Malattie degli occhi del gatto: sintomi e cure

In questo articolo andiamo a fare una panoramica sulle malattie degli occhi del gatto. 

Si tratta di un argomento molto importante, che deve essere conosciuto e, soprattutto, riconosciuto dal proprietario che deve andare quanto prima dal veterinario, se si verifica: infatti l’occhio è una delle parti più importanti ma, soprattutto, più delicate, del gatto, come del resto succede anche per l’uomo.

La differenza è che il gatto, quando gli fanno male gli occhi, non ce lo dice.

Le malattie degli occhi del gatto

Le malattie degli occhi del gatto possono essere varie, e vanno dalle malattie primarie dell’occhio (che colpiscono direttamente l’occhio del gatto) a quelle secondarie, cioè che hanno come conseguenza una malattia agli occhi del gatto, ma il problema è un altro (FIV, diabete ed altre malattie diverse).

I sintomi di un problema agli occhi, nei gatti, sono da una parte l’occhio gonfio del gatto, l’occhio che lacrima, che è rosso, e che indica generalmente infiammazione; la situazione più grave è quando compare una macchia sull’occhio, che indica un ulcera.

Dall’altro lato, se non ci sono questi sintomi ma l’occhio del gatto è opaco, velato, di colore biancastro, significa che il problema non è infiammatorio ma dipende da un’altra parte del corpo: cerchiamo quindi di fare chiarezza sulle differenze e su come comportarsi.

Congiuntivite del gatto: sintomi e cura

La congiuntivite del gatto, o congiuntivite felina, è l’infiammazione della congiuntiva, cioè il rivestimento delle superficiale dell’occhio.

E’ in pratica uno strato mucoso, che abbiamo anche noi, che fa da protezione sia per la cornea, la parte trasparente attraverso la quale si vede, sia per le palpebre, che la toccano spesso.

Nell’uomo copre anche la sclera (il bianco dell’occhio) ma nel gatto la sclera non è visibile.

Spesso le cause di una congiuntivite felina sono un semplice colpo d’aria, o una rinotracheite, o una ferita all’occhio.

Vedi anche: Gatto con congiuntivite: sintomi, cause e rimedi

I sintomi della congiuntivite felina

  • occhi del gatto arrossati
  • il gatto si sfrega gli occhi con la zampa: prurito e fastidio
  • lacrimazione continua
  • occhi del gatto gonfi
  • muco nell’occhio del gatto

I sintomi della congiuntivite del gatto sono essenzialmente gli occhi un po’ arrossati e il continuo toccarli con le zampe da parte sua; il proprietario nota però la lacrimazione continua, che spesso lascia un solco rossastro tra naso e guancia.

La congiuntivite dei gattini è uguale alla congiuntivite del gatto adulto, dal punto di vista dei segni, ma ha decorso più rapido perché le difese immunitarie del gattino sono minori.

Sintomi di congiuntivite felina

La congiuntivite del gatto non è troppo evidente, a volte.

Cura e terapia della congiuntivite del gatto

Con la congiuntivite, nella congiuntiva del gatto si replicano batteri e virus, che danno luogo ad infiammazione e, nei casi più gravi, all’infezione.

E qui bisogna rivolgersi al veterinario: il problema è infatti causato da un batterio come la Chlamydia (approfondisci sotto), o da un virus?

Il proprietario non ha modo di rispondere, mentre il veterinario si e, soprattutto, può prescrivere uno dei due farmaci necessari: o gli antibiotici, oppure i farmaci antivirali, a seconda delle situazioni.

Da notare che nella congiuntivite del gatto il collirio è la formula principale di somministrazione del farmaco, ma con “collirio” non si intende un medicinale a sé: è solo il modo di darlo (sull’occhio) che cambia.

A fianco di queste terapie, si possono usare nella congiuntivite del gatto anche rimedi naturali che hanno lo scopo di ridurre l’infiammazione, aiutando gli altri farmaci.

Gli impacchi di acqua e camomilla (antinfiammatorio naturale) funzionano sul gatto proprio come sull’uomo; in alternativa si possono usare soluzioni omeopatiche, o antinfiammatori proposti dal veterinario che, comunque, aiutano pur senza risolvere il problema primario.

Vedi anche: Cura e pulizia degli occhi del gatto

La congiuntivite del gatto è contagiosa verso gli altri gatti, perché si strusciano tra loro, è poco contagiosa verso i cani e pochissimo per l’uomo, sempre che non andiamo a mettere i nostri occhi a contatto con quelli del gatto, ma il problema in quel caso siamo noi…

Clamidia nel gatto: sintomi e cura

La clamidia del gatto è una malattia infettiva che colpisce l’occhio e che si diffonde in particolare nelle colonie feline, quando ci sono molti gatti e in particolar modo colpisce i gattini.

E’ particolarmente frequente nei gattini, ed è causata da un batterio (non da un virus, come ho visto scritto sull’internet… :/ ) chiamato Clamydia felis che prolifera nella congiuntiva.

Quindi, di fatto, è una congiuntivite, anche se non contagia l’uomo, e per la clamidia del gatto i sintomi sono quelli della “normale” congiuntivite, almeno nella prima fase.

La terapia della clamidia del gatto è antibiotica, e la cura segue l’applicazione del collirio per evitare che il batterio si possa diffondere anche ad altre parti del corpo, come le cavità nasali, e la situazione peggiori.

Esiste anche un vaccino per la clamidiosi del gatto, che non è granché protettivo ma è consigliato se dobbiamo portare il gatto a fiere o a esposizioni.

Ulcera corneale e cheratite del gatto

Gatto con ulcera corneale

Gatto con ulcera corneale

Quando la congiuntivite non viene curata, può sfociare in una delle situazioni in assoluto più dolorose come la cheratite del gatto, che è l’infiammazione della cornea (sotto la congiuntiva) o addirittura l’ulcera corneale, in pratica i batteri scavano nella cornea stessa.

Si vede come una macchia tonda, sanguinante, sull’occhio, ed è dolorosissima.

La cura per l’ulcera corneale è generalmente medica, con farmaci specifici, ma poiché c’è il rischio di perdere l’occhio, può anche essere di tipo chirurgico: per questo motivo se il nostro gatto ce l’ha, va portato in un centro veterinario il prima possibile.

Glaucoma del gatto

Un gatto con il glaucoma

Un gatto con il glaucoma

Il glaucoma del gatto è una malattia che si manifesta come un colore meno intenso dell’occhio, di solito tendente al celeste.

Non è una malattia dell’occhio, almeno come causa principale, ma dipende dal fatto che i liquidi si raccolgono nell’occhio. 

La causa principale del glaucoma del gatto è il diabete, e i sintomi sono essenzialmente solo la decolorazione; con il diabete, il gatto non riesce a eliminare il liquido in più all’interno dell’occhio e la conseguenza più grave è che possa diventare cieco. 

Si cura con le terapie per il diabete, quindi essenzialmente con l’insulina per tutta la vita.

Cataratta nel gatto

La cataratta del gatto è un’opacizzazione della “lente di ingrandimento” naturale che si trova nell’occhio, il cristallino. 

E’ tipica del gatto anziano, e, a seconda dei casi, può richiedere una terapia medica (se la causa è il glaucoma, quindi il diabete, che ha come conseguenza la cataratta), oppure chirurgica, se le cause sono altre (trauma all’occhio, anzianità).

L’operazione per la cataratta del gatto va in pratica a sostituire il cristallino naturale con uno artificiale, ed è risolutiva, anche se è molto costosa.

Uveite nel gatto

L’uveite, infine, è l’infiammazione dell’uvea, che comprende tutte le superfici interne dell’occhio compresa l’iride, quella che nel gatto è verde-gialla o azzurra (in noi azzurra, verde, marrone… il colore degli occhi, insomma).

Quando l’uvea è infiammata, quindi c’è uveite, le cause sono di solito malattie invettive sistemiche come FIV e FeLV e non si possono curare per via chirurgica.

Di solito si usano gli antinfiammatori sistemici (non il collirio, quindi), per la terapia dell’uveite del gatto sono necessari farmaci per curare la malattia primaria che la causa.

La cura per l’uveite non è detto ci sia (come non c’è una cura per la FIV/FeLV), per cui si cerca di mettere il gatto nella situazione migliore per vivere in serenità.

L’uveite del gatto di per sé non è contagiosa, ma possono esserlo le malattie che la causano.

Conclusioni

Abbiamo visto le principali malattie degli occhi del gatto, come si manifestano e quale è la cura, raccomandando sempre di portare il gatto dal veterinario appena vediamo problemi agli occhi.

Oltre a queste malattie, il gatto può ferirsi accidentalmente o possono avvenire anche punture di insetto che possono manifestarsi con gonfiore, arrossamento e lacrimazione dell’occhio del gatto.

Se trascurati, questi sintomi potrebbero causare problemi più gravi, per cui è importante la visita dal veterinario.

Se hai domande o commenti sulle malattie agli occhi del gatto, scrivile nei commenti e saremo lieti di rispondere!

Malattie degli occhi del gatto: sintomi e cure
4.5 (90%) 6 vote[s]

15 commenti
  1. Isa
    Isa dice:

    La mia gatta 13 anni ha subito una piccola perforazione dell’occhio…fortunatamente ci vede..la veterinaria mi ha dato il pensulvit come cicatrizzante…oggi ha fatto la visita….ma ha dolore e non si fa toccare graffia e ringhiaallora vi chiedo….come posso fare per mettere la pomatina???aiutatemi vi prego…spero mi risponda un veterinario.grazie

    Rispondi
    • Dott. Valerio Guiggi
      Dott. Valerio Guiggi dice:

      Ciao Isa,
      Io sono un veterinario, ma purtroppo non poso darti una risposta ben precisa perché bisognerebbe vedere la situazione precisa dell’occhio, l’unico che può aiutarti è un veterinario reale, che ti faccia vedere come si fa.
      Il consiglio generico che posso darti è questo: fai uscire la pomata dal tubetto così che ce ne sia una striscia fuori ma sempre attaccata al tubetto (che non cada, insomma). Poi la avvicini all’occhio e, senza toccare con le dita il viso del gatto, cerca di farla arrivare sull’occhio dove, per una questione meccanica, si staccherà dal tubetto. A quel punto la gatta chiaramente chiuderà l’occhio, soffierà, tenterà anche di graffiarti ma ormai avrai fatto, la pomata è stata messa.
      Questa è un’indicazione generica che posso darti, ma purtroppo per informazioni più precise ci vuole un vet che ti faccia vedere come si fa, in base a come è messo l’occhio.

      Rispondi
  2. elisa
    elisa dice:

    buongiorno , il mio gattino ha 7 mesi, dopo averlo fatto castrare è stata riscontrata un’anemia. Ho seguito la cura a base di antibiotico e cortisone per 4 giorni, ora non si è ancora ripreso del tutto ma ho notato che presenta gli occhi velati e un occhio e un poco più gonfio. Questo può essere dato dagli antibiotici?

    Rispondi
    • Carlo
      Carlo dice:

      Il cortisone potrebbe aver abbassato le difese immunitarie locali soprattutto se il micio ha l’hetpes e quindi essersi sviluppata una congiuntivite o una cheratite. Ovviamente vai da un veterinario (se specializzato in oftalmologia meglio). Probabilmente 15 gg di cortisonici o antibiotico abbinato a Virgan risolvono

      Rispondi
  3. Gina
    Gina dice:

    Il mio gatto ha 7 mesi ed all’improvviso aveva una pupilla grande e una piccola.. ora non apre l’occhio e se lo apre a metà e con fatica mi devo preoccupare molto?????

    Rispondi
  4. barbara
    barbara dice:

    la mia gatta, quasi 20 anni, ha sofferto anche recentemente di acne felina che si sviluppa sempre sul mento. A questo doloroso inconveniente che dopo un po’ comunque regredisce, si è aggiunto un altro intorno agli occhi. Sembrano piccole crosticine che le si formano e che se grattate espellono sangue. Inoltre è sopraggiunta una congiuntivite che ho bloccato con il Tobradex. Ma l’occhio lacrima ancora e intorno il pelo si è diradato. Simile alla foto del gattino bianco qui sopra. Domani la porterò da vet che mi aveva inizialmente consigliata di fare lavaggi e impacchi con la camomilla, che continuo a fare soprattutto per eliminare le crosticine che si formano. La gatta di notte è molto stressata e piange continuamente per poi calmarsi al giorno quando mi alzo. E’ vero che ormai è molto che lo fa, ma alcune volte con maggiore insistenza. Le do da mangiare, ma sembra che non le basti mai soprattutto di notte. Lo scorso anno è stata operata proprio sotto a uno degli occhi di una cisti benigna piena di acqua, che era cresciuta nel giro di 6 mesi fino ad arrivare a 5/6 mm. Potrebbe avere una connessione questa patologia con la presente? Grazie della risposta

    Rispondi
  5. Rusu Ioana
    Rusu Ioana dice:

    Buon giorno, mi chiamo Ioana, il mio gatto ha 10 anni vive piu fuori che in casa, noi abbitiamo in montagna, e da qualche giorno una pellicola bianca, quando socchiude gli occhi, parte dal interno verso il centro del’occhio ma al momento non copre la pupilla. Mi devo preocupare? Grazie della risposta

    Rispondi
  6. franca
    franca dice:

    Dottore vorrei sapere cosa posso fare per il mio gattino di 3 mesi, ha un’occhio molto più grande dell’altro, inizialmente era molto opalescente, adesso meno perche ho messo 1 goccia al giorno di TobraDex sono passati 15 giorni un giorno non lo messo pensavo che avesse bisogno di altro medicinale e purtroppo in 1 giorno e mezzo ha peggiorato e diventato dinuovo opalescente e quindi ho rimesso la goccia di TobraDex. Penso però che abbia bisogno di altro visto che dentro l’occhio si vede del liquido trasparente e l’occhio è ancora gonfio (grande) cosa posso fare non posso spendere per il veterinario. Anticipatamente ringrazio.

    Rispondi
  7. Vittoria
    Vittoria dice:

    Buongiorno, dopo 25 gg che il mio gatto mancava da casa ieri sera è stato ritrovato da un ragazzo, è un gatto bianco con occhi verdi azzurri. Sicuramente è stato chiuso x sbaglio da qualche parte, probabilmente non ha mangiato molto e non ho idea di quanto abbia bevuto e cosa abbia bevuto. Pesava 6 kg ora ne pesa 3. Ma quello che mi spaventa è che i suoi occhi sono gialli…e non ditemi che non è lui, perché lo è…. Potrebbe avere problemi ai reni o al fegato che danno questo problema agli occhi? Stamattina il colore era già cambiato, giallo verde, ma sono preoccupata….

    Rispondi
  8. Giovanna
    Giovanna dice:

    Sto curando la mia gatta di 6 anni ad un occhio l oculista che la sta curando ha detto con appositi esami che si tratta di herpes nigrum….mi ha dato una lunga terapia per il momento 21 giorni con mezza compressa di ronaxan, antibiotico colbiocin 1 goccia per 4 volte al giorno 1 goccia di siero ricavato dal suo sangue nell occhio ammalato, virgan ed epitaloe in tutti e due gli occhi sempre un po di gel e1 goccia.sono al 13 giorno ,ma non mi sembra molto migliorata scusate se mi sono dilungata molto,ma ho voluto descrivere correttamente la cura secondo il vostro parere va bene?

    Rispondi
  9. giusi
    giusi dice:

    Buongiorno… io mi trovo di fronte ad un dilemma… a luglio ho recuperato un gattino… che adesso è un bel gattone… ma quando l’ho preso con me aveva già perso un occhio a causa dell’herpes virus… ad ogni modo lui sta bene… ma per varie cose ho consultato due veterinari… uno mi dice che sarebbe opportuno asportare l’occhio ormai non più funzionante… l’altro che sarebbe meglio non toccarlo affatto… io ho paura e non so che fare… per favore datemi un parere… grazie anticipatamente

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *