vermifugo gattini

Ci sono molti prodotti diversi contro i vermi del gatto disponibili sul mercato e la disponibilità di vermifugo per gattini e gatti è ampia. Sono farmici anche economici, per questo la sverminazione del gatto è una operazione da fare senza indugio quando consigliata. Prima di somministrare un vermifugo al proprio gatto, è sempre bene sentire un parere veterinario, che saprà consigliarci quale vermifugo acquistare, dato che ci sono diversi tipi di vermi che possono infestare il nostro gatto ed ogni prodotto sverminante sarà più efficace su un particolare tipo di vermi. Inoltre i prodotti antielmintici per gatti assumono diverse forme e posologie, e come per tutti i farmaci è assolutamente sconsigliato il fai da te.

Vediamo in questo articolo quali tipi di vermifugo per gattini esistono e qual è l’efficacia sui vari tipi di vermi.

Sverminare il gatto con il vermifugo: perché?

I vermi sono estremamente comuni nei gattini e poiché i vermi possono essere trasmessi al gattino tramite il latte materno: si presume che tutti i gattini siano infetti e la sverminazione di un gattino va fatta praticamente in automatico. Abbiamo parlato anche in un altro articolo dei vermi nel gatto, e ti consigli di leggere anche quello.

I gattini vanno trattati con il vermifugo ogni 2 settimane dalle 3 settimane di età fino alle 8 settimane, poi mensilmente fino ai 6 mesi di età.
I gatti adulti andrebbero trattati ogni 3 mesi, mentre nei gatti anziani un problema comune è più la tenia, a meno che un gatto non abbia anche le pulci. Infatti le pulci sono strettamente legate ai vermi, come vedremo più avanti in questo articolo, parlando di tenia, ed è importante assieme al vermifugo periodico, non saltare mai il trattamento antiparassitario per le pulci e gli altri parassiti.

I vermi intestinali più comuni che infestano i nostri gatti sono i nematodi e le tenie. La maggior parte dei gatti infetti non mostra segni di vermi; tuttavia, pesanti infestazioni di vermi possono causare perdita di peso, vomito e diarrea, irritazione intorno all’ano e ritardo di crescita.

È importante sottolineare che, mentre i vermi a volte possono causare problemi al gatto stesso, alcuni possono anche essere trasmessi agli esseri umani e in rare occasioni possono essere causa di gravi malattie umane. Per questi motivi, il trattamento regolare di gatti e gattini per prevenire o eliminare i vermi è molto importante.

Vermifugo per gatti per i nematodi o vermi cilindrici

Di norma i vermifughi per gatti prendono di mira i nematodi o vermi cilindrici, i parassiti intestinali più comuni dei gatti. I nematodi sono corti e hanno corpi arrotondati. Producono uova microscopiche che appaiono nelle feci dei gatti infetti, il che rappresenta un pericolo per gli altri gatti in quanto possono essere contagiati venendo a contatto con le feci dei gatti infetti. Le uova possono anche essere mangiate da topi o ratti che possono infettare i gatti che predano quei roditori.

I nematodi sono molto comuni, in particolare nei giovani gatti e gattini. Le specie più comuni sono Toxocara Cati e Toxascaris Leonina. Toxocara Cati può essere trasmesso ai gattini attraverso il latte della madre anche se la madre stessa ha superato l’infezione. Ciò significa che praticamente tutti i gattini vengono infettati da nematodi sin dalla tenera età e richiedono tutti un trattamento i vermufughi per gattini. Leggi anche: Ascaridi gatto

nematodi gatto toxocara cati vermi cilindrici
I nematodi del gatto: toxocara cati, vermi cilindrici

Altri nematodi gastrointestinali che possono infettare i gatti in varie parti del mondo includono:

  • Ollulanus tricuspis (che si trova nello stomaco)
  • Gnathostoma spp
  • Physaloptera spp
  • Strongyloides spp

Anchilostomi

Gli anchilostomi sono un tipo di nematode intestinale che si trova nella maggior parte dei paesi del mondo, ma sono più comuni in alcuni paesi rispetto ad altri. Questi vermi possono causare danni al rivestimento dell’intestino dove si attaccano alla superficie e possono provocare perdita di peso, sanguinamento e anemia.

I gatti possono essere infettati dall’ingestione (mangiando) delle uova di anchilostomi dall’ambiente, ingerendo un ospite intermedio infetto (come con Toxocara cati sopra) o dalle larve nell’ambiente.

Gli anchilostomi dei gatti comuni includono Ancylostoma tubaeforme e Uncinaria stenocephala, ma in alcuni paesi sono presenti altre specie.

Tenia nel gatto

Le tenie sono generalmente lunghi vermi piatti composti da molti segmenti. I segmenti maturi contenenti uova vengono rilasciati dalla fine della tenia e vengono passati nelle feci. Questi segmenti spesso assomigliano a chicchi di riso e talvolta possono essere visti sui peli intorno all’ano del gatto, nelle feci e sulle cucce usate dal gatto.

tenia del gatto
Tenia

Per completare il loro ciclo di vita, tutte le tenie richiedono che un ospite intermedio mangi prima le uova dall’ambiente, quindi il gatto verrà infettato mangiando l’ospite intermedio. Gli animali che fungono da ospiti intermedi variano a seconda delle specie di tenia. Le tenie più comuni che infettano i gatti in tutto il mondo sono Dipylidium caninum e Taenia taeniaeformis.

Il Dipylidium caninum viene trasmesso ai gatti dalle pulci. Le larve immature delle pulci ingeriscono le uova del verme, ma l’infezione viene trasmessa a un gatto quando ingoia una pulce infetta durante la toelettatura. Normalmente di presume che qualsiasi gatto sia infestato da pulci abbia anche Dipylidium caninum (e viceversa).

La Taenia taeniaeformis viene trasmessa quando i gatti mangiano piccoli roditori (ratti e topi), roditori che ha loro volta hanno mangiato uova dall’ambiente. Questa infezione si verifica molto comunemente nei gatti che cacciano.

Altre tenie comuni in alcuni paesi includono:

  • Diphylobothrium latum (i pesci sono ospiti intermedi)
  • Spirometra spp (anfibi, rettili e roditori sono ospiti intermedi)
  • Diplopylidium spp (i rettili sono ospiti intermedi)
  • Joyeuxiella spp (i rettili sono ospiti intermedi)
  • Echinococcus multilocularis (i roditori sono ospiti intermedi)

Come usare l’antielmintico per gatti (il vermifugo)

Le raccomandazioni comuni sono:

  • Trattare i gattini per i nematodi ogni 2 settimane dalle 3 settimane di età fino alle 8 settimane di età, poi mensilmente fino ai 6 mesi di età
  • Trattare gatti adulti (di età superiore a 6 mesi) ogni 1-3 mesi
  • Le tenie sono solitamente un problema solo nei gatti più anziani, a meno che un gattino non abbia anche le pulci.

Trattare i gatti adulti (di età superiore a 6 mesi) ogni 1-3 mesi con un prodotto efficace sia contro la tenia che contro i nematodi.
Un prodotto attivo contro Dipylidium caninum dovrebbe essere utilizzato anche nei gattini che hanno infestazioni da pulci.

La frequenza precisa di un trattamento contro i vermi per i gatti dipende dalla probabile esposizione alla tenia in particolare (ad esempio, se sono presenti pulci e se il gatto caccia).

I prodotti per i vermi venduti nei supermercati hanno molti ingredienti che sono inefficaci e talvolta possono avere conseguenze fatali per i nostri animali domestici. La cura è efficace quando si segue la dose raccomandata. Se a un gatto viene somministrata una dose maggiore di quella diagnosticata, può causare dei danni, anche la morte del gatto, per cui vanno seguite le indicazioni del veterinario.

Tipi di vermifugo per gatti

Solitamente le formulazioni dei vermifughi sono disponibili sia a spettro ristretto, efficaci solo contro i nematodi, sia ad ampio spettro (contro tutti i vermi) e trattano sia nematodi che tenia. Un trattamento a spettro ristretto è adatto ai gattini tra la nascita e lo svezzamento, o nelle gatte in gravidanza / allattamento, dove il trattamento per la tenia è meno problematico. I vermifughi per gatti ad ampio spettro tendono ad essere somministrati ai gatti più grandi e sono difficili da scomporre in una dose appropriata e in dimensioni gestibili per i giovani gattini.

Alcune marche di trattamenti contro le pulci sostengono di trattare anche i vermi, ma trattano solo i nematodi. Ciò significa che sono del tutto adatti come unico trattamento contro i vermi per gattini giovani, gatti in gravidanza / allattamento e gatti da casa regolarmente trattati con pulci, ma un trattamento aggiuntivo regolare per la tenia dovrebbe essere somministrato a gatti adulti che escono all’aperto e sono cacciatori o gatti in ambienti con frequenti problemi di pulci .

I vermifughi per gatti si presentano per lo più in compresse e devono essere somministrati interamente al gatto, senza scioglierle. Per la somministrazione delle pillola a un gatto, ti consiglio di leggere l’articolo dedicato: come somministrare una pillola al gatto, perché può non essere cosa semplice, specie nel gatto adulto.

Spero in questo articolo di averti dato le giuste informazioni sui vermifughi per gatti, tieni sempre presente di rivolgerti al tuo veterinario di fiducia per ogni domanda o dubbio e di non somministrare farmaci di nessun tipo senza il consiglio del veterinario.

Leggi anche:

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *