Come comunicare con i gatti: ecco come parlare col tuo micio

,
come comunicare con i gatti parlare al gatto

Alzi la mano chi parla con il proprio gatto. Io sono certamente tra queste persone, visto che cerco di intrattenere lunghe e simpatiche conversazioni con la mia gatta Lady. Mi capisce? a volte mi sembra di sì, ma chi lo può sapere. Come comunicare con i gatti è una questione affascinante e che può dare ottimi risultati, perché in effetti sono animali che sanno interpretare il tono della voce e la postura del corpo, sono molto intelligenti e rispondono al proprio nome e a numerosi altri “comandi” che insegniamo loro.

I gatti sono animali per lo più non verbali, ma la maggior parte degli umani che vivono con gatti sanno benissimo che alcuni gatti sono molto “chiacchieroni” e tutti parlano al proprio gatto. Possiamo imparare a capire anche noi il linguaggio del corpo del nostro gatto e interpretare i loro miagolii e creare con loro una sorta di dialogo.

Un gatto capisce le parole?

I gatti possono essere condizionati a rispondere a determinate parole e toni di voce proprio allo stesso modo dei cani. Anche i gatti possono essere addestrati e se iniziamo a parlare col nostro gatto vedremo che lui imparerà a risponderci. Possiamo imparare molto su ciò che un gatto sta cercando di comunicare dal suo linguaggio del corpo e possiamo imparare molto anche osservando in che modo interagisce con altri gatti. Il linguaggio del corpo è un fattore chiave per comprendere il tuo gatto, dal quale puoi capire il suo umore e cosa può significare il suo miagolio del modo in cui è posizionato o agisce.

I gatti usano molto raramente miagolii per comunicare con altri gatti, a parte i guairi di dolore o altri miagolii che possiamo sentire durante i combattimenti. Un gatto miagola principalmente con gli umani, perché ha imparato che noi comunichiamo così. Significa che i miagolii di un gatto in casa sono diretti proprio a te.

Alcuni gatti sono più chiacchieroni di altri, altri sviluppano la comunicazione verbale prima o meglio di altri gatti, però tutti i gatti comunicano molto con il linguaggio del corpo. Ogni posizione o movimento di un gatto può tradire i suoi sentimenti e aiutarti a interpretare i suoi miagolii. I gatti hanno la capacità di trasmettere il loro stato d’animo anche con un breve movimento della coda.
Leggi anche: Il linguaggio della coda dei gatti

I gatti possono capire alcune parole. Un gatto medio può imparare tra le 20 e le 40 parole incluso il proprio nome. I gatti associano le parole a vocalizzi, tono di voce e linguaggio del corpo e anche le parole all’alimentazione, alle carezze, al gioco, ai premi e altro ancora. I gatti non capiscono nessuna parola in particolare meglio di altri, sono come bambini piccoli e capiscono meglio parole brevi e quelle usate più di frequente.

Probabilmente il gatto capisce parole come “amore”, “bravo” e possono interpretarle come lodi osservando il tuo linguaggio del corpo e capendo che mentre pronunci quelle parole sei felice e affettuosi. E’ molto probabile che capiscano parole legate al loro cibo, come “pappe”, “tonno”, perché sono parole che pronunciamo sempre mentre gli diamo da mangiare.
Ma il gatto capisce anche cose come “vieni”, quando lo chiami e lo lodi perché ti ha raggiunto, e capisce anche la parola “no” che usi per scoraggiarlo a fare qualcosa, soprattutto se espressa in tono forte.

I gatti capiscono il loro nome?

Questa è una domanda comune oltre che importante ed è probabile che il tuo gatto conosca il suo nome, ma potrebbe non sapere cosa significa il loro nome.

Il tuo gatto potrebbe sapere che usi il suo nome per parlare con lui o per attirare la sua attenzione. Ma gli esperti di gatti non sono sicuri se lo riconoscono come un nome univoco per loro o se il tuo gatto pensa che il loro nome significhi qualcosa come “Attenzione!”. Ci sono anche alcune teorie secondo cui i gatti potrebbero associare il loro nome alle coccole e alle carezze, procurarsi del cibo o altre piacevoli interazioni che spesso richiedono il loro nome.

Parte del motivo per cui non è chiaro quanto i gatti capiscano il loro nome è che quando i gatti vengono allevati insieme o vivono insieme, raramente distinguono tra i nomi degli altri. Quando chiami il nome di un gatto, è probabile che attiri l’attenzione di tutti, ad esempio.

Comunicare con il gatto attraverso dei comandi

Un’altra cosa che non è chiara della comunicazione con i gatti è come loro interagiscono con le tue verbalizzazioni. Alcuni gatti iniziano subito a capire i comandi, ad esempio razze feline come i gatti del Bengala. Altri possono sembrare che ignorano i tuoi comandi e imparare a fatica ad interagire. Leggi anche: E’ possibile addestrare un gatto?
E’ anche possibile che il tuo gatto capisca benissimo i comandi, ma sia poco motivato ad ascoltare. I gatti fanno qualcosa solamente se è nel loro interesse, come giusto che sia. Non si fanno abbindolare e non sprecano energie per compiere comandi se non hanno un reale ritorno vantaggioso, che può essere anche in termini di coccole, se un gatto le gradisce.

La teoria più comune sulle origini dei gatti domestici è che si sono resi conto che vivere a stretto contatto con gli esseri umani era vantaggioso. Nei tempi antichi, comunità di persone avrebbero creato habitat attraenti per roditori e altri piccoli mammiferi. Ciò significava molto cibo per i gatti. Nel corso del tempo, i gatti hanno sviluppato tratti che li hanno resi più accettabili e utili per le persone, tra cui miagolare e imparare a essere meno scontrosi con le persone, e per questo ora li adottiamo come animali domestici. I cani invece sono stati addomesticati per svolgere compiti specifici e per questo sono stati abituati a capire i comandi e ad eseguire ordini.

I gatti capiscono le nostre parole perché questo gli rende la vita più facile, quindi collegare un vocalizzo a una azione li aiuta ad ottenere quello che vogliono.

Un gatto capisce i nostri tentativi di miagolio?

È probabile che quasi tutti gli amanti dei gatti si siano ritrovati a miagolare ai loro gatti. Ma i tuoi gatti capiscono i miagolii umani? Beh, probabilmente no. Cioè, probabilmente non stai dicendo nulla che abbia un significato chiaro per il tuo gatto. Inoltre, il tuo miagolio probabilmente non è così convincente per loro come lo è per te.

Per un gatto ascoltare i tuoi miagolii è come per noi ascoltare qualcuno che non conosce l’italiano e prova a parlare nella nostro lingua senza conoscere nessuna parola in italiano. Sono dei suoni senza alcun significato

Quello che probabilmente il tuo gatto capisce è che stai interagendo con lui e prestando attenzione a lui. Ma, a seconda del tuo gatto e del miagolio che stai cercando di imitare, potresti anche confonderlo o irritarlo. È bene prestare molta attenzione al tuo gatto se scegli di miagolare verso lui. Se sembra tranquillo o riconoscente, non c’è problema nel continuare a miagolare, soprattutto se miagola di rimando. Ma se il tuo gatto sembra irritato, ansioso o preoccupato, dovresti probabilmente evitare di miagolare ancora.

Al gatto piace quando parli con lui?

Non c’è una chiara risposta a questa domanda. Sicuramente parlare con il gatto fa bene a noi umani, perché noi esternando a parole ci liberiamo, interagiamo. Ad alcuni gatti piace comunicare con vocalizzi, ad altri meno. Puoi aiutare il tuo gatto a gradire questo tipo di interazione parlandogli mentre gli fai le coccole o mentre gli dai da mangiare, osservando il suo linguaggio del corpo. Se le sue orecchie sono rivolte verso di te mentre gli parli, significa che sta gradendo l’interazione, specialmente se socchiude gli occhi tranquillamente.
Se fa le fusa, si gira con la pancia verso di te e vedi che vuole interagire puoi provare a parlargli, a pronunciare il suo nome e vedere se rimane tranquillo.

E’ probabile che se parli al tuo gatto questi si senta più partecipe e più coinvolto anche quando sei in casa. Se hai poco tempo per giocare con lui, almeno un contatto verbale potrebbe essere una consolazione e potrebbe ricercarlo con i miagolii verso di te.

E tu raccontami, parli con il tuo gatto? Riesci a comunicare con i gatti? Come è la tua interazione con loro, più verbale o più con il linguaggio del corpo? Raccontamelo nei commenti.

Articoli correlati

Il corso definitivo sull'alimentazione del gatto

Corso alimentazione gatto

Scopri ora >>

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.