto, come il virus della leucemia felina (FeLV) e il virus dell’immunodeficienza felina (FIV), non sono stati direttamente collegati alla condizione, ma possono svolgere un ruolo.

Diagnosi di stomatite del gatto

Non esiste un semplice test di laboratorio per diagnosticare la stomatite felina, sebbene i veterinari possano essere sospettosi per la condizione sulla base dei sintomi di un gatto e di un esame della cavità orale. Alcune malattie sistemiche e le più comuni gengiviti e parodontiti, tuttavia, possono anche causare un’infiammazione orale simile a stomatite e dovrebbero essere escluse. Deve essere eseguito un esame del sangue di base completo che può escludere una varietà di malattie metaboliche. Dovrebbe essere presentato anche lo screening per le malattie virali feline come FeLV e FIV. Le radiografie dentali sono necessarie per valutare la malattia parodontale, il riassorbimento della radice dei denti o residui di radici trattenuti che possono provocare infiammazione. Infine, se l’infiammazione non è diffusa ed è localizzata in un’area specifica, dovrebbero essere considerate altre malattie. La biopsia del tessuto interessato deve essere raccolta per differenziare la stomatite dal cancro orale o dall’infezione localizzata. Insomma si va per esclusione.

Cura e terapia della stomatite nel gatto

Un piano di trattamento per stomatite varierà a seconda dello stadio e della gravità della condizione e della risposta di un gatto in un singolo caso. Poiché non esiste una causa specifica nota per stomatite del gatto, non esiste nemmeno un trattamento specifico per la condizione e tutte queste tecniche di gestione sono state provate, spesso in combinazione, con risultati variabili.

Le cure dentistiche regolari e la gestione medica sono in genere la prima linea di trattamento. La gestione medica è finalizzata al controllo della placca e alla modulazione della risposta infiammatoria / immunitaria. Deve essere eseguita una procedura odontoiatrica di routine per affrontare qualsiasi malattia dentale infiammatoria e deve essere avviato un regolare programma di cure dentistiche. Se la gestione parodontale iniziale non è sufficiente, si possono provare anche altre terapie mediche.

Poiché l’infezione batterica gioca un ruolo importante nello sviluppo di stomatiti e può complicare la condizione, vengono spesso prescritti antibiotici. Sfortunatamente, l’infiammazione spesso ritorna una volta che gli antibiotici vengono interrotti e l’uso a lungo termine non è l’ideale.

Gli steroidi possono essere usati per ridurre l’infiammazione in bocca e fornire un certo sollievo dal disagio. Tuttavia, gli steroidi perdono efficacia nel tempo per questa condizione e gli effetti collaterali significativi con l’uso a lungo termine possono essere un problema.

Sono state sperimentate anche altre terapie volte a modulare e normalizzare il sistema immunitario, inclusi interferoni, lattoferrina bovina e acidi grassi esterificati. In passato sono stati usati farmaci immunosoppressori più potenti.

Ci sono molte opzioni mediche che danno un controllo parziale o a breve termine sulla stomatite. Tuttavia, i risultati a lungo termine sono stati deludenti e molti gatti con stomatite non possono essere controllati con la sola terapia medica. In questi casi, il passaggio successivo è la chirurgia orale per estrazioni dentarie quasi complete o complete e l’escissione del tessuto infiammatorio in eccesso. La maggior parte dei gatti (l’80% in uno studio) beneficia di questa terapia, ma non è una cura garantita e alcuni gatti dovranno anche continuare la gestione medica.

La stomatite può essere una condizione debilitante e potenzialmente pericolosa per la vita nei gatti. Può essere difficile da trattare, ma molti gatti rispondono bene a una combinazione di cure odontoiatriche di routine, gestione medica e chirurgia orale e riguadagnano una buona qualità della vita. Sebbene alcuni proprietari si preoccupino di rimuovere tutti i denti di un gatto, una volta che l’infiammazione migliora, il gatto mangerà molto più comodamente di quanto facesse con i denti prima dell’intervento. Si spera che, man mano che si apprende di più sulla stomatite nel gatto, si scopriranno migliori opzioni di trattamento e persino misure preventive.

I gatti che hanno la stomatite felina possono trovare troppo doloroso mangiare cibi duri. Se il tuo gatto soffre di stomatite, passa a un cibo in scatola morbido o inumidisci il cibo secco del tuo gatto con acqua, in modo che formi un paté. Alcuni gatti possono anche avere difficoltà a mangiare cibo in scatola; in questo caso, potresti dover frullare il cibo in scatola finché le gengive non guariscono.

Anche se la stomatite felina è una condizione dolorosa, molti gatti rispondono bene alla terapia e sono in grado di ritrovare una meravigliosa qualità di vita.

Leggi anche

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *