,

Gatto Persiano | Carattere, cure, prezzo e foto

Gatto persiano bianco

Gatto persiano: origini della razza

Il gatto Persiano è frutto della selezione umana, è una creazione dell’uomo.

Il suo progenitore è il gatto Angora Turco, portato in Europa dall’Asia, nel 1926 da Pietro Della Valle.

In seguito questo gatto fu incrociato con un altro esemplare più piccolo e tarchiato, dal pelo lungo, proveniente dall’Iran.

Il gatto persiano fu molto apprezzato inizialmente in Inghilterra, si dice che la regina Vittoria ne possedesse degli esemplari molto pregiati.

La FIFé (Fédération Internationale Féline) suddivide il gatto Persiano in 3 sottotipi: il persiano bicolore con due terzi di colore solido e un terzo di bianco; il persiano arlecchino ha cinque sesti di mantello bianco mentre il colore copre un sesto della superficie; il persiano van con chiazze di colore solo sulla testa e sulla coda.

L’aspetto dei persiani attuali è molto diverso da quello delle origini, la selezione si è affinata e si sono ottenuti gatti più pelosi e massicci.

E’ considerato uno dei gatti di razza più pregiati, per il suo aspetto nobile e particolare, con quel musetto schiacciato e i grandi occhioni sornioni e brillanti. Ma la caratteristica peculiare del gatto persiano è senza dubbio il suo fluente e lungo mantello peloso.

Gatto persiano - Foto Silvia Pamapallona

Gatto persiano – Foto Silvia Pamapallona

Carattere del gatto Persiano

Il gatto persiano è un gatto casalingo, tranquillo, ama la compagnia umana ed è molto dolce ed affettuoso.

E’ un gatto docile, poco incline alle corse o alla vivacità di movimento, ama soprattutto dormire a lungo ed essere accudito, anche se da piccolo anche il persiano si dedica ai giochi e alla scoperta del mondo.

Si adatta a tutti coloro che cercano un amico fedele da coccolare, ma non disturbarlo durante le sue lunghe “sieste”!

Necessita di cure quotidiane, come lo spazzolamento del pelo, la pulizia degli occhi e non potrebbe sopravvivere senza il suo padrone, a cui si affeziona molto.

Tollera bene la presenza di altri animali, non soffre particolarmente la solitudine, ma attenzione che può essere geloso delle attenzioni del proprio umano, o meglio, sentirsi trascurato se si preferiscono altri animali o, ad esempio, se arriva un bebè in casa.

Il persiano, per il suo carattere, ama essere al centro di attenzioni da parte del suo umano e non amerà sentirsi messo in disparte, specie se in precedenza era il protagonista della casa. Ama fare sfoggio del suo splendore, ama essere ammirato ed accudito.

Aspetto e caratteristiche del gatto persiano

Il peso tipico è  tra 3,5 e 7 kg.

Il mantello è lungo e fluente, specie sul collo, dove assomiglia quasi ad una criniera, ed anche sulla coda.

La colorazione del manto del persiano può variare in circa duecento combinazioni di colori: fra le più diffuse, quelle a colori solidi (come il gatto persiano bianco, nero, blu, cioccolato, lilla, rosso e crema), e, per il tipo tortie, tonalità a squama di tartaruga di colore nero o blu-crema, ma anche cioccolato o lilla.

Gatto persiano rosso e bianco

Gatto persiano rosso e bianco

Se hanno la base del pelo uniformemente chiara si chiamano smoke (black smoke, blu smoke, ecc).

In particolare il persiano blu è molto affascinante con quel riflesso leggermente blu sul manto, ma anche il nero ed il totalmente bianco sono molto fascinosi, come d’altra parte tutte le colorazioni che si possono formare in questo lungo e fluente pelo.

Il disegno del mantello del gatto persiano può essere tinta unita, tabby blotched (marmorizzato), tabby tigré (tigrato), tabby spotted (maculato), oppure anche con una mescolanza di bianco e altri colori sia tinta unita che tabby.

Può avere anche i point come il siamese, in tal caso si chiama persiano colourpoint.

Nelle tinte unite non devono comparire disegni, peli chiari o di un’altra tonalità di colore.

I color crema derivano da un incrocio tra Persiani bianchi e rossi; il loro mantello varia dall’avorio al giallo e al fulvio pallido e gli occhi sono arancio o rame. La variante color rosso è molto ricercata perché difficile da ottenere.

Nella varietà di persiano con pelo bianco gli occhi sono blu, arancio o giallo.

Gli occhi del persiano dunque possono essere arancio (il più intenso e brillante possibile), verdi, blu o impari (un occhio blu e uno arancio).

Del Gatto Persiano esiste anche la varietà a pelo corto l’Exotic Shorthair , che appunto ha come caratteristica il pelo corto, ma il musetto dolce e con gli occhioni del gatto persiano. Anche se corto, il suo manto è comunque molto folto e soffice.

La varietà a pelo corto è stata creata negli anni ’60 incrociano il persiano e altre razze a pelo corto come il Burmese e il British Shorthair

Esiste anche la varietà di gatto persiano Chinchilla, che deriva il suo nome dalla colorazione del pelo, tipica appunto del coniglio cinchilla,, cioè con la base bianca e la punta del pelo colorata.

Dall’incrocio di un Persiano e un Siamese è nato anche il gatto Himalayano.

Libri utili sul gatto Persiano

Standard di razza del gatto Persiano

Categoria I: Esotici e Persiani
Codice EMS: PER

Gatto Persiano nero

Gatto Persiano nero con gli occhi arancioni – Foto: Stefano Capellini di We Can Group (www.wecangroup.it)

Associazioni che riconoscono la razza: AACE, ACF, ACFA, CCA, CFA, FIFé, GCCF, LOOF, SACC, TICA, WCF

  • Taglia
    Da media a grande
  • Testa del persiano normotipo
    Forma: Rotonda e massiccia, ben bilanciata, con cranio molto largo
    Sovratesta Rotondo
    Guance: Piene
    Naso: Corto, largo, con uno stop ben definito, ma non camuso.
    Il dorso del naso ed il tartufo devono essere larghi.
    Le narici devono essere ben aperte, per permettere un facile
    e libero passaggio dell’aria.
    Lo stop deve essere situato tra gli occhi, non al di sopra della
    linea superiore degli occhi, né al di sotto di quella inferiore.
    Mento: Forte
    Mandibole: Larghe e possenti
    Espressione: Gradevolmente aperta
  • Orecchie
    Forma: Piccole, con punte arrotondate, con ciuffi di pelo (tuft)
    Piazzamento: Posizionate molto lontane tra loro e piuttosto in basso
  • Occhi
    Forma: Grandi, rotondi ed aperti, distanti fra loro
    Colore: Brillanti ed espressivi. Il colore deve essere puro e in accordo a quanto indicato per la relativa varietà cromatica del mantello.
  • Collo
    Corto e forte
  • Corpo
    Struttura Compatto (cobby), basso sulle zampe, petto largo, spalle e schiena massicci, ben muscoloso
  • Zampe
    Corte, grosse e forti
    Piedi: Grossi e toni, solidi; ciuffi di pelo (tuft) fra le dita sono graditi
  • Coda
    Corta e folta di pelo
  • Mantello
    Lungo e denso, dalla tessitura fine e setosa (non lanosa).
    Un folto collare (‘collaretta’) copre le spalle e il petto

Prezzo di un Gatto Persiano

Il prezzo del gatto Persiano dipende molto dall’allevamento di origine e dalle sue caratteristiche estetiche.

Inoltre possono esistere gatti persiani da esposizione, ed il loro prezzo sarà parecchio elevato, persiani da riproduzione, quindi venduti ancora interi (cosa abbastanza rara dato che gli allevatori si tengono stretti i i loro esemplari migliori da riproduzionie) e gatti persiani da compagnia.

Il costo di questi ultimi può variare dai 700 fino ai 3000€.

gatto Persiano - Foto Flavio Facibeni

gatto Persiano – Foto Flavio Facibeni

Attenzione che il cucciolo di gatto persiano vi sia venduto completo di pedigree, di vaccinazioni e svezzato, possibilmente non proprio cucciolo ma sopra ai 4-5mesi, ma li sta alla serietà dell’allevatore questa scelta.

Tieni presente che se un allevatore pone delle rigide condizioni alla vendita del gattino (ad esempio la sterilizzazione), è per tutelare prima di tutto la salute del piccolo e per tutelare la linea genealogica del gatto.

Il gatto persiano, come tutti i gatti, va poi ottimamente curato ed accudito, vaccinato e controllato nella sua salute.

Video e foto del gatto Persiano

Se vuoi conoscere meglio il gatto Persiano, guarda questo video della Royal Canin:

Qui invece trovi una bella gallery di foto e immagini di gatti persiani:

Gatto persiano - Foto Silvia Pamapallona

Gatto persiano – Foto Silvia Pamapallona

Cure e alimentazione

Il Persiano necessita di cure quotidiane, di curarne l’alimentazione e la toelettatura.

La dieta deve essere varia ma senza eccedere in quantità, il Persiano tende infatti ad ingrassare facilmente.
Ha un palato fine e spesso di gusti delicati.

Ama sia il cibo umido che crocchette, ma anche cibi freschi  carni bianche cotte al vapore. Ama anche le verdure, ma in generale il cibo deve essere tagliuzzato, perché è un gatto poco incline alla masticazione. Non gradisce pane e pasta, il latte è mal digerito quindi meglio evitarlo.

Durante il primo anno di età, per il gatto persiano cucciolo,  sono consigliate polivitamine.

Necessita di toelettatura del pelo, che richiede tempo, tutti i giorni il pelo deve essere passato con una spazzola di crine per evitare i nodi ed evitare che il gatto, leccandosi, ingerisca grandi quantità di pelo e rischi occlusioni intestinali.

Avendo il pelo molto folto, questa operazione è necessaria quotidianamente, perché i nodi poi sono difficili da sciogliere e magari ci tocca ricorrere ad una spiacevole rasatura.

Essendo un gatto vanitoso (ma come tutti i gatti), la rasatura lo sottoporrebbe ad una brutta umiliazione 🙂

Gli occhi lacrimano molto e necessitano di pulizia quotidiana.

Che cosa significa gatto Persiano normotipo e Persiano ipertipico?

Il gatto Persiano normotipo è il gatto accettato nelle esposizioni e che corrisponde allo standard. Ciò significa che ha muso cortissimo e piatto, come pure il naso.

Si conforma cioè allo standard richiesto per essere riconosciuto come Persiano, il naso deve essere in linea con gli occhi.

Il Persiano ipertipico non è accettata alle esposizioni, e la caratteristica è che la linea del naso ha superato quella degli occhi, ed è una malformazione che può causare anche problemi di respirazione e di riniti.

C’è poi un Persiano detto “vecchio tipo”, dove il muso è rimasto lungo ed il naso sporgente, come nelle altre razze.
Alcuni preferiscono il gatto normotipo e altri quello “vecchio tipo”, per cui vengono organizzate esposizioni separate.

Allevamenti di gatti persiani

Nella pagina dedicata agli allevamenti su Miciogatto.it puoi trovare numerosi allevatori di gatti persiani.

In conclusione, se stai pensando di adottare un gatto persiano, tieni presente le cure che devi dedicargli ogni giorno, è un gatto bellissimo, che da tanto, ma anche impegnativo. Scegli il gatto persiano se cerchi un gatto tranquillo e casalingo, ad esempio se vivi in appartamento, perché ha poca necessità di uscire. E buona scelta!

2 commenti
  1. Martina
    Martina dice:

    Avendone avuto uno confermo tutto quello detto sopra, il persiano e’ un gatto molto affascinante ma molto esigente, e’ un gatto a cui ci si deve dedicare in modo esclusivo e con cura quotidiana, sia per il suo pelo delicato da tener pettinato sia per il suo carattere iper sensibile, si attacca molto al padrone che lui.individua e se viene trascurato per qualsiasi.motivo ne soffre e lo.dimostra subito. Non e’ un gatto che va lasciato solo per molto tempo, se curato nel modo giusto ti da un grande amore.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *