alimentazione del gatto valerio guiggi aninalissima pisa

Basta scegliere la marca di crocchette per impostare l’alimentazione del gatto? La risposta è….NO! Non basta assolutamente, il binomio alimentazione – gatto è molto più ricco ed è necessario partire da basi diverse.
Al giorno d’oggi siamo sommersi dai messaggi pubblicitari del pet food, che mostrano i cibi migliori per i nostri gatti, ma partiamo dal fatto che l’alimentazione naturale del gatto è ben altra cosa.

Dobbiamo scegliere con criterio, soprattutto per il bene del gatto, certo è però che noi umano siamo sempre molto indaffarati, e scegliere per l’alimentazione del gatto una crocchetta, può essere di sicuro più veloce rispetto che cucinare ogni giorno per il nostro micio.
Purtroppo bisogna scendere a compromessi rispetto alla miglior alimentazione per il gatto, tenendo conto del tempo (e dei soldi) che abbiamo a disposizione.

Qualche tempo fa, in occasione di Animalissima Pisa, il dott. Valerio Guiggi ha tenuto un interessante seminario in cui prendeva in esame quattro tipi di alimentazione del gatto:

  • alimentazione secca
  • alimentazione umida
  • alimentazione liofilizzata
  • alimentazione casalinga a cotto
  • alimentazione casalinga a crudo (Barf)

Senza alcuna pretesa (ma un po’….si) di stabilire quale alimentazione sia migliore rispetto ad un’altra, il dott. Guiggi ha esaminato, a suon di fonti scientifiche, quali sono i pro e i contro di questi quattro tipi di alimentazione.
Ed è importante citare le fonti scientifiche, perché “per sentito dire” non si va da nessuna parte, senza studi scientifici non ci possono essere le basi per trattare argomenti scientifici come è l’alimentazione.
Purtroppo in alcuni ambiti gli studi scientifici sono ancora pochi, ma se ci basassimo tutti su di essi, forse anche le aziende sarebbero più motivate a produrne.

Ho ripreso il seminario per il canale YouTube di MicioGatto, eccolo qui sotto, e secondo me questa è proprio la base da cui partire per impostare una alimentazione corretta del gatto, consapevoli dei pro e dei contro delle scelte che facciamo.

Spero che questo video ti risulti utile per barcamenarti e capirci un po’ di più tra i vari tipi di alimentazione, che ti vado ora a riassumere molto in breve, in base alla disamina fatta dal dott. Guiggi.

L’alimentazione secca

L’alimentazione industriale si basa sui cibi secchi ed umidi prodotti dalle aziende mangimistiche. Da anni ne siamo circondati ed in televisione si vedono centinaia di spot di crocchette per gatti.
La scelta è vasta, sia per l’umido che per il croccantino, e dobbiamo essere consapevoli di rischi e benefici di questa dieta, soprattutto se abbiamo intenzione di somministrarla al gatto a vita. Per quanto riguarda i croccantini, il dott. Guiggi mette in risalto certamente i vantaggi della dieta industriale secca del gatto, che sono soprattutto, secondo me a vantaggio del proprietario:

  • costi minori
  • maggior conservabilità
  • cibo pronto già bilanciato dal punto di vista nutritivo
  • praticità

ma ne mette in luce anche gli svantaggi:

  • contenuti in amido
  • difficoltà di dare il giusto croccantino secondo le esigenze del singolo gatto
  • lavorazione industriale degli ingredienti
  • troppa poca acqua assunta

Ma ti invito a vedere il video per saperne un po’ di più.

L’alimentazione umida

i cibi umidi per gatto secondo me potrebbero essere un buon compromesso, perché contengono più acqua rispetto ai croccantini, e si avvicinano un po’ di più alla alimentazione naturale del gatto, che è fatta di carne.
Anche per il cibo umido, con studi scientifici alla mano, il dott. Guiggi ci illustra vantaggi e svantaggi, come la questione della conservabilità, se il gatto non mangia subito l’alimento, il fatto che bisogna stare attenti se il cibo umido è completo o complementare, insomma anche su questo argomento, bisogna essere consapevoli di quello che diamo da mangiare al nostro gatto.

L’alimentazione liofilizzata

E’ un tipo di alimentazione in cui si toglie l’acqua, permettendo una gran conservabilità dell’alimento e una conservazione anche dei principi nutritivi, ma è un processo molto costoso e non tutti i cibi possono essere sottoposti a questo procedimento. Ti invito a vedere nel video anche questa interessante alternativa che ha preso in esame il dottore.

Alimentazione casalinga

L’alimentazione casalinga viene esaminata anch’essa nei suoi vantaggi e svantaggi. Sicuramente è una alimentazione che va impostata da un veterinario nutrizionista, non impostata a caso, altrimenti il gatto potrebbe avere carenze alimentari o problemi di salute dovuti ad una alimentazione errata.

L’alimentazione casalinga prevede la preparazione da parte nostra del cibo da dare ai gatti, per cui necessita di tempo, e spesso non abbiamo nemmeno il tempo di cucinare per noi stessi!
Una alimentazione corretta del gatto, per essere preparata da noi, va impostata comunque da un professionista, non possiamo improvvisare dando al gatto gli avanzi della nostra tavola, ma se formulata correttamente e seguita bene, è sicuramente una alimentazione sana per il gatto.

E, si è visto, una alimentazione equilibrata del gatto contribuisce a prevenire oltre il 70% delle patologie, che non è poco!

Alimentazione a crudo

L’alimentazione a crudo è sempre più conosciuta negli ultimi tempi, si basa sul fatto che l’alimentazione del gatto naturale è composta da prede crude, per cui è nato l’acronimo RMBD (Raw Meat Based Diet) per indicare le diete in cui si somministra al gatto (o al cane) carne cruda.
Una è la dieta Barf del dottor Billinghurst e l’altra la dieta RAW del dottor Lonsdale, oltre ad altre varianti minori.

Anche qui ci si basa su studi scientifici, così fa il dott. Guiggi, per stabilire vantaggi e svantaggi di questo tipo di dieta, e per analizzare i rischi correlati alla somministrazione della carne cruda, oltre che i vantaggi che sono stati studiati per questo tipo di alimentazione.

Da leggere dopo:

Conclusioni

Dopo aver esaminato tutti questi tipi di alimentazione domestica del gatto, quale sarà la conclusione? Quella del dott. Guiggi la potete vedere nel video, la tua me la puoi condividere qui nei commenti, ogniungo giungerà ad una propria conclusione, dopo aver guardato questo video, in piena consapevolezza di quello che fa.
Certo che non bisogna mai accontentarsi di alcune informazioni per fare delle scelte consapevoli, ma bisogna cercare di informarsi il più possibile, e MicioGatto è sempre qui anche per questo!

Alimentazione gatto: basta scegliere una marca?
5 (100%) 10 votes

Potrebbe interessarti:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *