uveite gatto contagiosa sintomi cura terapia

L’uveite è una malattia oculare comune e dolorosa nei gatti che può portare alla cecità. L’uveite nel gatto si verifica spesso come secondaria a un disturbo oculare o sistemico acquisito; tuttavia, in molti casi la causa sottostante non viene identificata nonostante numerosi test diagnostici. In quanto tale, rappresenta una grande sfida per i professionisti rispetto alla diagnosi e al trattamento. In questo articolo, esaminiamo la fisiopatologia, la presentazione clinica, le cause e il trattamento dell’uveite nel gatto.

Cos’è l’uvea del gatto

L’uvea, o tunica vascolare dell’occhio, è composta dall’iride e dal corpo ciliare anteriormente e dalla coroide posteriormente. L’iride divide il compartimento oculare anteriore in camera anteriore e posteriore e controlla la quantità di luce che entra nel segmento posteriore attraverso la pupilla. Il corpo ciliare fornisce nutrimento e rimuove i rifiuti dalla cornea e dal cristallino attraverso la produzione di umore acqueo. La coroide è la principale fonte di sangue e nutrimento per gli strati esterni della retina immediatamente adiacente.

uveite gatto

Cos’è l’uveite del gatto

L’uveite nel gatto è definita come qualsiasi condizione che coinvolge l’infiammazione del tratto uveale.

Anatomicamente, l’uveite è classificata come anteriore se l’iride e il corpo ciliare sono infiammati (iridociclite). L’infiammazione della coroide è chiamata uveite posteriore o coroidite. È necessario un esame dell’occhio completo per determinare quali parti del tratto uveale sono coinvolte. Inoltre, l’uveite può essere correlata a un disturbo oculare sottostante o secondaria a un processo patologico sistemico. I disturbi oculari sono tipicamente unilaterali e facilmente identificabili all’esame oftalmico completo. Le cause sistemiche di uveite spesso provocano il coinvolgimento oculare bilaterale.

Sintomi di uveite nel gatto

L’uveite del gatto è una condizione dolorosa e alcuni gatti affetti da uveite avranno l’occhio dolorante mentre altri eviteranno qualsiasi contatto. Un gatto con uveite può tenere chiuso l’occhio colpito o può strizzare gli occhi (blefarospasmo) o battere le palpebre spasmodicamente. La maggior parte dei gatti eviterà le luci intense (fotofobia).
Nella maggior parte dei casi, le parti visibili dell’occhio saranno intensamente rosse, inclusa la sclera (la parte bianca dell’occhio) e la congiuntiva, e il tuo gatto potrebbe avere difficoltà a vedere. Di solito c’è una chiara secrezione acquosa dall’occhio, ma in alcuni casi può esserci muco o pus.

Se l’uvea anteriore è coinvolta nell’infiammazione, l’occhio può apparire torbido; questo può essere dovuto alla fuoriuscita di liquido nella cornea o ad un accumulo di proteine ​​o cellule nella camera anteriore dell’occhio. A volte può esserci sanguinamento o pus nella camera anteriore dell’occhio. Con l’uveite posteriore, c’è il rischio di distacco della retina.

L’uveite può verificarsi all’improvviso (uveite acuta) o può svilupparsi più lentamente (uveite cronica). Con l’uveite acuta, la pupilla è solitamente ristretta. Con l’uveite cronica, la pupilla può essere ristretta o normale, l’iride può cambiare colore (il cambiamento di colore può essere permanente), la cataratta può svilupparsi sull’occhio affetto o il cristallino dell’occhio affetto può essere lussato o lussato.

uveite gatto

Come avviene la diagnosi

Molti dei segni dell’uveite sono simili al glaucoma. La principale differenza tra queste due condizioni è che con l’uveite, la pressione intraoculare (IOP) è ridotta (bassa) mentre con il glaucoma è elevata (alta). La misurazione della PIO viene spesso eseguita per differenziare tra le due condizioni ed è una procedura semplice e indolore. È necessario eseguire un esame fisico completo e approfondito del gatto poiché l’uveite è un sintomo di molte malattie generalizzate.

Con malattie generalizzate, le valutazioni diagnostiche possono includere esami del sangue, analisi delle urine o radiografie (raggi X). Per cause infettive, potrebbe essere necessario eseguire esami del sangue specializzati o prelevare campioni di tessuto per i test diagnostici. Procedure diagnostiche speciali come gli ultrasuoni possono essere utilizzate per esaminare l’occhio e il veterinario può raccomandare un rinvio a un oftalmologo veterinario.

Cause di uveite nel gatto

Ci sono molte potenziali cause di uveite nel gatto e a volte la vera causa non viene mai scoperta. Le cause comuni sono:

  • infezioni, incluse quelle virali, inclusa la leucemia felina (FeLV), virus dell’immunodeficienza felina (FIV), peritonite infettiva felina (FIP), batterica, parassitaria (toxoplasmosi, larve migratorie) o fungina (criptococcosi, blastomicosi)
  • malattie metaboliche (come il diabete)
  • ipertensione
  • tossine (tipicamente sostanze chimiche o irritanti che entrano negli occhi)
  • immuno-mediato; in particolare malattia autoimmune in cui il gatto produce anticorpi contro i propri tessuti
  • trauma agli occhi
  • danni agli occhi con conseguente fuoriuscita di proteine
  • tumori agli occhi

Ulcerazione o trauma corneale

Qualsiasi evento a carico della cornea, come perforazione o ulcerazione, può provocare uveiteUn trauma oculare penetrante può provocare la rottura della capsula del cristallino. Il rilascio di proteine ​​del cristallino causa una grave infiammazione (uveite facoclastica) di insorgenza ritardata dopo l’evento traumatico. Inoltre, un trauma penetrante può provocare l’introduzione di contaminanti batterici o fungini.

Neoplasia

Neoplasie oculari primarie, essendo il melanoma dell’iride il più comune, non inducono direttamente l’uveite, ma invece imitano l’uveite producendo cambiamenti come necrosi tissutale, emorragia e glaucoma. Il melanoma iridato diffuso è una neoplasia progressiva (che si sviluppa in mesi o anni) si presenta come un aumento della pigmentazione della superficie iridale anteriore. I gatti affetti devono essere monitorati per il grado di coinvolgimento dell’iride e dell’angolo iridocorneale, i cambiamenti nella forma pupillare e lo sviluppo di una maggiore pressione intraoculare poiché può essere necessaria l’esportazione dell’occhio.

Uveite idiopatica o immuno-mediata

Nonostante un esame oftalmico completo e un work-up sistemico, la causa dell’uveite di un gatto potrebbe non essere identificata. In alcuni casi, la valutazione istologica ha dimostrato infiltrati cellulari linfocitico-plasmocitici uveali. Questa scoperta suggerisce che una percentuale di casi di uveite felina può essere secondaria a un processo immuno-mediato.

Malattie virali

Quattro malattie virali nei gatti sono state associate all’uveite nel gatto: infezione da virus della leucemia felina (FeLV), infezione da virus dell’immunodeficienza felina (FIV), peritonite infettiva felina (FIP) e infezione da herpesvirus felino-1 (FHV-1).

FeLV e linfosarcoma.

Nei gatti infetti da FeLV sono possibili due progressioni di malattia:
1) viremia persistente e infezione progressiva o
2) infezione regressiva auto-limitante.
Esistono numerosi ceppi di FeLV, alcuni dei quali possono portare alla trasformazione maligna o alla delezione citopatica di specifiche popolazioni di linfociti e cellule ematopoietiche.

La malattia neoplastica più comune secondaria a infezione da FeLV è il linfosarcoma, che è una causa significativa di uveite nei gatti. Clinicamente, il linfosarcoma si manifesta come ispessimento dell’iride con associate lesioni color carne. Queste lesioni sono più comunemente nodulari ma possono essere diffuse, con lesioni diffuse che appaiono simili all’uveite secondaria ad altre cause.

Per quanto riguarda le lesioni oculari, uno gatto FeLV positivo deve essere valutato con cautela poiché non tutti i gatti infettati da FeLV sviluppano linfosarcoma e l’infezione da FeLV può provocare uveite secondaria ad altre malattie infettive a seguito di immunosoppressione.

FIV.

Questo lentivirus causa una sindrome da immunodeficienza acquisita nei gatti. Si ritiene che siano possibili molte modalità di trasmissione, comprese quelle in utero e dopo il parto attraverso il latte; tuttavia, si ritiene che le ferite da morso siano la causa predominante di inoculazione virale. La sindrome da immunodeficienza acquisita può verificarsi mesi o anni dopo l’infezione primaria da FIV ed è associata a gravi infezioni secondarie, malattie neoplastiche e disturbi neurologici. Le lesioni oculari osservate in pazienti infetti da FIV possono includere pars planite, glaucoma e congiuntivite cronica, ma l’uveite anteriore è il reperto clinico più frequente. Si ritiene che l’infiammazione oculare si verifichi direttamente in risposta a un effetto citopatico del virus o secondaria alla stimolazione immunitaria da parte degli antigeni virali nel tessuto oculare.L’uveite può anche verificarsi secondaria a immunodeficienza e infezioni opportunistiche associate con organismi come Toxoplasma gondii.

FIP.

La FIP del gatto è causata da un coronavirus altamente fatale che si trova principalmente nelle feci e trasmesso mediante l’ingestione o l’inalazione di particelle virali. Esistono numerosi coronavirus felini ed è stato evidenziato che il virus FIP si manifesti come secondario a mutazione spontanea del coronavirus enterico felino all’interno un ambiente. Il fatto che un gatto sviluppi una malattia clinica dopo l’esposizione virale dipende dalla risposta immunitaria dell’animale.

La diagnosi della FIP è difficile poiché al momento non sono disponibili metodi di test diagnostici affidabili. Sono disponibili test sierologici e PCR, ma non sono in grado di differenziare il coronavirus FIP da altri coronavirus felini.

FHV-1.

L’herpes virus felino è diffuso in tutta la popolazione dei gatti, attraverso le secrezioni oculari, nasali e orali e viene trasmesso per contatto diretto per lo più. Dopo l’infezione, circa l’80% dei i gatti diventano portatori infetti in modo latente. Di questi, circa il 45% dei gatti può avere la riattivazione del virus, con conseguente malattia clinica o episodi asintomatici di diffusione virale spontanea o dopo periodi di stress.

Le manifestazioni cliniche oculari più comuni dell’FHV-1 sono la congiuntivite e la cheratite, ma anche l’uveite anteriore è una manifestazione della malattia. FHV-1 può riattivarsi in periodi di stress, quindi non è chiaro se l’infezione intraoculare da FHV-1 sia una causa o il risultato di uveite felina.

Malattie micotiche

Criptococcosi, blastomicosi, istoplasmosi e coccidioidomicosi sono state tutte associate all’uveite felina.

Criptococcosi. La criptococcosi è una delle malattie micotiche più comuni nei gatti. Le basidiospore di Cryptococcus neoformans causano la malattia; si pensa che la modalità di trasmissione sia l’inalazione.Gli escrementi di piccione fungono da principale serbatoio per questo fungo.I gatti affetti sviluppano tipicamente manifestazioni respiratorie e cutanee, ma possono anche mostrare segni neurologici secondari all’estensione diretta dell’organismo attraverso la lamina cribriforme

Blastomicosi. La blastomicosi è causata da Blastomyces dermatitidis, un fungo dimorfico spesso isolato dalle feci di pipistrelli e piccioni. La maggior parte dei gatti colpiti presenta segni sistemici, tra cui anoressia, letargia, perdita di peso e compromissione respiratoria.

Istoplasmosi. L’istoplasmosi è causata dall’Histoplasma capsulatum, un fungo dimorfico che si trova più comunemente nelle feci di pipistrelli e uccelli. La maggior parte dei gatti affetti presenta vaghi segni sistemici, tra cui anoressia, letargia, peso perdita, febbre e anemia. Caso rari includono coinvolgimento polmonare, infezione scheletrica e lesioni cutanee. Si ritiene che il coinvolgimento oculare sia più comune con l’istoplasmosi disseminata che con altre micosi sistemiche feline.

Coccidioidomicosi. La coccidioidomicosi è causata da Coccidioides immitis, un fungo dimorfico che si trova nel suolo. I segni clinici tipicamente includono lesioni cutanee drenanti, ascessi, masse granulomatose sottocutanee e linfoadenopatia regionale. Le lesioni oculari possono includere essudati fibrinopurulenti nelle camere anteriore, posteriore e vitreale; endoftalmite pirogranulomatosa; corioretinite granulomatosa diffusa; e distacco della retina.

Malattie da parassiti

Toxoplasma gondii è un parassita coccidico intracellulare obbligato.I gatti, l’ospite definitivo, si infettano di toxoplasmosi ingerendo cisti di T. gondii presenti negli animali da preda.I segni sistemici di infezione includono segni clinici vaghi, come letargia, anoressia, perdita di peso e debolezza; segni di breve durata, come una diarrea e segni più gravi, come atassia, convulsioni, ittero, versamento addominale e aritmie cardiache.La sieroprevalenza dell’infezione da T. gondii nei gatti con uveite è stata riportata fino all’80,2% . T. gondii può infettare direttamente l’occhio. Oltre all’uveite anteriore, T. gondii può causare corioretinite e vasculite retinica.

Complicazioni dell’uveite nel gatto

L’uveite nel gatto può portare a glaucoma secondario perché il flusso dell’umore acqueo attraverso la pupilla o fuori dall’angolo iridocorneale viene compromesso. È stato segnalato che il glaucoma secondario si verifica fino al 50% dei gatti con uveite secondaria a malattia sistemica. Il glaucoma secondario deve essere sospettato in tutti gli occhi con uveite che hanno una pressione intraoculare relativamente normale.

L’uveite cronica è la principale causa di cataratta felina ed è spesso associata a sinechie posteriori, rubeosi iridica e membrane infiammatorie peri-iridali. Inoltre, i prodotti infiammatori all’interno l’umore acqueo possono provocare la rottura delle fibre zonulari del cristallino e, di conseguenza, la lussazione del cristallino.

Uveite gatto: come si cura

Il trattamento della uveite nel gatto è inizialmente mirato a ridurre l’infiammazione e fornire sollievo dal dolore principalmente con farmaci topici per gli occhi come i corticosteroidi (prednisolone, desametasone) o farmaci antinfiammatori non steroidei, come il flurbiprofene. Se l’uveite è il risultato di un trauma, il trattamento può includere la riparazione della lesione traumatica. Se l’uveite è dovuta ad un agente infettivo, verrà prescritta una terapia antinfettiva specifica. Se l’uveite è un sintomo di un’altra malattia generalizzata, sarà necessario trattare la malattia sottostante. Una volta escluse le cause sottostanti, possono essere utilizzati farmaci per via orale.

Uno degli obiettivi del trattamento è prevenire lo sviluppo di complicanze secondarie. Queste complicanze secondarie possono includere come abbiamo visto il glaucoma (un aumento della PIO che è doloroso e può portare alla cecità), distacco della retina, lussazione del cristallino o sinechia (sviluppo di aderenze o attaccamenti tra l’iride e la cornea o il cristallino). Per valutare la risposta iniziale al trattamento, il veterinario dovrà esaminare il tuo gatto frequentemente, a volte ogni giorno. La frequenza dei successivi esami di ricontrollo dipenderà dalla gravità della malattia e dalla risposta del gatto al trattamento.

Se trattata adeguatamente, la maggior parte dei casi di uveite inizia a migliorare entro ventiquattro ore. Se l’occhio è molto torbido o se si è verificata un’emorragia, potrebbero essere necessari alcuni giorni per schiarirsi.
Le complicanze sono più comuni dopo casi molto gravi o ricorrenti di uveite. Se si verificano complicazioni, il veterinario può raccomandare l’invio a un oftalmologo veterinario. Una grave uveite può provocare cecità irreversibile.

L’uveite gatto è contagiosa?

L’uveite nel gatto di per sé non è contagiosa, ma può essere un sintomo di alcune malattie infettive che sono contagiose. Un gatto con uveite derivante da una malattia con FeLV, FIV, FIP può essere contagioso per altri gatti, come anche un gatto con uveite causata dalla toxoplasmosi, che può essere contagioso sia per altri gatti o sia per noi esseri umani.

Leggi anche

Cerca su MicioGatto quello che ti serve:
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *