Alopecia gatto perde pelo a chiazze

In questo articolo parliamo di un problema abbastanza diffuso nel gatto, che è l‘alopecia del gatto.
L’alopecia felina non è una malattia, ma un sintomo, esattamente come la tosse oppure il vomito.

Per questo motivo, se il gatto ha una chiazza senza pelo abbiamo davanti un segno che ci mostra che il gatto ha qualcosa che non va; per capire che cos’è, c’è bisogno sempre della visita veterinaria.

Lo dico perché molte persone danno immediatamente la colpa al cibose il gatto ha una perdita di pelo, senza nemmeno valutare altre possibilità; questo è sbagliato, perché se il gatto per esempio ha la tigna hai voglia di cambiare mangime, quello è un fungo e non se ne andrà mai.

Vedi anche: Tigna nel gatto: cause, sintomi e cura

Un esempio di chiazza alopecica.

Un esempio di chiazza alopecica.

Se il gatto perde il pelo a chiazze, che poi è la figura tipica dell’alopecia del gatto, le cause possono essere diverse, sia superficiali (cioè imputabili direttamente alla pelle e al sistema tegumentario), sia secondarie, cioè essere conseguenza di altre malattie interne, la classica “punta dell’iceberg”.

Da notare che l’alopecia indica, precisamente, la chiazza senza pelo del gatto; se il gatto ha tutti i peli, ma ne perde anche molti, questo può essere dovuto a un fattore esterno (di solito il caldo) ed è da considerarsi del tutto normale.

Vorrei infine far notare che, a differenza di quanto qualche non-veterinario scrive su internet, l’alopecia non implica necessariamente che il gatto si lecchi: il pelo può anche essere perso a chiazze ma il gatto non si lecca mai, ed è il fenomeno tipico delle malattie metaboliche. In questi casi non c’è nemmeno uno dei sintomi frequenti dell’alopecia, che è il prurito.

In che zone può apparire la alopecia del gatto?

L’alopecia del gatto può apparire su tutto il corpo, anche se la parte del corpo in cui appare da indicazioni sulla causa, a volte.

Questo per dire che dovreste evitare di mettere la foto dell’alopecia del gatto nei commenti e chiedermi da cosa sia causata: o venite da me, o andate da un altro veterinario che il gatto lo guardi dal vivo, non si possono fare le diagnosi su internet.

Gattino con alopecia

Come posso capire dalla foto che tipo di alopecia ha questo povero gatto? Al massimo posso fare qualche ipotesi, ma non di più.

Tornando a noi, una delle localizzazioni più comuni per l’alopecia del gatto è la testa, generalmente colpita con partenza dalle orecchie quando ci sono di mezzo gli acari.

Leggi anche: Acari delle orecchie del gatto.

Il gatto che perde pelo a chiazze sulla schiena di solito è la forma tipica delle malattie metaboliche, mentre l’alopecia del gatto sulla pancia è molto frequentemente sintomo di alopecia psicogena felina, cioè il gatto si annoia e si lecca ossessivamente la pancia.

Nel gatto anziano, l’alopecia di solito è più diffusa, perché indica l’incapacità del corpo di rigenerare il pelo del manto.

Bisogna poi ricordare che le malattie infettive o le infestazioni, quindi le alopecie causate da parassiti o da batteri, non hanno una localizzazione precisa. 

Facevamo prima l’esempio della tigna, del Microsporum canis: questo è un fungo che si deposita sulla pelle in un posto a caso e, se riesce ad attaccarsi alla pelle, inizia a riprodursi formando una chiazza alopecica sempre più grande nel punto dove si è depositato la prima volta, che può essere indifferentemente qualunque parte del corpo.

Particolarità, invece, è l’alopecia causata dalle malattie metaboliche: in queste situazioni di solito abbiamo delle chiazze senza pelo simmetriche, ovvero uguali dalla parte sinistra e destra del gatto, cosa che non succede invece con le alopecie di natura batterica o parassitaria.

Alopecia del gatto: possibili cause

Le cause dell’alopecia del gatto sono tante e sono piuttosto varie.
Si possono creare diverse suddivisioni adatte ad individuare le cause dell’alopecia, ed una molto semplice è la seguente.

  • Malattia follicolare primaria: è l’alopecia causata da problemi al follicolo pilifero, con alcuni agenti infettivi che sono entrati al suo interno danneggiando il pelo e facendolo cadere.
    La tigna del gatto rientra in questo gruppo, perché il fungo danneggia il pelo e lo fa cadere.
  • Autotraumatismo: si ha quando l’agente infettivo, che è presente, di per sé non danneggia il pelo (un esempio è la rogna), ma causa un prurito così intenso che il gatto si lecca compulsivamente, e causa esso stesso la perdita del pelo.
    Anche l’allergia, che causa prurito, funziona in questo modo, così come l’alopecia psicogena del gatto, perché nonostante non ci siano agenti esterni è il gatto che si lecca e causa la perdita del pelo.
  • Malattia endocrina: è un tipo di malattia a causa degli organi interni, che con il pelo c’entra poco ma che causa degli squilibri metabolici, di solito ormonali, all’interno dell’organismo che, di conseguenza, non stimolano la formazione di nuovi peli quando quelli vecchi cadono.
    In questo modo abbiamo le chiazze alopeciche, ma il gatto non si lecca, non ha prurito e se le tocchiamo il gatto non avrà alcun problema a farsi accarezzare.

Queste sono i tre gruppi di classificazione delle alopecie, che danno un’idea su quale sia la causa e la terapia.

Naturalmente, le cose non sono così semplici, e in ognuno di questi gruppi stanno una serie di cause differenti, che sono le seguenti, e ognuna ha una cura specifica e diversa dalle altre.

Vediamole velocemente, anche per capire che in una situazione del genere non si può fare diagnosi da soli, né tanto meno cambiare mangime: le alopecie da problemi alimentari sono solo una piccola parte di tutte le possibili alopecie del gatto.

  • Malattia batterica: alcuni batteri che vivono sulla cute si sono iniziati a riprodurre in modo incontrollato, diffondendosi sulla cute ed entrando anche all’interno dei follicoli piliferi; essendo batterica va curata con gli antibiotici, di solito ad uso cutaneo.
  • Malattia fungina: detta anche micosi, è di solito causata dalla Tigna, ma anche da altri funghi che usano sempre lo stesso metodo: si attaccano alla pelle del gatto e iniziano a riprodursi in modo incontrollato.
    Come si dice con l’aggettivo “tignoso”, è molto difficile da eliminare.
Probabilmente questa è un'alopecia causata dalla tigna.

Probabilmente questa è un’alopecia causata dalla tigna.

  • Allergia al morso di pulce o DAP: è a tutti gli effetti un’allergia, ma causata dal morso della pulce, per cui significa che il gatto ha le pulci. Ovviamente, se non si tolgono l’allergia continuerà a rimanere lì.
  • Dermatite atopica: è un’altro tipo di forma allergica, solo che non si capisce la causa e si sospetta che non ci sia, ma che semplicemente il corpo reagisca troppo a… nulla. Va trattata in modo da diminuire i sintomi dell’allergia, con gli antistaminici. Leggi anche: Dermatite atopica
  • Rogna: se è notoedrica, colpisce soprattutto la pelle, mentre quella otodectica colpisce le orecchie all’interno, e se non trattata si espande anche all’esterno. Le rogne sono molto pruriginose (da qui deriva l’aggettivo “rognoso”, ma com’è che tutti questi termini italiani derivano dalle malattie della pelle?).
Rogna orecchio gatto

Questa è una rogna che proviene dall’orecchio del gatto.

  • Allergia: può essere una allergia alimentare o dovuta ad agenti esterni, e tra i suoi sintomi ha anche l’alopecia; non si cura, per cui è necessario individuare e rimuovere l’allergene per toglierla definitivamente.
  • Ipertiroidismo: malattia metabolica a carico della tiroide per la quale abbiamo una produzione troppo alta di pelo. C’è troppo pelo e questo causa nel gatto un leccamento compulsivo che porta, man mano, alla caduta del pelo formando così delle chiazze alopeciche. Grave soprattutto per una serie di altri sintomi che causa, più che per l’alopecia.
    Leggi anche: Tiroide gatto, ipo e ipertiroidismo
  • Sindrome di Cushing: altra malattia metabolica in cui viene prodotto troppo cortisone da parte del surrene, per cui si hanno manifestazioni ormonali molto forti, quelle tipiche dello stress, nelle quali rientra anche la perdita di pelo.
  • Dermatite psicogena: si diagnostica solo quando tutte le altre cause sono state escluse, e allora si pensa a questo tipo di dermatite che è di origine psicologica, perché per il resto il gatto sta bene. La diagnosi, però, si fa per esclusione.
alopecia psicogena

Questa potrebbe essere un’alopecia psicogena, ma da internet… come faccio a saperlo?

Ovviamente, qui non ho trattato tutte le cause dell’alopecia, ma solamente quelle più comuni: spero di avervi dato un’idea di come, spesso, capire la causa dell’alopecia sia un grosso problema anche per i veterinari… figuriamoci per i proprietari.

Come si cura la alopecia

Mi sembra inutile stare a precisare che per ognuna delle patologie che abbiamo individuato sopra la cura è diversa, molto diversa, per cui chiedere come si cura l’alopecia è una domanda retorica: dipende dalla causa.

Se per le infezioni batteriche ci sono gli antibiotici, e per quelle fungine ci sono gli antimicotici, se il gatto ha la rogna ci vogliono dei precisi principi attivi anti acaro, che sono degli antiparassitari.
Da notare che tutti questi farmaci si trovano in farmacia e ci vuole la ricetta veterinaria, per cui non si possono comprare da soli.

E non si possono nemmeno sostituire con i rimedi naturali, che si limitano a fare solamente da coadiuvanti nelle infezioni (cioè, se oltre all’antibiotico do anche un antinfiammatorio naturale, tipo l’aloe, il gatto starà meglio, ma se do solo l’aloe… aspetta e spera che l’alopecia si risolva).

Per altri tipi di malattie la cura dell’alopecia felina è difficilissima, e parlo delle metaboliche per cui spesso la cura proprio non esiste (o comunque è molto complessa, e dura anni se non tutta la vita); per altre situazioni, invece, si può usare un metodo preventivo, come quello di fornire l’antiparassitario per prevenire le pulci, quindi l’alopecia da DAP.

Comunque sia, l’alopecia del gatto dicevamo all’inizio essere solo un sintomo, e i sintomi non si curano: si curano le malattie, per cui scoperto che cosa c’è sotto, e curato, allora se ne va anche l’alopecia.

Da leggere dopo:

Se prendete prodotti miracolosi contro l’alopecia sperando che vadano e poi non funzionano perché il gatto ha l’ipertiroidismo, e poi muore, beh… che vi devo dire?

Quando il gatto ha l’alopecia si va dal veterinario, punto. C’è poco altro da fare.
Se hai avuto esperienze di alopecia con il tuo gatto o vuoi fare delle domande, scrivile sotto nei commenti, ti risponderà il veterinario!

Alopecia: se il gatto perde il pelo a chiazze
4.6 (92%) 10 votes

19 commenti
  1. Sara Moraldo
    Sara Moraldo dice:

    Salve Dottore, la mia gatta ha 9 anni, vive esclusivamente in appartamento senza giardino, e fino a qualche anno fa non ha presentato particolari problemi di salute, nonostante sia una trovatella. Un paio di anni fa ho notato questa perdita di pelo sotto la pancia, notando a volte come si leccasse in maniera “aggressiva” in quel punto al punto di ferirsi (piccole ferite che subito si rimarginavano). L’ho portata da diversi veterinari che nonostante la difficoltà nel visitarla (diventava super aggressiva), mi hanno dato diverse cure andando a tentativi perché non riscontrava cose visibili come parassiti o altro. Ho provato antiparassitari, a cambiare marca di croccantini, a non farle mangiare altro cibo al di fuori dei suoi croccantini, addirittura le hanno spremuto le ghiandole perianali, ma la chiazza senza pelo non spariva, anzi qualche volta si estendeva all’interno delle zampe posteriori, altre volte si rimpiccioliva. Lo scorso inverno per rassegnazione o altro, sembrava migliorata la situazione con il pelo quasi del tutto ricresciuto… e adesso invece peggio che mai. La chiazza sotto la pancia è ricomparsa, molto estesa, anche alle zampe posteriori, ma sono comparse altre chiazze prive di pelo nella zona lateralmente e sotto le zampe anteriori, sia a destra che sinistra (a destra molto più estesa). Come ho già scritto abbiamo già provato a farla vedere da vari veterinari in zona ma non troviamo rimedi validi. Confido in un suo aiuto. La ringrazio anticipatamente, distinti saluti.
    Sara Moraldo

    Rispondi
    • Valerio Guiggi
      Valerio Guiggi dice:

      Ciao Sara,
      Scusami per il ritardo nella risposta. Visto che la gatta è stata visitata più volte e che la chiazza è pruriginosa (quindi escludo patologie metaboliche), e visto che non ci sono parassiti, il problema potrebbe essere di natura alimentare; so che hai già fatto il cambio di croccantini, ma il cambio va fatto in un certo modo per poter identificare il problema.
      In questo caso la cosa migliore da fare è analizzare bene, insieme, il problema, per cui ti propongo una consulenza con me, così parliamo un po’ e cerchiamo di identificare quale può essere il problema e vediamo come impostare l’alimentazione.
      Una patologia alternativa potrebbe essere un tipo di dermatite, più rara, in cui il problema non è alimentare ma autoimmune, e allora non c’è modo di risolvere se non con gli antistaminici; per capire se la gatta abbia però questo tipo di patologia bisogna comunque prima escludere la causa alimentare, per cui rinnovo la proposta di una consulenza alimentare per approfondire.

      Rispondi
  2. Alessandra
    Alessandra dice:

    Salve,
    al mio gatto è comparsa da un giorno all’altro una chiazza priva di pelo tra collo e schiena, di circa 3 cm quadrati, senza nessuna lesione alla cute e senza prurito. Dalla visita veterinaria (esame pelo) non è emerso nulla di specifico (mi ha detto che qualcosa di simile succedeva una volta all’anno nello stesso punto ad un altro gatto che aveva visitato) ma per essere sicuri che non fosse un fungo mi ha consigliato di applicare per 2 settimane mattina e sera un prodotto antimicotico. Il problema è che dopo circa una settimana la pelle ha iniziato ad avere piccole abrasioni con perdita di sangue, senza aumento delle dimensioni della chiazza.
    Quale ipotesi si può avanzare?

    La ringrazio,
    Saluti
    Alessandra

    Rispondi
    • Elisa Bertoldi
      Elisa Bertoldi dice:

      Ma prima di ordinare l’antimicotico il veterinario non ha fatto un esame culturale per verificare se era effettivamente un fungo?
      Il veterinario ha verificato se il pelo è spezzato perché il gatto se lo lecca fino a tirarlo via? A te sembra che il gatto abbia prurito?
      Si lecca? Vi consiglio di andare più a fondo perché le cause possono essere molte, dal fungo, al batterio, al problema comportamentale, all’allergia alimentare, insomma bisogna indagare meglio ed andare di volta in volta per esclusione.

      Rispondi
  3. Simona
    Simona dice:

    Buona sera. Scrivo qui perché non so a chi chiedere e cosa fare. Vivo in una zona residenziale in una casa con un grande giardino che confina con un bosco ed un campo. Un giorno, mesi fa, si è presentato un gatto randagio. Essendo un amante degli animali, ho cominciato a darli da mangiare cercando di guadagnare la sua fiducia. Quando sono riuscita ad avvicinarmi a lui, ho notato che dietro alle orecchie, in modo simmetrico, aveva 2 ferite sanguinanti. Sembrava essere stato acchiappato da qualche cane. Ho cominciato faticosamente (perché non ci sta!) a medicarlo, disinfettando le ferite e mettendo una polverina di antibiotico. Si vede che li da tanto fastidio perché scuote sempre la testa e si grata di continuo. Quindi, appena si chiudono le ferite, si grata di nuovo fino a riaprirle…Così facendo, ho visto che si sono pure ingrandite, e qualche giorno fa ho notato che sul collo li si è formata una zona ovale priva di pelo. La pelle non è rossa o irritata, ma di sicuro non è normale. Tutti mi dicono di non darli più da mangiare e mandarlo via, ma mi fa tanta tenerezza, e non ce la faccio! Mi sono abituata a vederlo intorno casa e pure lui non vuole andarsene. Vorrei aiutarlo a guarire, ma non so come, tenendo presente che essendo comunque un randagio (va e viene a suo piacimento, si fa accarezzare ma non da troppa confidenza), non riesco a portarlo da un veterinario. Qualcuno mi può aiutare con qualche consiglio?
    Grazie di cuore.
    Simona

    Rispondi
  4. Valentine
    Valentine dice:

    Buongiorno Dottore, leggevo la sua inserzione che mi è sembrata abbastanza valida e costruttiva. Purtroppo non sono automunita e lavorando tutto il giorno faccio una grandezza fatica ad avere un riscontro con l’unico veterinario nella zona in cui vivo. Ero già andato da lui per farlo visitare ma mi diede una costosissima crema San inserire in Boccaccio che fingerei da ricostituente, ma il problema persiste. Di contro non mi ha dato nessuna diagnosi in merito ed ha solo guardato la partenza del pelo mancante. Ma il problema persiste ancora. HO notato che ha due striscioni abbastanza visibili in due parti della schiena (e non chiazze), dove si intravede la cute. Ho anche notato che tende a strapparsi il pelo in quella zona. Aggiungo inoltre che il mio gatto non è sereno in questa casa ove ci siamo trasferiti San pochi mesi poiché può accedere solo nel balcone ma non lo faccio uscire dal tetto (cosa che lui vorrebbe e lenta) poiché più di una volta non é più tornato e sono dovuta andarlo a ripescare nel solaio del vicino da lei tetto! Vorrei capire se é un problema dovuto allo stress o ad una infezione. HA circa 10 anni, ma mangia, beve e per quel che può la notte gioca esatto é vispo e gioca. Quali sarebbero le visite che dovrebbe fare un veterinario in occasione di questo problema che persiste da mesi? La ringrazio per la Sua gentile consulenza ed eventuali consigli potermi dare. Buona giornata. Valentine Cassetta

    Rispondi
  5. Giovanna
    Giovanna dice:

    Buonasera dottore, intorno a casa mia c’e ‘Una gatta a pelo lungo non è mia era di un signore che è deceduto questa gatta le diamo da mangiare ma non ha altre accortezze da nessuno , avrà circa 10, 15 anni e ora abbiamo notato che gli sta andando via il pelo ha pezzi gli su è staccato dalla pelle e non si fa chiappare abbiamo provato per tagliarglielo ma non ci sta, chiedo cosa può essere la stagione che perde il pelo o è una malattia?sicvome ho un gatto che va anche fuori non vorrei che prendesse qualche malattia cosa devo fare ? Grazie

    Rispondi
  6. Giovanni
    Giovanni dice:

    Buongiorno, scrivo riguardo alla mia gatta anziana (18 anni) che solo ultimamente ha avuto problemi di salute: 2 ictus, con crisi epilettiche che comunque sono stati superati molto bene. Adesso, sta prendendo del cortisone e ha ripreso a mangiare ed a muoversi discretamente bene.
    Ultimante ho notato che perde moltissimo pelo (cosa sempre successa in questo periodo) e dato che non si lecca praticamente più, la spazzoliamo con cura un paio di volte al giorno. Il problema è che il pelo non ricresce più e soprattutto sotto il collo e petto, si vede già la pelle nuda. La stessa non è arrossata e non c’è assolutamente prurito… il veterinario dice che non se lo sa spiegare… o comunque che non c’è relazione con la sua patologia conosciuta. Ultimante, vedendo che non si pulisce più e notando il pelo sul petto molto unto, l’abbiamo pulita noi con delle salviettine specifiche per animali… magari le hanno fatto male??
    La ringrazio per una sua cortese risposta e cordialmente la saluto.

    Rispondi
  7. SteMai
    SteMai dice:

    Buongiorno dottore,
    abito vicino ad un piccolo supermercato, dove la gente ha preso la brutta abitudine di abbandonare animali indesirati, molto spesso gatte in stato interessante.
    Avendo a mia volta diversi gatti, tutti sterilizzati e curati egregiamente, le gatte gravide abbandonate sono attratte dal cibo e entrano a cercare rifugio e cibo , a casa mia.
    Ne ho recuperati e salvati diversi, anche se non so per quanto potrò continuare, avendo ora lo sfratto.
    In questi giorni è arrivata una micina, che non avrà neppure un anno, di una bellezza disarmante. Di certo non è una randagia, è all’inizio della gravidanza e mangia come un lupo. Deve essere stata maltrattata, è visibilmente terrorizzata e, all’arrivo, era malconcia, zoppa e con un pelo terribile. Non è raro, da queste parti, vedere aiuto che sfrecciano, gettando nel nostro cancello, buste con animali vivi…
    Potrebbe aver preso qualche brutto colpo, però, migliora di giorno in giorno, adesso.
    Non si fa avvicinare da nessuno, ma i morsi della fame la spingono a farsi avanti. Anche per questo penso non fosse una randagia, nel territorio si trova cibo selvatico a volonta, vivo in campagna, topolini, uccellini, gechi, lucertole e altre piccole prede, non mancano di certo… Altri randagi vivono bene nella zona, da anni, ma lei cerca i croccantini.
    Comunque… anche se è stato molto difficile, ora si fida, un pochino, solo di me e solo mentre mangia, poi scappa a nascondersi, come un fulmine. Appena vede il movimento delle mani, si fa piccola piccola… ho paura venisse picchiata.
    Il pelo, da quando mangia bene (io do solo crocchini di ottima qualità), è migliorato tanto, ma presenta una forte alopecia dietro le orecchie.
    Non riuscendo ancora a prenderla, per portarla dal veterinario, non posso farle fare una diagnosi corretta e curarla. Tuttavia, mi pare di vedere l’interno del suo orecchio piuttosto nero, molto sporco, e non vorrei fosse proprio rogna.
    Cosa posso fare, specialmente in questo momento in cui, essendo incinta, non vorrei che eventuali farmaci possano far male ai piccoli?
    C’è da dire che, tra i randagi della zona, c’è anche un maschio dominante, che non perde occasione per cercare di accoppiarsi con qualsiasi gatta, lei compresa. Lei è molto spaventata da lui e nervosa, quindi potrebbe essere anche una forma da forte stress, tra abbandono, ambiente diverso e gatto “maniaco”.
    Come posso aiutarla, finché non partorisce o finche non si lascia prendere per andare dal veterinario?
    È davvero poco più di una cucciola ed è meravigliosa… Vorrei potesse avere un po’ di serenità, almeno finché posso restare qui io (poi non lo so… non so neppure dove andare io… spero di trovarle una buona famiglia).
    Non chiedo alle associazioni del territorio, perché l’ho già fatto in passato e le risposte non mi sono piaciute (“non darle da mangiare, se ne andrà “… ed io che davo loro pure aiuti economici, quando potevo…).
    Non tutte le associazioni sono uguali, lo so, ma in questo caso, ormai preferisco fare da sola.
    Tornando a noi, come mi devo comportare con l’alopecia della piccola puerpera?
    Grazie per l’attenzione, attendo fiduciosa una risposta.
    Buona continuazione

    Stefy

    Rispondi
  8. Gaetano Amato
    Gaetano Amato dice:

    Salve sotto casa mia viene un gatto nero ,gli dò da mangiare ,ma ho notato che sta perdendo tutto il pelo sulla parte destra del collo addirittura gli si vede la pelle, cosa posso fare e un gatto malandato e non si fa avvicinare cosa posso fare grazie

    Rispondi
  9. Rosita
    Rosita dice:

    buona sera,il mio gatto ha da un po perdita di pelo e si gratta di continuo fino a farsi sanguinare e poi si formano le croste e spesso vomita.Da quello che abbiamo letto sulla sua pagina sembra o rogna o tigna è possibile sapere che medicine posso dargli e cosa devo fare x curarla grazie

    Rispondi
  10. Titti
    Titti dice:

    Buongiorno dottore, ho una gattina a pelo lungo che da circa due mesi mostra alopecia sulle zampe anteriori e sui fianchi. Sono stata dal veterinario e abbiamo fatto una cura con itrafungol e perle di ribes. Inoltre ho cambiato anche i croccantini zeta 10 diet. La situazione non migliora cosa mi consiglia di fare?
    Grazie

    Rispondi
  11. Viviana
    Viviana dice:

    La mia gatta gioca spesso in giardino. Da un po’ di tempo presenta delle piccole chiazze senza peli un po’ più giù del collo. Ho notato che vi si gratta formandovi delle ferite proprio in quel punto. Secondo voi a quali tra queste cause corrisponde? Vi ringrazio.

    Rispondi
  12. Fiore
    Fiore dice:

    Buongiorno dottore, spero in una sua risposta…
    Il mio gatto,alcuni giorni dopo essere stato sterilizzato, presentava una pallina al di sotto dell’addome. Durante la notte si mordicchiava questa parte del corpo… lo portai dal veterinario e il dottore mi disse che non era nulla di grave.
    Passato del tempo il gatto ha iniziato a perdere il pelo sia sotto la pancia ed ora anche le zampe, sono andata dal veterinario e lui mi ha detto semplicemente di eliminare il pollo dalla sua dieta e di dare periodicam. L’antipulci…Io non mi fido…Non ho la possibilità di andare da un altro dottore perche non ho macchina è non ho lavoro e non posso chiamare taxi…vivendo al sud ci sono pochi mezzi pubblici … vorrei fargli fare delle analisi ma non saprei quale (del sangue , delle urine ecc) vi prego di autarmi

    Rispondi
  13. Rossella
    Rossella dice:

    Buonasera, la mia micia di 9 anni ha problemi di pelo rasati sulla pancia e ora anche ai lati della gola. Un veterinario dermatologo a Roma, zona sud o montesacro? Grazie

    Rispondi
  14. Paolo
    Paolo dice:

    Buongiorno,
    La mia gatta perde il pelo in mano simmetrica nella parte posteriore appena dopo le zampette.
    È sovrappeso ,ha la forfora e s a volte sembra si lecchi con eccessiva foga.Ha 4 anni.
    Grazie

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *