Il gatto sulla neve: ai gatti piace?

gatto sulla neve

Ricordo il mio gatto Oscar, che ora non c’è più, alla sua prima nevicata: è uscito in terrazza e tentava di mangiare i fiocchi di neve che cadevano. Non aveva timore a camminare sulla neve fresca e sembrava divertirsi come un matto, anzi come se fosse un cane! Ma lui è sempre stato un gatto particolare: quando davo da bere alle piante in terrazza, miagolava e mi seguiva finché non annaffiavo di acqua pure lui, allora era felice.
Ma di solito come il rapporto gatto e neve? Ai gatti piace la neve ed uscire quando nevica? Ai vostri gatti piace?

Di solito i gatti non amano particolarmente la neve e il freddo, sono animali di origine desertica e in genere amano un clima caldo e secco, senza cosa umide e appiccicose che si attaccano alle zampe e al pelo. Ma i gatti sono tanti e ognuno ha i suoi gusti e noi li amiamo proprio perché ognuno è diverso dall’altro.

Alcune razze feline negli anni hanno sviluppato una folta pelliccia che consente loro di muoversi tranquillamente anche nei climi più freddi, è questo il caso del Norvegese delle Foreste o dei gatti Siberiani.

Sei hai un gatto, potrebbe essere attratto e incuriosito dalla neve come un bimbo che vede una sorpresa meravigliosa, potrebbe giocarci e divertirsi con i fiocchi di neve. Puoi accompagnare in questo divertimento il tuo gatto ponendo attenzione a qualche accortezza per la sua salute.

I gatti possono subire lesioni, malattie o persino la morte quando le temperature scendono sotto lo zero. Gattini, gatti anziani e gatti con malattie croniche sono particolarmente vulnerabili all’ipotermia.

Non lasciare mai un gatto da solo in macchina in una giornata fredda. L’ipotermia è mortale come un colpo di calore.
I gatti randagi o i gatti domestici che vivono anche all’aperto spesso si riparano sotto i cofani delle auto per riscaldarsi durante uno periodo freddo, specie se sono piccoli e non sanno dove andare. Ho sentito più di una volta di gattini rimasti intrappolati dentro al motore di un’auto e umani lavorare per ore per tirarli fuori. Per evitare un terribile incidente, batti il ​​cofano prima di avviare la tua auto, in modo che se c’è un gattino nascosto nel motore, esso miagoli così da poterlo salvare.
E’ consigliato anche provare a dare un paio di calci alle gomme per far sì che un gatto esca.
Non sempre il gatto riesce ad uscire da solo, e se ignora i tuoi richiami puoi provare ad offrirgli del cibo profumato in prossimità dell’auto e allontanarti un po’. Ci vorrà molta pazienza se si tratta di un gattino randagio.
Se riesci a raggiungere il gatto con le mani, utilizza dei guanti per prenderlo perché il gatto non sarà sicuramente collaborativo e potresti ritrovarti con serie ferite da unghie e denti del malcapitato.

Fai attenzione in inverno anche ai posti come garage e capanni lasciati aperti dove un gatto potrebbe rifugiarsi in cerca di calore e poi non riuscire più ad uscire. Controlla sempre il garage prima di chiuderlo la sera, non sai quante volte ho chiuso dentro la gatta della mia vicina in garage e ce ne siamo accorti la mattina dopo!

Se porti il ​​tuo gatto a fare un giro sulla neve, assicurati di pulirgli il pelo e le zampe quando torna in casa. Graniglia, cristalli di ghiaccio e goccioline d’acqua possono aggrapparsi alla loro pelliccia. Anche i gatti possono prendere il raffreddore!

Se non hai una gattaiola, è meglio permettere al tuo gatto di uscire solo quando sei a casa per farlo rientrare quando lo trovi ragionevole.

Se il tuo gatto non vuole proprio uscire (ci possono essere gatti che hanno proprio paura della neve) e normalmente va a fare i suoi bisogni all’esterno, fornisci una lettiera interna in un angolo privato per ridurre il numero di volte in cui ha bisogno di avventurarsi fuori. Non dimenticare di cambiare la lettiera ogni giorno e di pulirla con un disinfettante adatto ai gatti almeno una volta alla settimana.

Le forti nevicate possono comportare una visibilità ridotta e una minore aderenza sulle strade ghiacciate per i conducenti, mettendo a rischio i gatti avventurosi. Cerca di incoraggiare il tuo gatto a non avventurarsi in tempo nevoso e tienilo al chiuso durante la notte quando le temperature possono scendere drasticamente. Per farli divertire, assicurati che abbiano un sacco di giocattoli e un tiragraffi e interagisci con loro regolarmente: questo dovrebbe renderli felici.

Proteggere le zampe del gatto dalla neve

Il gelo e la neve possono devastare le delicate zampe del tuo gatto.

Il salgemma viene spesso utilizzato in combinazione con sabbia o ghiaia per smerigliare strade e marciapiedi ghiacciati, ma può danneggiare i cuscinetti delle zampe. Il contatto prolungato a volte può causare ustioni chimiche, secchezza e screpolature dolorose. Non solo, ma il salgemma è anche tossico per gli animali domestici se ingerito, quindi lava sempre loro le zampe non appena tornano a casa per evitare che si lecchino da soli.

A POSTO CON LO SHOPPING PER IL TUO GATTO?


Se le zampe del tuo gatto sembrano screpolate e doloranti, applica una piccola quantità di balsamo per zampe adatto ai gatti può aiutare ad alleviare il dolore, favorire la guarigione e proteggere dalla sabbia.

Le razze a pelo lungo hanno spesso pelo in eccesso intorno alle zampe e alla pancia che può ostruirsi con palline di ghiaccio duro, causando dolore e disagio al tuo gatto. Ricordati di controllare regolarmente le zampe, le gambe e la pancia del gatto per prevenire l’accumulo.

Ipotermia nel gatto

L’ipotermia può verificarsi quando il calore corporeo di un gatto scende a livelli estremamente bassi, di solito dopo essere stato esposto a temperature di congelamento o a causa della pelliccia bagnata in tempo freddo e ventoso.

I sintomi includono brividi (anche se questo smette improvvisamente quando la loro temperatura raggiunge livelli pericolosamente bassi), muso e gengive pallide, poca energia e perdita di coordinazione. L’ipotermia è un’emergenza, quindi se noti uno di questi sintomi, contatta immediatamente il veterinario.

Per prevenire l’ipotermia, assicurati che il tuo animale domestico abbia un posto caldo e asciutto dove andare dopo che è uscito di casa. Se fa particolarmente freddo, potresti anche voler limitare il tempo trascorso all’aperto. Fornire una lettiera interna significa anche che non hanno bisogno di “andare” all’esterno a temperature gelide.

Il congelamento può verificarsi a temperature molto basse; il gelo può congelare le loro estremità (la punta delle orecchie, la coda e le dita dei piedi). Sebbene di solito non sia pericoloso per la vita, può portare a ipotermia che può essere fatale.

La pelle può diventare molto pallida con una tonalità bianco-bluastra, a causa della mancanza di flusso sanguigno, e può persino formarsi del ghiaccio intorno all’area. Per evitare che progredisca e metta a rischio il tessuto locale, applica un asciugamano caldo sulla zona interessata. Non utilizzare mai un asciugacapelli o un termosifone per riscaldarli direttamente; questo può causare ustioni e vesciche. Invece, usa acqua tiepida per riscaldare gradualmente l’area e parla con il tuo veterinario per verificare che non siano necessari ulteriori trattamenti.

Rischio antigelo per i gatti

Contenente la tossina glicole etilenico, l’antigelo può avere un effetto devastante sui gatti quando ingerito. I radiatori delle auto che perdono possono lasciare pozzanghere di antigelo dal sapore dolce sui vialetti e solo un cucchiaio può essere fatale per i gatti. Le fontane pubbliche e i giochi d’acqua contengono anche quelle antigelo per evitare che si congelino.

Purtroppo, l’avvelenamento da antigelo è spesso fatale, ma prima il tuo gatto riceve un trattamento, maggiori sono le sue possibilità di sopravvivenza. I primi segni di avvelenamento da antigelo includono barcollamento, sete eccessiva e vomito; questi sono presto seguiti da perdita di appetito, diarrea, convulsioni e, infine, insufficienza renale. Se noti uno di questi segni nel tuo gatto, portalo immediatamente dal veterinario.

Cerca di evitare l’uso di antigelo, ma se necessario, cerca il tipo che contiene glicole propilenico che è molto più sicuro per gli animali domestici. Tenere i contenitori ben chiusi e pulire sempre le perdite e gli sversamenti il ​​prima possibile.

Conclusioni

Dopo averti spaventato con tutte queste pericolose avversità, lascia che il tuo gatto si goda la nevicata in tutta sicurezza con te vicino, magari in terrazza.
Raccontami la tua esperienza del tuo gatto sulla vece, gli piace? Ne ha paura? Il tuo gatto vuole uscire quando nevica o si rintana in casa vicino al termosifone? Scrivimi qui sotto nei commenti!

Leggi anche


Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *