Come avere un bel pelo lucido del gatto: alimentazione e cura

pelo lucido gatto alimentazione cura toelettatura integratori

Quando un gatto è in salute e sta bene, sia psicologicamente che fisicamente, si vede anche dal suo manto, per questo avere un pelo lucido del gatto è importante non solo dal lato estetico, ma anche come segnale della salute del nostro micio.

Ci sono diversi fattori che influiscono sulla lucentezza e morbidezza del pelo del gatto, tra cui l’alimentazione, la giusta toelettatura, le spazzolature, ma anche lo stato di salute e di stress in generale del gatto.

Quando ci si chiede come rendere lucido il pelo del gatto significa porsi una domanda globale su diversi aspetti della vita del nostro micio, non solo su eventuali shampoo o integratori per la lucentezza del pelo. Ecco dunque cosa fare per avere un gatto dal pelo morbido, setoso e lucente, perché significa che è un gatto in salute.

Il pelo lucido del gatto è un segnale

Il parametro preso in considerazione in questo articolo è la lucentezza del pelo del gatto perché è quello che balza più all’occhio quando guardiamo un gatto: se ha un pelo lucido ci dà subito l’idea della salute.

Se invece vediamo un gatto con il pelo arruffato, ispido e unto, magari con della forfora, capiamo che quel gatto non sta bene e ha dei problemi che possono essere di vario tipo.

Le caratteristiche ideali di un bel manto del gatto sono la sua lucentezza, quindi un colore vivace e che riflette il sole, quasi luccicante, la sua morbidezza al tatto, quasi una sensazione che dà la seta.

La qualità del pelo di un gatto varia anche da soggetto a soggetto e da razza a razza, può certamente capitare di accarezzare un gatto perfettamente in salute che ha un tipo di pelo più grosso e meno morbido rispetto ad un altro gatto.

In genere i gatti che vivono per strada, che si nutrono male e che magari sono soggetti a parassiti hanno un pelo più grosso, quasi infeltrito, spesso annodato e non certo lucido. I nostri gatti di casa, se sono nutriti e curati nel modo giusto sono invece più morbidi, hanno un pelo più setoso e lucido.

Spesso notiamo che il nostro gatto ha un problema quando i segnali sono eclatanti: notiamo la forfora, chiazze senza pelo, perdite di pelo eccessive, o pelo del gatto appiccicato a mazzetti e unto.

Prima che appaiano questi segnali più evidenti però se teniamo d’occhio con attenzione il nostro gatto, notiamo se ha dei periodi di pelo un po’ opaco, spento decolorato, o se il suo manto è sempre bello lucido e vitale.

In questo articolo ci occuperemo di uno stato ottimale del pelo, cioè di che cosa è sempre necessario al gatto per produrre un pelo bello, lucido e morbido. Escluderemo le patologie che saranno diagnosticate in caso dal veterinario e ci concentreremo sui fattori che determinano la qualità del pelo di un gatto sano, come:

  • alimentazione
  • auto toelettatura
  • toelettatura regolare
  • antiparassitari

L’alimentazione per un pelo lucido del gatto

L’alimentazione è importante non solo per la sopravvivenza, ma per il benessere quotidiano del gatto, che si evidenzia anche dalla lucentezza del suo pelo.

Quando l’alimentazione di un gatto cambia, cambia anche lo stato del suo pelo e spesso mole persone notano che passando da una alimentazione di scarsa qualità, soprattutto composta di crocchette, ad una alimentazione più sana e composta soprattutto di cibi umidi, la qualità del pelo migliora, ed anche il suo aspetto, diventando più lucido e morbido.

Quando un gatto presenta un pelo spento, poco vivace, potrebbe avere una leggera carenza alimentare. Non è facile stabilire che cosa con esattezza determini questa carenza, la cosa va valutata caso per caso.

Ecco che quando riusciamo ad eliminare quella carenza, l’aspetto del manto cambia e diventa più lucido, più vitale ed anche più colorato. Solo modificando l’alimentazione.

Tutti i componenti dell’alimentazione contribuiscono a determinare la lucentezza del pelo del gatto, e cioè le proteine (o, meglio, gli amminoacidi), i grassi, le vitamine e i minerali. Vediamo nel dettaglio ognuna di queste componenti, riassumendo un articolo del dott. Valerio Guiggi dedicato proprio a questi fattori determinanti per il pelo.

Proteine

Il pelo è costituito per il 95% da proteine, quindi immagina quanto sono importanti, specie per il gatto. Sono due gli amminoacidi fondamentali per il pelo: la cisteina e la tirosina.

Ogni tipo di carne contiene combinazioni di amminoacidi diverse, e una carenza di cisteina o di tirosina può determinare una eccessiva perdita di pelo del gatto e difficoltà a ricrescere.

La tirosina inoltre è legata alla produzione di melanina, che contribuisca alla colorazione del pelo, quindi una sua carenza determina anche una pigmentazione carente del pelo, una perdita di colore e lucentezza.

Direi dunque che la varietà di tipi di carne ingerita dal gatto è fondamentale per evitare carenze, e soprattutto evitare carenze di proteine in generale, quindi prediligere degli alimenti da alto contenuti proteico (di proteine della carne). Ti consiglio a questo punto di approfondire leggendo l’articolo sul miglior cibo per gatti he ho già scritto, per iniziare ad orientarti.

Acidi grassi

La carenza di acidi grassi, specie Omega 6 (l’Omega-6 essenziale per il gatto è l’acido arachidonico) e gli Omega 3 (l’Omega-3 essenziale per il gatto è l’acido alfa-linolenico) è la più frequente che si presenta in caso di perdita di lucentezza del manto del gatto.

In particolare gli Omega 6 concorrono a fare in modo che le ceramidi facciano da protettivo al pelo, e se il gatto ne è carente la pelle ed il manto si presenteranno spenti e secchi, con episodi di forfora.

La loro carenza è più frequente nelle diete dei gatti che si nutrono solamente di croccantini, perché i croccantini contengono certamente acidi grassi, ma spesso si irrancidiscono e quindi non sono più efficaci nell’organismo del gatto.

La cosa si può risolvere in un paio di settimane di dieta con cibi ricchi di Omega 6 e Omega 3 o con integratori specifici, come gli olii, o cambiando tipo di carne nella dieta, o impostando una dieta con carne a cotto o a crudo, o aggiungendo l’uovo alla dieta del gatto.

MAIKAI Olio di salmone per cani e gatti (250 ml) - 100% Naturale - Omega 3 6 - Vitamine per...

I prodotti specifici in commercio ci sono, ma l’integrazione non è da fare a caso, ma va fatta calibrando le quantità sul singolo gatto, meglio dunque farsi seguire da un veterinario nutrizionista.

Vitamine e minerali

Sono molteplici le vitamine e minerali coinvolte nella bellezza del pelo del gatto, ed in questo caso è ancora più importante non cercare di integrarle da soli a caso, perché oltre a buttare via i soldi si rischia di sovraccaricare il gatto di vitamine che non riesce a metabolizzare.

Fondamentale per il pelo del gatto è lo Zinco, che contribuisce alla crescita del pelo, il Rame che contribuisce alla sua pigmentazione, la Vitamina A e la Vitamina E che funge da antiossidante, e il gruppo di Vitamine B tutte legate alla produzione alla perdita del pelo.

Come avere il pelo lucido del gatto con l’alimentazione

Abbiamo visto che cambiare l’alimentazione a caso non è una buona idea, si rischia di apportare quantità maggiori di nutrienti che non sono necessari e non risolvere la vera carenza. La sostituzione o integrazione della dieta va fatta su consiglio del veterinario nutrizionista.

Una buona idea di base è comunque quella di variare molto la dieta durante tutta la vita del gatto. Cambiare tipo di carne, cambiare marca di cibo, cambiare composizione significa evitare di avere carenze di qualche ingrediente fondamentale.

Un altro consiglio che vale anche per avere un pelo lucido del gatto è prediligere l’alimentazione umida rispetto alle sole crocchette, o comunque integrare tra le due. Dare umido ogni giorno oltre alla dose di crocchette e soprattutto dare alimenti ricchi di proteine della carne.

Anche in questo caso non farti ingannare dal marketing del cibo industriale: vengono vendute apposite crocchette per il pelo lucido del gatto, che contengono Omega 6, Omega 3, ma non è dando il prodotto “magico” che risolviamo un problema che come hai appreso qui è più complesso.

Spesso il vero giovamento si ottiene passando totalmente alla dieta casalinga per il gatto, ma ciò va fatto con cognizione di causa e con l’aiuto di un esperto.

La cura del pelo che si fa da solo il gatto

La cura del proprio pelo è una delle attività a cui il gatto dedica più tempo (a parte dormire), quindi capisci quanto sia importante per lui il proprio manto, non solo esteticamente, ma anche perché lo protegge dal caldo, dal freddo e fa da barriera al proprio corpo.

Un gatto che non si toeletta, che non si lecca il pelo per pettinarselo, che non si pulisce dopo aver utilizzato la lettiera, è un gatto che non sta bene.

In breve tempo si ritroverà un pelo infeltrito, un pelo annodato e sporco, facendo precipitare il problema perché sarà ancora più difficile pulirlo, i batteri si accumuleranno e inizierà a perdere il pelo a chiazze.

In questo caso bisogna andare all’origine del problema: perché il gatto non si pulisce da solo? È stressato? Ha altri gatti in casa che lo rendono nervoso? Ha dolore? Ha patologie? In questo caso solo una visita veterinaria può aiutarci, perché un gatto che non si toeletta ha sicuramente qualcosa che non va.

L’igiene del pelo del gatto

Possiamo sicuramente contribuire all’aspetto del pelo del nostro gatto con una regolare toelettatura, cioè spazzolandolo spesso.

Specialmente in un gatto a pelo lungo l’igiene del pelo del gatto è fondamentale, la spazzolatura va fatta regolarmente per evitare nodi, accumuli di sporco e di grasso che rovinano il pelo e la cute. A mali estremi bisogna andare incontro a una rasatura del pelo del gatto.

PAKEWAY Spazzola per Gatto e Cani Autopulente, Toelettatura Spazzola Gatti Pelo Corto / Lungo...

Anche l’applicazione regolare degli antiparassitari è importante per la lucentezza del pelo, ma soprattutto per la salute del gatto.

A volte per l’igiene del pelo del gatto è necessario anche un bagno, con shampoo appositi per gatti, che promettono un pelo morbido. Anche qui non esiste la bacchetta magica. se il gatto ha il pelo spento perché ha carenze alimentari, puoi fargli tutti gli shampoo che vuoi ma non risolverai il problema.

Conclusioni

Come spesso accade in questi articoli arrivo alla conclusione di quanto importante sia l’alimentazione. Anche per un aspetto considerato meramente estetico come il pelo lucido del gatto è l’alimentazione a farla da padrone e ci rendiamo conto che non si tratta solo di estetica ma di qualità della vita.

Un gatto, come ogni altro animale, ha diritto non solo al cibo per la sopravvivenza, ma al benessere, che passa anche dalla bellezza del suo pelo.

Quando accarezziamo il nostro gatto e sentiamo un pelo morbido, setoso, sano, possiamo congratularci con noi stessi per come lo accudiamo e oltre alla fortuna che ci ha dato la natura possiamo dirci bravi.

E ora raccontami del tuo gatto: com’è il suo pelo? Hai mai provato a cambiare alimentazione per favorire un manto più lucido? E come è andata? Scrivimi tutto nei commenti qui sotto.

Leggi anche

5/5 - (10 Voti)
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *